Foggia
4-3-3 per mister De Zerbi, che schiera Sarno e Chiricò a sostegno di bomber Iemmello

Riverola – Sarno, Lecce KO: Foggia in finale

Lo spareggio determinerà l’ultima promossa in B della Lega Pro

Di:

Foggia. Tutto nella ripresa, il Foggia conquista la finale dei playoff, raggiungendo il Pisa per l’ultimo atto della post-season. In uno “Zaccheria” pieno in ogni ordine di posto, i rossoneri battono per 2-1 il Lecce ed, in virtù del successo all’andata per 2-3, accedono allo spareggio che determinerà l’ultima promossa in B della Lega Pro.

4-3-3 per mister De Zerbi, che schiera Sarno e Chiricò a sostegno di bomber Iemmello, dirottando Gerbo sulla destra nel pacchetto arretrato; Braglia risponde con uno spregiudicato 4-2-4, in cui inizialmente Doumbia e Surraco giocano larghi sulle fasce, lavorando per i due centravanti Moscardelli e Caturano. Partita nervosa fin dall’inizio, volano subito scintille tra Vacca e Doumbia, poi diversi contrasti in mediana accendono gli animi. All’8’ si fa vedere il Foggia, con Sarno che tenta due volte la conclusione dal limite, di cui la prima da calcio piazzato, ma la sfera termina a lato; pericolo dalle parti di Perucchini anche al 10’, Riverola, direttamente da corner, impegna l’estremo difensore ospite, che in tuffo devia ancora in angolo.Perucchini compie un autentico miracolo al 18’, allorquando salva tutto su Di Chiara, che, servito da Riverola, si trova tutto solo davanti al portiere, che alza la sfera oltre la traversa.Prosegue la spinta dei Satanelli, al 24’ Sarno con un gran mancino a giro mette i brividi a Perucchini, il pallone sfiora soltanto l’incrocio dei pali, spegnendosi sul fondo. La prima conclusione dei salentini arriva al 26’, con Moscardelli che calcia ampiamente a lato una punizione dalla trequarti. Ghiotta opportunità per gli ospiti al 35’, un errore in disimpegno favorisce il recupero di palla da parte di Caturano, che involontariamente riesce a servire il liberissimo Doumbia, la cui conclusione è però troppo alta e termina sul fondo.

Il Foggia apre alla grandissima la ripresa, trovando il vantaggio al minuto 49: Riverola controlla e converge, provando il mancino dalla distanza, con la sfera che va ad insaccarsi alle spalle di Perucchini, scatenando il delirio dello “Zaccheria”, che esplode in un’esultanza incontenibile. Il Lecce prova a rispondere immediatamente, sul ribaltamento di fronte Moscardelli riceve in area ma controlla male la sfera, favorendo l’uscita bassa di Narciso, che devia in corner; sugli sviluppi dell’angolo, il colpo di testa di Abruzzese si spegne alto sulla traversa. I rossoneri sembrano abbassare troppo il baricentro, ma al 63’, grazie ad una bella azione di contropiede, trovano il raddoppio: lancio lungo per Chiricò, che si ferma sulla sinistra dell’area e crossa sul secondo palo, dove Sarno è prontissimo e trafigge Perucchini con un colpo sottomisura. Al 73’ i salentini accorciano le distanze, dopo un’azione in mischia in area rossonera, Doumbia conclude ma colpisce la traversa, poi Caturano si trova il pallone tra i piedi ed è bravo ad insaccare a porta sguarnita. Pericolosissimi i Satanelli al 77’, Di Chiara è servito sulla corsa da Gerbo, ma non si fida di calciare a tu per tu con Perucchini, provando un cross teso per Iemmello, che però spara a lato da posizione difficile. Nel finale il match si addormenta, c’è spazio per il rientro di Angelo, subentrato all’83’ a Di Chiara, e nei 5’ di recupero non avviene più nulla: il Foggia vince 2-1 e si proietta verso la finale playoff contro il Pisa.

TABELLINO
FOGGIA: (4-3-3) Narciso; Gerbo, Loiacono, Coletti, Di Chiara (dall’83’ Angelo); Vacca (dall’88’ Sainz-Maza), Agnelli, Riverola; Sarno, Chiricò (dal 74’ De Giosa), Iemmello. A disp.: Quinto, Micale, Arcidiacono, Lodesani, Lauriola, De Gennaro, Floriano, Lanzetta, Sansone. All.: De Zerbi.
LECCE: (4-2-4) Perucchini; Lepore, Cosenza, Abruzzese, Legittimo; Salvi (dal 78’ Carrozza), Papini; Doumbia (dall’83’ Sowe), Caturano, Moscardelli, Surraco (dal 72’ De Feudis). A disp.: Bleve, Beduschi, Camisa, Liviero, Vecsei, Curiale, Lo Sicco, Alcibiade. All.: Braglia.
Arbitro: sig. Marinelli di Tivoli.
MARCATORI: 49’ Riverola (F), 63’ Sarno (F), 73’ Caturano (L).
AMMONITI: Chiricò (F); Moscardelli, Papini (L). – ANGOLI: 6-5 per il Lecce. – RECUPERI: 0’ p.t.; 5’ s.t..

(A cura di Salvatore Fratello – Redazione Stato Quotidiano.it)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Lucio_BO

    G R A N D I!!!!! vedere De Zerbi impazzito di gioia dopo il 2° gol e Quinto che assiste meravigliato, dà il senso della Foggianità del Mister e della tensione vissuta per questa semifinale; non è ancora finita ma tanta strada è stata fatta, con umiltà ma determinati. Grazie Mister; spero che questo risultato, abbia sepolto definitivamente le polemiche seguite alle doppie trasferte Andria/Messina. Con fiera stima e orgoglio. Za Fogg’!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati