Manfredonia
"Vogliamo riflettere insieme su questo tema il prossimo 30 maggio alle ore 16.00 presso l’Auditorium Pier Giorgo Frassati di San Giovanni Rotondo"

Policoro Manfredonia “Quale futuro per i giovani del Sud?”

Di:

Manfredonia, 28/05/2017. “Quale futuro per i giovani del sud?” è la domanda che molti ci poniamo, dagli stessi giovani ai genitori, a docenti ed educatori, agli Amministratori. È la domanda che anche la Chiesa italiana si è posta in un Convegno tenutosi lo scorso febbraio a Napoli e continuerà a porsi nel prossimo mese di Ottobre con ulteriore riflessione verso buone pratiche da assumere. È la domanda che la nostra stessa Chiesa Diocesana con il Vescovo si è posta.

Vogliamo riflettere insieme su questo tema il prossimo 30 maggio alle ore 16.00 presso l’Auditorium Pier Giorgo Frassati di San Giovanni Rotondo (presso la Parrocchia San Giuseppe- Villa Comunale).

Vogliamo farci aiutare da alcuni voci esperte e che hanno realizzato “buone prassi” perché tutti insieme possiamo riflettere su quali vie intraprendere, uniti, ciascuno dal proprio ruolo.
Il principale relatore sarà Mons. Fabiano Longoni: Direttore Nazionale della Pastorale Sociale e del Progetto Policoro. Dottorato in Scienze sociali e specializzato in Etica e Dottrina sociale della Chiesa presso l’Università Gregoriana di Roma. Titolare della cattedra di Teologia morale sociale e Diritti umani presso la Facoltà di Diritto Canonico dello Studium Generale Marcianum di Venezia e di Teologia morale sociale presso l’ISSR San Lorenzo Giustiniani di Venezia. Dirige da alcuni anni il Master Universitario in Gestione etica d’azienda, in partnership con l’Università Ca’ Foscari di Venezia e la SDA Bocconi di Milano, sempre presso lo Studium Generale Marcianum. Nel 1989 era stato nominato direttore della nascente Scuola di formazione all’impegno sociale e politico della diocesi di Venezia, incarico che ha ricoperto ininterrottamente fino al 2002. Attualmente è direttore dell’Ufficio per la Pastorale sociale e del lavoro del Patriarcato di Venezia nonché assistente provinciale delle Acli e consigliere spirituale dell’Ucid (Unione cristiana imprenditori dirigenti). E’ membro della Consulta nazionale della Conferenza Episcopale Italiana della Pastorale sociale e del lavoro nonché coordinatore della Commissione di Pastorale sociale e del lavoro della Conferenza Episcopale Triveneto.

Dott. Giuseppe Savino: fondatore della Cooperativa Agricola “Va Zapp” da tempo impegnato nel coniugare amore per la propria terra con le nuove tecnologie. Ultimamente la propria esperienza è stata messa al centro dell’attenzione nazionale dalla Rai, da TV2000 e dal Ministrero dell’Agricoltura.

Prof.ssa Irene Fisari: Coo-fondatrice dell’Associazione di Promozione Sociale “MAT5” che si occupa in alcune Diocesi di Puglia di turismo culturale e turismo religioso.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di chiamare l’intera comunità sociale ed ecclesiale a riflettere su tali temi, a realizzare un incontro partecipativo per tracciare insieme percorsi in grado di risvegliare e mettere in moto le tante risorse presenti nel nostro territorio.

L’Equipe Diocesana della Pastorale Sociale e del Progetto Policoro



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • kalip

    i giovani non c è futuro
    la nostra condanna a morte sono i politici.


  • il paese dei balocchi

    x calip

    concordo, i politici fanno si che le leggi non siano rispettate o siano insufficienti a fermare lo strapotere dei criminali che paralizzano il meridione. A mali estremi estremi rimedi. Le leggi attuali andrebbero gradualmente inasprite fino a quando il cancro della criminalità non sia estirpato, se necessario anche ricorrendo allì esercito o sospendendo i diritti democratici in certe zone, visto che non sevono altro che come escamotage per i soliti noti. La giustizia farà certamente qualche errore, ma sicuramente meno danni di quelli che tra morti, corruzione e povertà diffusa sta facendo la criminalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi