Foggia
Lo riporta il quotidiano della sanità

‘Metodo Di Bella’; Tribunale: ‘Asl Foggia paghi le cure’

"La Asl di Foggia è stata condannata perché, su di loro, "i farmaci associati alla cura con il metodo Di Bella - argomenta il giudice - si sono rivelati efficaci e insostituibili, essendo fallite le prescrizioni terapeutiche offerte dalla medicina ufficiale"

Di:

Foggia – ASL/FG condannata a rimborsare le spese sostenute da due pazienti – colpite da un tumore al seno – curatesi con il cosiddetto ‘metodo Di Bella’. E’ quanto riporta il sito quotidianosanita.it

Da raccolta dati, “due donne, madre e figlia, rispettivamente di 65 e 37 anni”, avevano “scoperto di avere entrambe un tumore al seno, a pochi mesi di distanza l’una dall’altra”. “La più giovane, dopo il fallimento delle chemioterapie, racconta di non essersi data per vinta e di essersi rivolta al figlio del medico modenese, Giuseppe Di Bella”. “Dopo un anno e mezzo i risultati sono stati visibili – racconta la donna – e alla fine dell’anno successivo le metastasi erano pressoché scomparse, lasciandomi solo una piccola cicatrice al fegato, così come hanno potuto constatare i medici dello Ieo di Milano che hanno dovuto prendere atto, nonostante le loro certezze, della nuova situazione”.

La Asl di Foggia è stata condannata perché, su di loro, “i farmaci associati alla cura con il metodo Di Bella – argomenta il giudice – si sono rivelati efficaci e insostituibili, essendo fallite le prescrizioni terapeutiche offerte dalla medicina ufficiale. Inoltre una terapia farmacologica è indispensabile se è efficace ed è insostituibile se, per le particolari condizioni del soggetto, gli altri farmaci del prontuario dovessero risultare incompatibili o concretamente inefficaci”.

Lo riporta il sito quotidianosanita.it

‘Metodo Di Bella’; Tribunale: ‘Asl Foggia paghi le cure’ ultima modifica: 2014-12-28T20:01:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi