Manfredonia

Spettacolo fine anno ‘Concerto bandistico di Manfredonia’ (FT)

Di:

Manfredonia – SVOLTOSI ieri, 27 dicembre nel Teatro Lucio Dalla, il tradizionale appuntamento dell’esibizione musicale di fine anno, eseguita dal Concerto Bandistico “Città di Manfredonia”, magistralmente diretto dal Maestro Direttore Concertatore Giovanni Esposto, con il patrocinio del Comune di Manfredonia e dell’Assessorato alla Solidarietà, Cultura e Politiche Giovanili.

L’evento è stato caratterizzato da brani classici e moderni, con la partecipazione del cantante Michele Bottalico. Durante la manifestazione, il Sipontino Franco Rinaldi ha ripercorso la storia del gruppo musicale, già presente prima dell’unità d’Italia, sui suoi Maestri e Solisti, soffermandosi sull’Emerito Maestro di Banda Lorenzo Leporace, che tenne la direzione del Complesso Musicale dal 1955 fino a pochi anni della sua morte, avvenuta nell’Agosto del 2005, alla veneranda età di 94 anni e del Prof. Michele Castigliego, solista di clarinetto scomparso nel marzo del 2014.

Il Concerto Bandistico ha voluto onorare queste due colonne, consegnando come attesto una targa ricordo alla moglie del compianto Michele Castigliego, dopo aver ascoltato “Prestito d’Amore”, brano composto proprio da prof. Michele ed eseguito dal prof. Gianluca Gelsomino e alla figlia Maria, del Maestro Lorenzo Leporace. Il Concerto Bandistico ha voluto ringraziare inoltre il giovane fotografo Antonio Troiano, con una targa per la professionalità e dedizione nei confronti della Banda per i numerosi servizi cine-fotografici svolti durante le varie manifestazioni. Infine è stato consegnato un attestato di affetto allo storico e amico Franco Rinaldi e al Cantante Michele Bottalico.

FOTOGALLERY ANTONIO TROIANO

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Spettacolo fine anno ‘Concerto bandistico di Manfredonia’ (FT) ultima modifica: 2014-12-28T23:42:50+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • musicista

    Ha stonato l’esecuzione del cantante: aveva il microfono troppo attaccato alla bocca e a volume così alto da coprire il suono dell’orchestra di fiati (come è più giusto chiamare la banda quando si esibisce in concerto) e l’esagerazione del mettersi in mostra. In generale era tutto eseguito bene, tranne per quanto riguarda l’espressività e il “respiro musicale”. Il “Va pensiero” era troppo ritmato e il valzer “Sul bel Danubio blu” al contrario poco ritmato e troppo veloce a scapito dell’espressività. Per il resto tutto ok.


  • Eccellente fotografo e ottima persona

    Bravo Antonio Troiano, cosi giovane e cosi preparato, forse non tutti sanno che il tuo lavoro si apprezza anche da foto pubblicate da “Stato Quotidiano”, avete creato un ottimo binomio. Auguri per un Felice Anno Nuovo a te al Direttore Dott. Giuseppe De Filippo e a tutta la redazione.


  • Redazione

    Un ringraziamento di cuore da tutti noi, buon 2015, a presto, a disposizione; Statoquotidiano.it

  • per il musicista,non giudicare perche il concerto e riuscito benissimo..


  • musicista

    1) non giudico, ma critico, ed è stata una critica positiva; ho solo puntualizzato qualche aspetto

    2) ho tutte le qualifiche per esprimere un parere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi