Politica

Lospinuso: “Pelillo contro Taranto. Ma che gli abbiamo fatto?”


Di:

Il consigliere Lospinuso (immagine d'archivio)

Il consigliere regionale Lospinuso (immagine d'archivio)

Taranto – “MA che male hanno fatto Taranto e la sua Provincia al loro unico Assessore regionale, e comunque che abbiamo fatto di male noi per meritarci questa sorta di Attila, che sembra non avere altro scopo che colpirci?”. Lo ha detto in una nota il Consigliere regionale e Coordinatore provinciale di Taranto del PdL, Pietro Lospinuso.

“E’ veramente incredibile che il nostro rappresentante nel Governo regionale si scateni –scavalcando ‘a sinistra’ perfino il Governatore ed il Sindaco di Taranto – contro ogni occasione di sviluppo del nostro territorio, da ‘Tempa Rossa’ alla nuova centrale ENI, sulla cui necessità imprenditori e Sindacati hanno manifestato pubblicamente insieme, avendo – a differenza del sullodato – ben chiaro il quadro di un’economia locale che non può più permettersi di perdere o di rallentare investimenti irripetibili, respingendoli o rinviandoli eternamente alla calende greche. Trattasi dello stesso personaggio che ha di fatto consentito, se non promosso, lo smantellamento indiscriminato della nostra Sanità pubblica, per liberarne gli spazi a favore di un progetto super-futuribile ed onerosissimo come quello del ‘San Raffaele’, originariamente affidato – con gli interessi sterminati che comportava – al suo Socio di studio, salvo poi dover incassare un umiliante stop che da solo avrebbe giustificato dignitose dimissioni. Adesso apprendiamo che, dopo essere stato sconfessato presso che su tutto perfino dalla sua coalizione, finalmente seppur tardivamente accortasi dei disastri che stava combinando, non è nemmeno in grado di redigere il Bilancio della Regione. C’è qualcuno che ci spieghi perché e per chi dobbiamo continuare a difendere gli interessi vitali della nostra terra da chi dovrebbe rappresentarli ed invece spara loro addosso?”.


Longo: “Bilancio o esercizio provvisorio: non si perdano di vista i cittadini”.
“Il dialogo tra il governatore Vendola ed il suo assessore al Bilancio, Pelillo, ricorda tanto quello tra Berlusconi e Tremonti. Ma più che un dialogo sembra un continuo conflitto”, a sostenerlo in una nota è il consigliere regionale dell’Udc, Peppino Longo. “Il quadro è abbastanza chiaro – prosegue Longo – con da una parte il governatore che spinge sulla preparazione del bilancio, dall’altra Pelillo che vuole ricorrere all’esercizio provvisorio. In mezzo, purtroppo, ci si dimentica che ci sono i pugliesi i quali chiedono chiarezza e che, con ogni probabilità, saranno chiamati ad altri sacrifici. Alle misure del governo centrale, infatti, si affiancheranno quelle del governo regionale che ha già annunciato di non poter far sconti sulle tasse del 2012. Vendola e Pelillo mettano da parte tutti gli eventuali contrasti che sono sorti tra loro, dimentichino le grandi manovre in atto per le prossime elezioni amministrative di Taranto e presentino un bilancio che guardi alla Puglia ed ai pugliesi”.
“Vendola intensifichi i contatti con il governo Monti – continua il consigliere regionale Udc – e cerchi di comprendere cosa c’è in serbo per le Regioni, e si regoli di conseguenza: la strada del dialogo è sempre quella giusta”. “Bilancio o esercizio provvisorio – conclude Peppino Longo – la cosa più importante è non perdere mai di vista i cittadini e le loro tasche, ormai vuote di soldi e piene di polemiche”.


Redazione Stato

Lospinuso: “Pelillo contro Taranto. Ma che gli abbiamo fatto?” ultima modifica: 2011-11-28T15:18:10+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi