Cronaca

L’Associazione Qualità della Vita riparte dalle donne

Di:

Foggia. Si è svolto ieri, nella suggestiva cornice del Museo civico di Foggia, il terzo appuntamento del ciclo #aqvincontra, nel corso del quale l’Aqv ha cercato di indagare “l’immenso femminile” mettendo in rete le esperienze dell’associazionismo, dell’informazione, dell’università e della scuola. Ad aprire la serata è stato il Presidente dell’Associazione, l’avv. Luigi Miranda, che si è soffermato sul ruolo chiave delle donne “che, non possiamo negarlo, hanno una marcia in più nel mondo della politica e nei luoghi decisionali dell’Italia e dell’Europa”.

“Il mondo delle donne” ha proseguito Miranda “è un mondo di ingegni e talenti particolarmente caro alla nostra associazione che, ad apertura del nuovo anno sociale, ha ritenuto opportuno ripercorrere il difficile cammino che le donne hanno compiuto negli ultimi decenni per costruire l’odierna società, sfidando l’ostilità del mondo circostante”. “Un percorso tutto in salita” prosegue Miranda “ partito dalla rivendicazione di ruoli e diritti, ma soprattutto ricco di occasioni e opportunità”.

Relatrice di punta della serata è stata la prof.ssa Milena Sinigaglia, Prorettore dell’Università di Foggia, prima donna a ricoprire nella nostra città questo importante incarico e tra le pochissime in tutt’Italia a rivestire un ruolo di così rilevante prestigio culturale. “La mia storia personale e professionale” ha confidato la prof.ssa Sinigaglia “è stata la dimostrazione che quel tetto di cristallo che spesso incombe sulla testa di tante professioniste, impedendo loro di assumere ruoli di prestigio, si può infrangere con il talento e la determinazione, accettando le sfide con il mondo e con se stesse”.

La serata, ha, inoltre, ospitato il dott Basilio Paolo Colucci, autore del romanzo “Sette Note di Vita”, il quale, ripercorrendo gli ultimi 40 anni del 1900, ha parlato di atmosfere figlie della dolce vita e di quel sogno italiano che ha dato la stura alla rivoluzione delle donne, di cui oggi tutti possono beneficiare. Medico di professione e scrittore per passione, Basilio Paolo Colucci ha intrecciato storie e destini di donne e di uomini, come le sette note sul pentagramma, dando vita ad un armonico viaggio lungo quattro decenni, in cui a muovere i fili della società sono stati i sogni delle donne che si sono avvicendate, generazione dopo generazione.

La serata è stata moderata dalla dott.ssa Maria Grazia Frisaldi, direttore responsabile del mensile foggiano “6Donna”, unico free-press di genere della Puglia, che si è soffermata sull’importanza dell’informazione di genere, “che non vuol dire applicare un filtro rosa alla realtà, distorcendola, ma togliere i paraocchi ad una società a senso unico ed accettare che esiste un altro punto di vista – quello delle donne – che non è certamente esclusivo ma che è necessario per una visione delle cose che sia realmente plurale”.

La serata è stata impreziosita dalle declamazioni del dott. Pierpaolo Orlando, direttore dell’Accademia di dizione di Foggia, che ha interpretato dei passi del romanzo “Sette Note di Vita” ed alcune pietre miliari di Madre Teresa di Calcutta e Alda Merini.

A chiudere la serata sono state le studentesse del corso di moda dell’istituto “Pacinotti” di Foggia, che hanno presentato otto eleganti abiti sartoriali, interamente ideati e prodotti da loro, sotto la vigile guida del Dirigente scolastico, Prof.ssa Maria Antonia Vitale e della prof.ssa Paolina La Manna. “Il nostro compito” ha affermato la Dirigente “è sostenere la creatività delle nostre giovani studentesse e future donne, incanalarla verso gli obiettivi e liberarla, poiché le donne hanno l’impareggiabile talento di orientare la propria attitudine verso la realizzazione del Bene”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati