CronacaRegione-Territorio
Sottoposti a sequestro conservativo su ordine della Procura Regionale della Corte dei Conti di Bari beni per oltre 1,6 milioni di euro

Puglia, Corte Conti contesta al Comune di Melissano cause dissesto

In ordine a quanto disposto dalla magistratura, finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce hanno dato esecuzione al provvedimento ponendo sotto sequestro 13 immobili, 4 terreni e disponibilità finanziarie fino alla concorrenza del danno erariale accertato

Di:

Bari. La Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti per la Puglia su richiesta della Procura Regionale della Corte dei Conti ha disposto il sequestro conservativo beni immobili e conti correnti bancari riconducibili a pubblici amministratori del Comune di Melissano per un valore pari a 1.568.244 euro.

L’attività istruttoria svolta dai magistrati contabili è stata avviata in seguito alle risultanze acquisite dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce nell’ambito di un’inchiesta avviata su delega della Procura Regionale a carico della citata amministrazione comunale, conseguente allo sforamento del patto di stabilità per gli anni dal 2010 al 2013 ed all’inosservanza dei divieti e delle autoriduzioni di spesa che l’Ente locale avrebbe dovuto porre in essere in conseguenza dello sforamento del patto stesso.

In buona sostanza gli accertamenti hanno evidenziato il perdurare di una serie di inadempimenti da parte del Comune rispetto all’obbligo di adottare le necessarie misure correttive idonee ad evitare squilibri finanziari responsabili del dissesto finanziario dell’ente.

Al termine delle indagini svolte dagli investigatori delle Fiamme Gialle consistite nella disamina di copiosa documentazione acquisita presso il comune, il Procuratore Regionale Carmela de Gennaro che ha delegato l’istruttoria al vice Procuratore Generale Carlo Picuno, rilevando nelle condotte accertate evidenti responsabilità ascrivibili al comportamento posto in essere dall’amministrazione comunale in carica all’epoca dei fatti, ha richiesto ed ottenuto dalla Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti per la Puglia, l’emissione di un provvedimento di sequestro conservativo a tutela del credito erariale avente ad oggetto beni immobili e disponibilità finanziarie giacenti su rapporti bancari riconducibili ad 11 pubblici amministratori.

In ordine a quanto disposto dalla magistratura, finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce hanno dato esecuzione al provvedimento ponendo sotto sequestro 13 immobili, 4 terreni e disponibilità finanziarie fino alla concorrenza del danno erariale accertato.



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi