Cronaca
Riparte il processo 'Ambiente svenduto' fermato a dicembre scorso dall'errore del cancelliere in un verbale

ILVA, riparte il processo ‘Ambiente svenduto’

Tra i 47 imputati, l’ex governatore della Regione Puglia Nichi Vendola e l’attuale sindaco di Taranto Ippazio Stefano

Di:

Taranto. ”Riparte il processo ‘Ambiente svenduto’ fermato a dicembre scorso dall’errore del cancelliere in un verbale. L’ex governatore Vendola di Sel è accusato di concussione aggravata in concorso, per presunte pressioni sull’Arpa. PeceLink rende noto che A Taranto vanno sotto processo gli uomini dell’ILVA ed i politici ad essa collegati, prima indagati e ora imputati.

Dopo lo stop sopravvenuto lo scorso novembre in Corte d’Assise per un vizio di forma, il Processo Ambiente Svenduto è ripreso. A novembre il processo era stato parzialmente azzerato ma era stata salvata la costituzione delle numerose parti civili, oltre mille tra soggetti pubblici e privati, tra le quali PeaceLink. E’ stata posta oggi una pietra miliare sulla strada del percorso di giustizia e di verità che attende finalmente Taranto. Il GUP Anna De Simone ha infatti chiesto/confermato il rinvio a giudizio formulato dalla Procura di Taranto nei confronti di 47 imputati, 44 persone fisiche e 3 società, per il reato di disastro ambientale ed altri reati contestati tutti nell’ambito della poderosa attività del GIP Patrizia Todisco e dai pubblici ministeri.

Tra i 47 imputati, l’ex governatore della Regione Puglia Nichi Vendola e l’attuale sindaco di Taranto Ippazio Stefano. Il rinvio a giudizio arriva in un momento importante per Taranto, a pochi giorni dalla pubblicazione sulla stampa nazionale di informazioni riguardanti livelli scioccanti di diossina rilevati nel quartiere Tamburi e resi noti in questi giorni. I picchi registrati a Taranto sono assolutamente abnormi: mai gli scienziati avevano trovato valori simili in Italia, se si fa eccezione per Seveso. Arpa Puglia ha chiesto che l’Ilva riveli cosa è accaduto.

La diossina è un inquinante cancerogeno che può persistere per decenni nell’ambiente. Potrebbe aver contaminato gli interni delle case, fin nelle camere da letto e nelle cucine, oltre alle strade e ai terreni per i quali era in corso la bonifica. Al quartiere Tamburi i bambini avranno timore di raccogliere i fiori questa primavera, per paura di toccare la terra contaminata. Persiste un pericolo che riguarda il presente e il futuro. Taranto non è tornata una città normale e sicura. Taranto ha un bisogno atavico di giustizia. Vogliamo che il processo segni l’inizio di una nuova stagione di consapevolezza sociale e di rigenerazione istituzionale”.

Per PeaceLink
Antonia Battaglia
Fulvia Gravame
Luciano Manna
Alessandro Marescotti

(Taranto, 29 febbraio 2016)

ILVA, riparte il processo ‘Ambiente svenduto’ ultima modifica: 2016-02-29T22:14:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi