CulturaEditorialiManfredonia
A cura di Paolo Cascavilla

L’Orlando Furioso, Galileo Galilei e le “mance” di Renzi

Nel 1516 (cinquecento anni fa) venne pubblicata a Ferrara la prima edizione dell’Orlando Furioso

Di:

All’inizio vi è Angelica che fugge, e dietro, all’inseguimento, una schiera di guerrieri innamorati. In particolare ve ne è uno: Orlando, il principe dei paladini di Francia, un guerriero senza macchia e paura, difensore della fede e del re. Orlando ama e crede che non può non essere riamato; ma quando scopre che Angelica ha scelto un altro (i loro nomi intrecciati sono scritti sugli alberi, sulle pietre, ovunque …) diventa furioso, folle, ma di una follia mai vista, spaventosa, distruttrice. Chi racconta è il saggio Ludovico, il quale ci mette in guardia che di cervello ne ha poco pure lui, perché la sua donna glielo consuma giorno per giorno. Le avventure, gli amori, le audaci imprese si svolgono per tutta la terra, ma Ludovico ama viaggiare con la fantasia sulla carta geografica, e così non si allontana da Ferrara (e cioè dalla sua donna).

Nel 1516 (cinquecento anni fa) venne pubblicata a Ferrara la prima edizione dell’Orlando Furioso.

Per recuperare il cervello di Orlando, Astolfo con l’ippogrifo deve arrivare sulla luna, dove si deposita tutto ciò che si perde sulla terra. Solo la pazzia “sta qua giù, né se ne parte mai”. Ci sono montagne di ampolle e quella più grande porta la scritta “Senno d’Orlando”. Tutti ne hanno perduto una parte, nessuno ce l’ha per intero sulla terra. Chi lo ha perso nel gioco e chi nell’amore, nel potere o nella ricerca della fama, negli inutili progetti o nei desideri vani. Anche papi e sovrani e coloro che sono ritenuti sapienti ne hanno perso un bel po’. Astolfo prende l’ampolla e Orlando rinsavisce… L’opera è la “gionta” (continuazione) di un’altra opera, che a sua volta lo è di un’altra e poi di un’altra…

Prima di Natale in una libreria ho visto alcune ragazze, che si consultavano, guardavano incuriosite… Poi discutevano con la commessa del negozio se potevano fare un pacco regalo. Erano i diciottenni, beneficiari del bonus di 500 Euro (le cosiddette “mance” di Renzi). Mi hanno spiegato loro come funziona il bonus ed erano contente, eccitate dal fatto che avevano speso chi 50, chi 70 Euro in libri, ma avevano ancora parecchio da spendere nel prossimo anno. Ne parlavano bene, non sapevano nemmeno chi avesse promosso quel provvedimento, quale governo… Avevano le idee più chiare per i concerti e il cinema, ma per i libri guardavano le copertine e si lasciavano guidare dalle conoscenze scolastiche. Una ragazza disse ad alta voce con le amiche che avrebbe voluto un libro vivace, che ti fa vedere cose nuove, tu pensi che va in un modo e invece… Mi sono trattenuto dal dire: prendete l’Orlando Furioso. Galileo Galilei lo amava in modo particolare, lo sapeva a memoria, per lui era “magnifico, ricco, mirabile”; ammirava la straordinaria capacità di Ludovico Ariosto di sorprenderci con invenzioni che continuano a lasciarci a bocca aperta. Lui da scienziato lo amava più di un trattato di astronomia. Einstein affermava: “L’immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata. L’immaginazione circonda il mondo”, e a lui l’Orlando Furioso sarebbe certamente piaciuto.

A proposito di sorpresa: Angelica resta indifferente alle attenzioni di Orlando e dei più nobili paladini, si innamora, invece, di Medoro, il più umile dei fanti. Lei la regina del Catai!

(A cura di Paolo Cascavilla, fonte www.futuriparalleli.it)



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • keoma

    Purtroppo questa opportunità non è stata sfruttata, anche perchè il 60% degli Italiani pur di mandare a casa renzi, ha messo i paraocchi come i cavalli, abbiamo accettato di mantenere quei parasssiti del cnel con 250 milioni l’anno, tenerci la sanità che abbiamo ( e c’è la meritiamo) e tante altre cose, ma non fa niente, l’importante è che abbiamo mandato a casa renzi giusto?


  • Zuzzurellone Sipontino

    Mancette, in confronto al regalo alle banche. Avrebbero dovuto fallire, fallimento igiene dell’economia. Invece i guadagni sono privati e i costi sulle spalle dei contribuenti. Così è facile fare i “banchieri” e i “cosidetti inmprenditori” in Italia. Che bravi, a proposito alcune domande: ma la Banca d ‘Italia è a maggioranza azionaria privata? E se si, ciò non viola la costituzione? E se si, non c’è conflitto di interesse? Controllore e controllato sono i medesimi, due parti in commedia? E se si, da quando ciò e operativo quanti scandali ci sono stati nel sistema bancario italiano? Non sarebbe opportuno tornare alla maggioranza azionaria in Banca d’Italia dello stato?
    “Le domande non sono mai indiscrete. Lo sono, talvolta, le risposte.( O. Wilde )”.


  • Zuzzurellone Sipontino

    Dimenticavo, al referendum costituzionale circa 82 % dei votanti, sotto i 35 anni, ha votato NO. Alle su dette mancette non ci hanno creduto. Qualcuno ci crede ancora? Qualcuno crede ancora a questo governo, clone del precedente, con onorevoli eletti con legge elettorale che sentenza ha sancito incostituzionale? Qualcuno ci crede ancora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!