Capitanata
"Una situazione che non può ulteriormente procrastinarsi senza che ci sia una soluzione definitiva alla vertenza"

San Severo, sindacati: resta precarietà per dipendenti Comune

"Per alcuni di essi i bandi di gara sono stati già preparati per altri invece non ancora"


Di:

San Severo – NONOSTANTE gli innumerevoli incontri tra Sindacati, esponenti politici e dirigenti del Comune di San Severo, avuti nel 2014 e negli ultimi mesi del corrente anno, per tutelare le lavoratrici ed i lavoratori impegnati nei servizi tecnico-amministrativi esternalizzati a favore dell’Ente Comunale e nonostante l’affido temporaneo al Consorzio Libero di una parte di tali servizi, ad oggi le lavoratrici e lavoratori accusano ancora disagi.

E’ il disappunto delle tre sigle sindacali di comparto di CGIL, CISL e UIL territoriali – che riportano all’attenzione dell’Amministrazione comunale di San Severo la stanchezza psicologica soprattutto delle 18 unità ex LSU che da circa vent’anni sono al servizio per attività di supporto a favore dell’Ente e per le quali le condizioni non solo non sono migliorate dal punto di vista dei riconoscimenti retributivi a seguito di riduzione dell’orario di lavoro, ma addirittura si ritrovano a vivere in una condizione di precarietà che per nulla rasserena le proprie condizioni lavorative nonché le certezze economiche per se e per le loro famiglie.

Queste lavoratrici – continuano i sindacalisti Ricucci, Piacquaddio e Dota – sono entrate a lavorare giovanissime con grandi aspettative di crescita ma soprattutto di stabilità economica, cosa che nel corso di questi ultimi venti anni è stata man mano affievolita con i tagli che l’Ente ha applicato, pur consapevole della indispensabilità di tali figure in quanto il Comune di San Severo è sottorganico di personale alle dirette dipendenze di circa 200 unità rispetto al reale fabbisogno calibrato per la popolazione sansevrese censita che ad oggi si aggira a circa 60.000 abitanti.

Un dato confermato dal fatto che nel corso dell’ultimo decennio, all’interno di questi appalti per servizi tecnici-amministrativi, è stata introdotta altra forza lavoro che ad oggi conta all’incirca 50 unità dislocate nei diversi uffici dell’Ente tra anagrafe, museo, servizi culturali, servizi tributi etc.

Una situazione che non può ulteriormente procrastinarsi senza che ci sia una soluzione definitiva alla vertenza – continuano i tre sindacalisti – e a seguito del mandato conferito dalle lavoratrici alle tre sigle sindacali di CGIL-CISL-UIL in occasione dell’assemblea del 22 giugno scorso. A gran voce ed unanimemente, è stato chiesto che i posti di lavoro non solo devono essere preservati allontanando definitivamente lo spauracchio della precarietà ma anche aumentare i parametri contrattuali orari per poter percepire uno stipendio che sia degno di tale nome.

Il Sindacato unitario, nel corso di tutti gli incontri effettuati con l’assessore alle Politiche Sociali, vicesindaco, ed altri assessori, consiglieri nonché alla presenza di dirigenti dei vari comparti dell’area del Personale e Finanziario e del Segretario Generale comunale, ha sempre proposto una possibilità di utilizzare le predette lavoratrici con formule occupazionali diverse rispetto agli appalti che tenesse conto delle esigenze dell’Ente – bisognoso di personale in quanto sottorganico – e di quello delle lavoratrici e lavoratori rappresentati.

Allo stato attuale, non solo le lavoratrici ed i lavoratori non risultano essere collocati secondo le aspettative, ma si sono registrati atti discriminatori per alcuni di essi in quanto lo spacchettamento di tutti i servizi tecnico-amministrativi in più lotti da affidare in appalto.Per alcuni di essi i bandi di gara sono stati già preparati per altri invece non ancora.

Il sindacato vigilerà se almeno in questo spacchettamento operato per i servizi esternalizzati a favore dell’Ente sarà rispettato quanto meno lo stesso trattamento per i lavoratori circa i diritti acquisiti e che non si crei ulteriore malcontento tra gli stessi lavoratori facendoli sentire alcuni di serie privilegiata ed altri meno. Per tale motivizione, FP-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL sono stati costretti a dichiarare lo stato di agitazione con eventuali ulteriori azioni a tutela e a difesa delle proprie rappresentate, sin quando l’Ente non dimostrerà concretamente di voler dar seguito alla risoluzione delle rivendicazioni sollevate.

(comunicato)

San Severo, sindacati: resta precarietà per dipendenti Comune ultima modifica: 2015-06-29T18:46:16+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi