GarganoManfredonia
Erede di una secolare tradizione

Anche quest’anno Fornosammarco fa tappa a “Festavico” a Vico Equense

Il “Dulcis in fundo” si avrà modo di assaporarlo presso il complesso turistico “Le Axidie, Dessert Storm”

Di:

San Marco in Lamis. Anche quest’anno il “Fornosammarco” di Antonio Cera, erede di una secolare tradizione, a cominciare da oggi, 29 maggio, è protagonista alla “FestaVico 2016” in Vico Equense (Napoli). salone gastronomico, quest’ultimo, tra i più importanti e partecipati dello Stivale. Lo è, come lo è stato d’altronde a Milano e in altre parti d’Italia, con i suoi prodotti tipici a cominciare dal pane, considerato uno dei più fragranti e sapidi del Promontorio, per finire ai dolci, ritenuti i più originali e gustosi del mondo. La manifestazione, divisa in tre percorsi tematici, parte oggi con la “Repubblica del cibo”, allestita nel centro della città. Qui oltre 130 chef emergenti animano le vie del centro, ospitati dai negozi, che danno vita, a quanto c’è scritto nei depliant e comunicati, a una nuova formula di ristorazione con piatti serviti presso il fioraio, il giornalaio, la boutique di abbigliamento, ecc. E questo all’insegna del Made in Italy e del “cibo possibile” per tutti Si prosegue domani 30 con la “Cena di beneficienza” a “Il Bikini”di Vico Equense. Oltre 20 chef, tra i grandi della ristorazione italiana, prepareranno una cena per 200 commensali, dove ognuno servirà i pianti classici dei propri locali. Si concluderà il giorno successivo con “La notte delle stelle” sul Lungomare Marina d’Equa in territorio di Seiano. Saranno messi in tavola i piatti di oltre 100 chef stellati con la Pizza delle Stelle dei Maestri pizzaioli e lo street food.

Il “Dulcis in fundo” si avrà modo di assaporarlo presso il complesso turistico “Le Axidie, Dessert Storm”, preparato da oltre 20 pasticcieri tra i migliori d’Italia. Il ricavato delle rispettive iniziative sarà destinato di volta in volta ad Enti e finalità assistenziali di alto valore umano. Insomma, “Fornosammarco” e il suo animatore e professionista, non ci va in questo ed in altri luoghi a scopo di lucro ma per portare in alto con i propri prodotti tradizionali e la professionalità il nome di San Marco in Lamis nel mondo, così come hanno già fatto o stanno facendo i suoi maggiori talenti in ogni campo.

(A cura di Antonio Del Vecchio, Rignano Garganico 29.05.2016)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati