FoggiaSan Severo
Il provvedimento, concluso nella mattinata odierna, ha permesso di cautelare una lussuosa villa con annesso terreno ad Apricena

Reati fiscali, sequestro beni per 800mila euro a San Severo

Dopo tale operazione e sempre allo scopo di dissimulare il patrimonio personale, operava un secondo conferimento dei richiamati beni in un “Trust”, con sede legale in Malta


Di:

San Severo. I Finanzieri del Comando Provinciale di Foggia hanno concluso una complessa ed articolata indagine di polizia giudiziaria, coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia, avviata a seguito del fallimento di una società cooperativa di San Severo (FG), operante nel settore dei servizi di assistenza socio-sanitaria.

La prima fase dell’attività ispettiva ha consentito di accertare che i responsabili della cooperativa, nell’arco di due anni, hanno sistematicamente omesso il versamento di contributi previdenziali all’I.N.P.S. per quasi 1,5 milioni di Euro e di ritenute dovute al Fisco per oltre 750.000 Euro, a danno di ben 121 dipendenti.

I conseguenti “guadagni” illeciti, ottenuti attraverso l’omesso versamento delle ritenute fiscali e previdenziali, venivano sistematicamente sottratti alla cooperativa e riversati agli indagati, attraverso retribuzioni che arrivavano fino a 200.000 Euro annui, del tutto sproporzionate rispetto alle attività lavorative effettivamente svolte, in alcuni casi anche a favore di complici assunti fittiziamente.

I successivi ed ulteriori approfondimenti investigativi, inoltre, hanno evidenziato che il dominus dell’organizzazione, P.A. di anni 64, originario di San Severo, al fine di schermare il patrimonio personale dalle pretese dei creditori della compagine societaria (in primo luogo l’Erario), nel frattempo dolosamente portata al fallimento, conferiva i propri beni immobili, per un controvalore di due milioni di dollari americani, in una società avente sede legale nella Repubblica delle Seychelles e sede amministrativa in Irlanda.

Dopo tale operazione e sempre allo scopo di dissimulare il patrimonio personale, operava un secondo conferimento dei richiamati beni in un “Trust”, con sede legale in Malta.
Le meticolose indagini svolte dai militari della Compagnia di San Severo hanno svelato che le citate operazioni di trasferimento dei beni in “paradisi fiscali” costituivano un mero espediente giuridico, utilizzato dall’indagato principale e dai suoi complici al fine di preservarli da possibili “aggressioni” del Fisco.

La Procura della Repubblica di Foggia, condividendo gli assunti investigativi, ha richiesto ed ottenuto un decreto di sequestro preventivo per equivalente sino all’importo di circa 800mila euro, pari al profitto del reato, nei confronti di P.A. e dei complici B.D. di anni 60, M.A.P. di anni 34 e I.R. di anni 49, originari di San Severo (Fg) e di Apricena (Fg).

Il provvedimento, concluso nella mattinata odierna, ha permesso di cautelare una lussuosa villa con annesso terreno ad Apricena, 5 appartamenti, 2 autorimesse e 2 locali commerciali in Apricena e Termoli oltre ad un’autovettura.

Redazione StatoQuotidiano.it

Reati fiscali, sequestro beni per 800mila euro a San Severo ultima modifica: 2017-10-28T09:28:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi