Manfredonia

Manfredonia, recuperata Caretta Caretta di un quintale (FOTO-VIDEO)

Di:

L'esemplare di Caretta Caretta recuperato stamane alle 4 dai pescatori di Manfredonia, motopeschereccio Anastasia I (stato@)

Manfredonia – UN esemplare di Caretta Caretta – di quasi un quintale – è stato recuperato stamane al largo delle coste di Vieste. Il recupero è stato effettuato da pescatori di Manfredonia, con il motopeschereccio Anastasia I. Ad avvertire il referente del CRTM (Centro Recupero Tartarughe Marine) di Legambiente di Manfredonia, dott. Giovanni Furii, il pescatore Michele Conoscitore.

“L’esemplare sta bene – dice Furii a Stato – il peso è di quasi un quintale, ora sarà affidato alle cure e al monitoraggio del nostro centro”. “Non si tratta dell’esemplare più grande affidato al nostro centro ma il ritrovamento è comunque atipico”. Complessivamente si tratta dell’esemplare n.418 dall’inizio delle attività del Centro Recupero Tartarughe Marine di Legambiente di Manfredonia.

“Il CRTM di Manfredonia è impegnato attualmente in uno studio con l’Università di Ancona – preparazione di una tesi di laurea – per comprendere la provenienza delle Caretta Caretta e le motivazioni che le spingono nel Golfo di Manfredonia. Al momento ci sono una serie di ipotesi da vagliare”, termina Furii.


Nota a margine.
Come evidente dalle immagini, da segnalare la presenza di rifiuti nei pressi del Molo di Levante: in gran parte reti, probabilmente di miticoltura, adagiate da giorni vicino alle murate di divisione. “La Caretta Caretta – dice il pescatore Michele Conoscitore – come quella recuperata stamane, alle 4, al largo di Vieste, deve rappresentare un simbolo per il compartimento marittimo di Manfredonia, un monito indiretto per la salvaguardia del nostro ambiente marino, sempre più frequentemente soggetto alla distruzione dei propri fondali”.


Redazione Stato, dff@riproduzione riservata



VIDEO


Photogallery



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • gianluca

    chiamate la rai linea blu sono sull’elenco telefonico sponsor ufficiale per risollevare grazie a queste iniziative un settore quello della pesca locale in crisi da tre anni, saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi