Manfredonia

Fotovoltaico. “Installati gli impianti la strada è impercorribile”


Di:

Capannone pannelli fotovoltaici, (archivio)

Manfredonia – “PER installare l’impianto l’asfalto è stato divelto. Passare è impossibile. La strada deve tornare come prima”. “Se il danno è stato compiuto interverremo”. Segnalazione di un residente della località Macchia Rotonda di Manfredonia, risposta dei responsabili della Satel Renewable srl, società sita nella Zona industriale Asi Frazione loc. Incoronata – Foggia, dedita alla progettazione di impianti per la produzione di energia alternativa, altrimenti detto: quella generata da fonti rinnovabili.

La Satel – Macchia Rotonda Solar srl (Focus impianti Satel e Focus impianti Satel 2) ha installato infatti in località Macchia Rotonda , agro di Manfredonia, alcuni impianti per lo sfruttamento dell’energia da fonti rinnovabili: gli impianti Cifaldi – potenza di 3,6 MW – e Pasqualicchio – potenza di 7,2 MW -, oltre all’impianto Verginuolo nell’omonima località, con la Regione Puglia che ha provveduto a rilasciare le relative autorizzazioni. Fra le opere connesse: il collegamento in antenna a 150 kV con la sezione a 150 kV di una nuova stazione elettrica (S.E.) 380/150 KV, da inserire in entra – esce alla linea a 380 Kv “Foggia – Andria”.

Tra l’altro, la Satel Renewable srl, con nota del 19.02.2009, aveva fatto richiesta di rilascio Autorizzazione Unica alla costruzione ed all’esercizio di un impianto di produzione di energia elettrica da fonte solare (fotovoltaica) di potenza totale pari a 3,6 MW nonché le opere connesse e le infrastrutture indispensabili alla costruzione dell’impianto stesso da realizzarsi nel Comune di Manfredonia denominato “Cifaldi”. Dopo i diversi pareri favorevoli anche quelli dell’Arpa Puglia di Foggia a condizione che (tra l’altro) “la recinzione” fosse stata “priva di cordoli in c.a. con montanti infissi del terreno”, l’esclusione dell’utilizzo “di materiale cementizio per livellamento e stabilizzazione di aree al servizio degli impianti” .Inoltre: “i montanti della struttura di sostegno dei pannelli fotovoltaici siano infissi direttamente nel terreno senza la realizzazione del cordolo in c.a. compatibilmente con le caratteristiche del terreno” e tra l’altro “dopo le operazioni di montaggio” il terreno doveva essere “riportato alla sua naturalità permettendo l’assorbimento delle acque piovane ed il naturale deflusso delle stesse”.

Anche il Comune di Manfredonia con Delibera di Giunta Comunale n.241 del 23/06/2010 aveva espresso parere favorevole in merito agli aspetti urbanistico – paesaggistici; il legale rappresentante della Società Satel Renewable S.r.l. aveva dunque dichiarato di “avere la disponibilità delle aree, in virtù di contratti di locazione già sottoscritti”; l’intervento non interessa aree sottoposte a vincolo dal “Piano di Tutela delle Acque” approvato dal Consiglio Regionale della Puglia con Delibera n.230 in data 20.10.2009. Alla luce dei pareri espressi dagli Enti coinvolti nella conferenza di servizi, con nota del 21 ottobre 2010 il Servizio Energia, Reti e Infrastrutture materiali per lo sviluppo aveva comunicato agli Enti la chiusura della Conferenza. Successivamente il parere del Consorzio per la Bonifica della Capitanata di Foggia – ad integrazione del parere già espresso il 08/03/2010 – si era espresso nuovamente con parere favorevole con nota del 05/11/2010, relativamente all’attraversamento con cavidotto elettrico della particella 45 del foglio 128 del comune di Manfredonia, intestato al Demanio Pubblico dello Stato per le Opere di bonifica, con prescrizioni “ Particolare cura per (..) protettivo del cavidotto al fine di evitare, anche nel tempo, interazioni con l’apparato radicale delle piante“.

Una parte della strada lesionata, in località Macchia Rotonda (ST)

OPERE CONNESSE. Fra le opere connesse: il collegamento in antenna a 150 kV con la sezione a 150 kV di una nuova stazione elettrica (S.E.) 380/150 KV, da inserire in entra – esce alla linea a 380 Kv “Foggia – Andria”, già autorizzata con le relative opere elettriche con Determina del Servizio Energia, Reti e Infrastrutture materiali per lo sviluppo n. 75 del 2 Marzo 2011 a favore della Develop S.r.l. per un parco eolico nel Comune di Manfredonia e una Cabina Utente all’interno del campo. L’Autorizzazione Unica avrà durata di anni venti, per le opere a carico della Società, a partire dalla data di inizio dei lavori più altri nove anni dalla prima scadenza e durata illimitata, per le opere a carico della Società distributrice dell’energia

Come riferito da responsabili della società, i lavori sarebbero partiti a fine estate 2010 e gli impianti ad oggi sarebbero “funzionanti”. “Spero che la mia segnalazione venga letta anche dal nostro sindaco Riccardi – dice il lettore – Mio padre è proprietario di un terreno nei pressi di Borgo Mezzanone, più precisamente contrada Macchia Rotonda. Causa l’installazione dell’impianto fotovoltaico la Satel ha provocato lesioni in zona Macchia Rotonda alla strada interpoderale che conduce verso i fondi (c’è anche l’ipotesi di un possibile “tratturo regio”). “Attendiamo ancora la ristrutturazione della strada ma ad oggi ancora nulla. Spero che questa strada venga ripristinata perchè, se non sarà così quest’inverno saremmo costretti ha percorrere queste strade con mezzi aereomobili”.

La Satel a Stato: “massima disponibilità per un sopralluogo sul posto, atto a verificare le condizioni della stradina ed ipotetiche rotture della strada provocate dall’installazione dei nostri impianti. Di certo se l’asfalto divelto è stato causato dall’intervento della società sarà la stessa società ad intervenire”

Località Macchia Rotonda, l'asfalto divelto lungo la strada interpoderale (ST)

Nota. Si ricorda che su proposta dell’assessore all’Assetto del Territorio Angela Barbanente, la Giunta Regionale aveva approvato un importante Protocollo d’Intesa tra Regione Puglia, Enti Locali e società che propongono impianti per la produzione di energia da fonte rinnovabile. “Le aziende –spiegò l’assessore-, che richiederanno autorizzazioni per nuovi impianti di energia rinnovabile, come gli impianti eolici o fotovoltaici, potranno realizzare opere di mitigazione e compensazione per il riequilibrio ambientale. Ad esempio, potranno rinaturalizzare le aree, demolire manufatti detrattori per il paesaggio, ripristinare e contribuire alla rifunzionalizzazione di ecosistemi o interventi a favore del risparmio energetico”. Il Protocollo d’Intesa riguardò anche il Comune di Manfredonia, nella misura in cui gli impianti fotovoltaici della Satel Renewable-Macchia Rotonda Solar srl sono collocati nella parte bassa del bacino idrografico del Cervaro, insistendo direttamente sull’area interessata dal progetto ‘Corridoio ecologico del Cervaro’. Il torrente Cervaro attraversa un’ampia area punteggiata da boschi, pascoli, ecosistemi di elevato valore naturalistico e piccoli corsi d’acqua che connettono le alture dei Monti Dauni al Tavoliere e alle zone umide del Golfo di Manfredonia. E proprio in questa prospettiva che la Satel Renewable-Macchia Rotonda Solar srl si era impegnata con il Comune di Manfredonia a realizzare misure di compensazione di riequilibrio ambientale nel ‘Corridoio ecologico del Cervaro’, predisponendo un piano dettagliato di opere di rinaturalizzazione, consistenti in rimboschimenti con specie autoctone e nella creazione di radure lasciate alla naturalità. La Società garantì, inoltre, la manutenzione degli interventi per tre anni a decorrere dall’ultimazione dei lavori. Allo scadere dei tre anni, la proprietà delle aree acquisite dovrebbe essere ceduta a titolo gratuito al Comune di Manfredonia, che s’impegna fin d’ora a preservarne l’uso naturalistico.


g.defilippo@statoquotidiano.it

Fotovoltaico. “Installati gli impianti la strada è impercorribile” ultima modifica: 2011-11-28T19:53:29+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • michele lauriola

    E’ TUTTO VERO.
    LO STATO DELLE STRADE E’ ASSOLUTAMENTE PENOSO.
    PURTROPPO MOLTO SPESSO CAPITA CHE TANTE IMPRESE CHE HANNO FATTO QUESTO TIPO DI INTERVENTI ROMPONO LE NOSTRE STRADE.
    MIO PADRE HA UN TERRENO LI VICINO, ED E’ TUTTO VERO QUELLO CHE DICE QUESTA PERSONA.
    LE STRADE SONO TUTTE ROTTE, NON SOLO PER QUI SCAVI AUTORIZZATI SUGLI ARGINI PER I CAVIDOTTI….
    MA ANCHE AL CENTRO DELLE STESSE A CAUSA DI TUTTI I MEZZI PESANTI CHE SONO TRANSITATI SOPRA.
    LE STRADE SONO DIVENTATE UN VERO PERICOLO.
    PER L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE… E AL SINDACO RICCARDI….
    FONTEROSA, MACCHIA ROTONDA, B. MEZZANONE SONO TUTTI TERRITORI DI MANFREDONIA, ANDATE A VERIFICARE LO STATO DELLE NOSTRE STRADE IN QUELLE ZONE, E VI RENDERETE CONTO CHE LI SI E’ CREATO NON SOLO UN DANNO PATRIMONIALE PER IL COMUNE E QUINDI X I CITTADINI MA ANCHE E SOPRATTUTTO UNA QUESTIONE DI SICUREZZA STRADALE PER TUTA LA GENTE, COME IL MIO PAPA, CHE GIORNALMENTE E’ COSTRETTA A PERCORRERE.


  • Anonimo

    purtroppo, caro michele lauriola la situazione non cambierà mai se noi dico noi, che ci troviamo in queste zone non siamo uniti.Queste aziende fanno i loro comodi……poi invito ha tutti gli agricoltori che si trovano nelle zone circostanti, ha non restare insensibili ha questi problemi è riunirsi per poter risolvere questi problemi.Perchè oltre allo stato pietoso che si trovano le strade comunali, si stanno aggiungendo anche quello delle strade provinciali (strada che porta a borgo mezzanone se non erro dovrebbe essere la sp 78)che è diventata impossibile da percorrere; inoltre se non vengono presi dei provvedimenti qualcuno non ci rimetterà solo una ruota rotta ma qualcosa di più importante come la vita.


  • pasquale

    purtroppo, caro michele lauriola la situazione non cambierà mai se noi dico noi, che ci troviamo in queste zone non siamo uniti.Queste aziende fanno i loro comodi……poi invito ha tutti gli agricoltori che si trovano nelle zone circostanti, ha non restare insensibili ha questi problemi è riunirsi per poter risolvere questi problemi.Perchè oltre allo stato pietoso che si trovano le strade comunali, si stanno aggiungendo anche quello delle strade provinciali (strada che porta a borgo mezzanone se non erro dovrebbe essere la sp 78)che è diventata impossibile da percorrere; inoltre se non vengono presi dei provvedimenti qualcuno non ci rimetterà solo una ruota rotta ma qualcosa di più importante come la vita.


  • Anonimo

    comunque in merito a queste aziende che vanno spe…..o sulle proprietà altrui, dovrebbe intervenire il comune, perchè queste ditte compreso i responsabili, non faccio nomi se no…., si presentano in proprietà private offrendo dei contratti che non (sarebbero, ndR) regolari è poi, dicono di essere delle brave persone.Ora mi riferisco al comune, fatemi un esame di coscienza perchè questa gente è solo s…….a;giocano sporco persone che dicono di essere millionari…. alla faccia della giustizia sociale. Ora mi rivolgo al sindaco, avete il diritto di vigilare sulle opere che queste di ditte realizzano.Non aspettate la rovina dei nostri territori perchè ha passato una vita ha lavorare nei campi ha il diritto di salvaguardare la propria proprietà da questi intrusi è facinorosi….per non dire altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi