Manfredonia
Tradizione, trascrizione, traduzione e farcizione a cura di Pascalonia

A cosche

Di:

Chjamateme na chjaveche,
chjamateme fetènde,
ma sènza na cosche
ne ngambe averamènde.

Se ije mange paste e cicere
o ndurce e fasule,
ije sènde nu pjacere

quanne scurrègge u cule.

Sarrà nu brutte vizje,
sarrà cchjù nu sfizje,
ma ji jome de parole
chi ce lla mandene?

Tu, mo, ca tine mènde,
dimme averamènde,
pjéce pure a ttè, cacchjone,
a ssènde cudd’addore?

E po’, na fèmmena ngravedanze,
ca tene u delore de panze,
deciteme na cosche, fragranze,
ne nfernèsce ogne lagnanze?

Sop’a nu bbèlle cèsse
nuje sime tutt’u stèsse:
ll’uguagljanze de lla cosche
llu dicene pure a Mosche.

Pe qquèste chi ll’affoche
ji propete u rè d’i fèsse.
Che ffè ca ne jèsse da fore,
u fite ce sènde u stèsse.

Tatà me deceve: “ninde véle,
a cosche vole u sfoche.
A cose ca fé cchjù méle
ji quann’a cacce a poc’a poche”.

Sendite a mmè, ricche e putènde,
cche sèrve tutte sta recchèzze,
quanne ne ngapite a bbellèzze
de na cosche a curpe cundènde.

Penzéte pe nu mumènde,
se a Rome, nd’u Parlamènde,
nvece de fé tanda mosse,
sfugassere pe na bbèlla cosche.

E sì ca tanne ce trove ll’accorde,
tutte a sfjatéje sop’i bbanghe,
e cj’avanzarrijne i solde,
ce pajasse a chi lla fé cchjù grosse.

Tradizione, trascrizione, traduzione e farcizione a cura di Pascalonia

La scorreggia

Chiamatemi una chiavica,/ chiamatemi fetente,/ ma senza una scorreggia/ non campo veramente./ Se io mangio pasta e ceci/ o troccoli e fagioli/ io avverto un piacere/ quando scorreggia il culo./ Sarà un brutto vizio,/ sarà più (che) uno sfizio,/ ma è uomo di parola/ chi se la trattiene?/ Tu, adesso, che poni mente,/ dimmi veramente,/ piace pure a te cacchione/ avvertire (un po’) quell’odore?/ E poi una donna in gravidanza/ che tiene il dolore di pancia,/ ditemi una scorreggia in fragranza/ non termina ogni lamento?/ Sopra un bel cesso/ siamo tutti gli stessi./ L’uguaglianza della scorreggia/ l’affermano pure a Mosca./ Per ciò, chi l’affoga/ è proprio il re dei fessi./ Che cosa fa che non esce fuori,/ la puzza si avverte lo stesso./ Papà mio, mi diceva:” niente vale,/ la scorreggia vuole lo sfogo./ La cosa che fa male/ e quando fuoriesce a poco a poco.”/Ascoltatemi, ricchi e potenti,/ a che cosa serve tutta questa ricchezza,/ quando non comprendete la bellezza/ di una scorreggia a corpo contento./ Pensate per un momento,/ se a Roma, nel Parlamento,/ invece di fare tante discussioni,/ sfogassero con una bella scorreggia./ Sì che allora si ritrova l’accordo, / tutti a solfeggiare sopra i banchi,/ e avanzerebbero i soldi (indennità),/ si pagherebbe (soltanto) chi la fa più grossa (rumorosa).

Tradizione, trascrizione, traduzione e farcizione a cura di Pascalonia



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati