FoggiaManfredonia
Terza indagine sui versamenti, realizzata dal Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia

Diminuiscono le dichiarazioni e il gettito Iva in Puglia

"È' vero: alcune circostanze favorevoli quali il prezzo dei carburanti ed i tassi di cambio hanno consentito di controbilanciare questo deficit grazie a buone performance sul fronte delle esportazioni"


Di:

Bari – Diminuiscono le dichiarazioni e il gettito Iva in Puglia. E’ quanto emerge dalla terza indagine sui versamenti, realizzata dal Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia su dati del Dipartimento delle Finanze. In particolare, l’anno scorso in Puglia, sono state presentante, per via telematica, ben 337.754 dichiarazioni Iva da parte di lavoratori autonomi, ditte individuali e società pugliesi. Rappresentano il 6,4 del totale nazionale delle dichiarazioni (5.297.987). Rispetto all’anno precedente sono state 2.876 in meno, pari ad una flessione dello 0,8 per cento (nel 2013 erano 340.630).

Il volume d’affari dichiarato è diminuito di circa un miliardo e mezzo di euro, pari ad una flessione del 2 per cento: da 76,8 miliardi a 75,3. Il totale degli acquisti e, in piccola parte, delle importazioni, risultante da 304mila dichiarazioni, si ferma a 57,7 miliardi (dato medio 189mila euro), in calo del 5,9 per cento rispetto all’anno precedente (61,3 miliardi).

La somma dei versamenti periodici, degli acconti e del saldo, risultante da circa 212mila dichiarazioni, fornisce l’ammontare dei versamenti totali che hanno superato i 2,2 miliardi, con una media di 10.726 euro.

Il valore aggiunto fiscale si aggira attorno ai 17,6 miliardi e mezzo. L’Iva di competenza, intesa come saldo tra Iva a debito e Iva detraibile, segna un rialzo del 7 per cento e supera un miliardo 752 milioni. L’imposta dovuta ha raggiunto i 2,4 miliardi, in calo di 12 milioni, pari allo 0,5 per cento in meno rispetto all’anno precedente; mentre quella a credito (quando la differenza tra Iva a debito e Iva detraibile risulta negativa) si è fermata a 659,9 milioni. Il totale dell’Iva dovuta è di 528 milioni; mentre quella a credito è di un miliardo 399 milioni.

Sono stati richiesti a rimborso 127 milioni, in calo dell’11,5 per cento, rispetto all’anno precedente (144 milioni). La richiesta è pervenuta da oltre duemila contribuenti, per una media di 59mila euro.
Diminuisce il «credito utilizzato in compensazione nel modello F24» (cosiddetta compensazione orizzontale) che ammonta a 1,3 miliardi.

L’imposta sul valore aggiunto (Iva) nasce in Italia nel 1973: l’aliquota ordinaria è fissata al 12 per cento. Quattro anni dopo, nel 1977, è elevata al 14 per cento. Tre anni più tardi, nel 1980, è portata al 15 per cento e nel 1982 balza al 18 per cento. Dopo sei anni di stabilità, nel 1988, è innalzata al 19 per cento e il 1° ottobre del 1997 si arriva al 20 per cento. Il 17 settembre 2011, dopo circa 14 anni, l’aliquota ordinaria è incrementata di un altro punto (21 per cento). Oggi si attesta al 22 per cento.

«Il monitoraggio effettuato dal nostro Centro Studi regionale – commenta Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia – evidenzia una cospicua flessione tanto del numero delle dichiarazioni IVA quanto del relativo volume d’affari. Si tratta di un segnale da non sottovalutare, rappresentativo di quanto il tessuto produttivo pugliese abbia subito la crisi in maniera drammatica e trasversale. Pesa, in particolare, la mancata ripresa del mercato interno, essenziale per garantire alle nostre imprese un adeguato livello di entrate. D’altro canto – spiega il presidente – il clima economico è ancora profondamente incerto e ciò si ripercuote in maniera diretta sulla propensione alla spesa dei cittadini, ben lontana dai livelli di qualche anno fa.

È vero: alcune circostanze favorevoli quali il prezzo dei carburanti ed i tassi di cambio hanno consentito di controbilanciare questo deficit grazie a buone performance sul fronte delle esportazioni. È però altrettanto vero – conclude Sgherza – che solo il recupero del potere d’acquisto e la conseguente ripresa dei consumi interni possono consentire al nostro tessuto produttivo di superare definitivamente la crisi e contribuire a riavviare la macchina dell’economia regionale e nazionale».

Redazione Stato

Diminuiscono le dichiarazioni e il gettito Iva in Puglia ultima modifica: 2015-06-29T23:52:14+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • ciccio

    Fate sempre gli gnorri,signori del governo,avete distrutto l’economia italiana con queste tasse esagerate e impossibili,le aziende chiudono continuamente perchè non possono pagare e quelle che aprono sono le aziende di prima ormai decotte,giustamente con dei giochi di prestigio per sopravvivere,sono cosretti loro malgrado a bucare il fisco e le banche,perchè tutti devono mangiare un piatto di pasta,non dovete abbuffarvi solo voi come porci e tante altre cose che ci fate pagare con la vostra tassazione assurda,come festini,prostitute,vacanze ecc ecc,oltre gli stipendi esagerati rubati al contribuente.Cari signori del governo,non si risolverà mai la questione degli evasori,abbiamo un pessimo esempio dalla politica,ladra e disonesta.Tutti siamo evasori,anche il pensionato ma evadiamo per sopravvivere dopo una vita di lavoro e di sacrifici ci siamo ritrovati con una mano avanti e una dietro,vergognatevi,ci avete portato alla fame ma se esiste un dio ne dovete dare conto un giorno,a me basta solo che vi piglia una bella epidemia e morite titti,nessuno escluso.Smettetela di fare proclami e addossare le colpe di questa situazione al contribuente,la colpa è soltanto la vostra e quando abbiamo la possibilità di evadere lo facciamo con grande soddisfazione,prima per sopravvivere e poi perchè non ve lo meritate che la gente paghi per i servizi di merda che ci offrite e per pagare le vostre mazzette e la vostre ruberie varie.Ho voluto parlare in generale,non ho voluto parlare delle migliaia di vostre malefatte perchè siamo stanchi,cosi come avete organizzato la politica non sarà mai possibile mandarvi a cagare,siete tutti uguali e disonesti,l’unico modo per vendicarci è l’evasione fiscale.Non servono nuove leggi contro l’evasione,non ci riuscirete mai,l’unico modo per sistemare questa questione è che bisogna cambiare questo sistema,intendo dire che dovete andare a casa tutti,consegnare tutto il maltolto e instaura un nuvo sistema con pochissimi politici,voi siete la maledizione di noi tutti.La nostra è una democrazia valida solo per voi,si perchè siete liberi di rubare come volete e quando volete sulla nostra pelle,in realtà viviamo in una dittatura economica,ci fanno dire tutto quello che vogliamo ma poi ci lasciano in mutande e per loro cosi va bene.Concludo dicendo che potete fare tutti gli studi possibili non ne ricaverete mai nulla,portate la tassazione al 20 percento,chiudete tutti questi enti inutili dove imboscate i vosti parenti e amici,cambiate reggime,intendo dire che dovete andare a cagare tutti e vedrete che le cose si aggiusteranno da sole,diversamente giocheremo sempre a guardie e ladri ma i ladri siete voi,noi evadiamo per fare mangiare i nostri figli e non come voi che rubate per andare a puttane.Un caro saluto a tutti quelli che evadono per dare dignità alla propria famiglia.


  • Ciccio

    Vorrei che questa faccia da .che non so chi e’ rispondesse a quello che io ho scritto,non lo farà sicuramente perché fanno sempre finta di non sapere e di non capire.Mi risponda sig.Sgherza,non so lei chi è e neanche mi interessa,la sua faccia non mi piace perché anche lei .,per cui le sue parole valgono meno di zero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi