ManfredoniaZapponeta
Oltre 50 donatori hanno accolto l’invito dei volontari Fidas

Zapponeta, “donazione boicottata, donazione fortunata”

Diversi problemi (creati da terzi) hanno ostacolato questa raccolta sangue


Di:

Grande affluenza di donatori a Zapponeta, sabato 27 giugno, per la giornata di donazione sangue organizzata dai volontari Fidas di Zapponeta. Diversi problemi (creati da terzi) hanno ostacolato questa raccolta sangue, tra i quali la chiusura dei locali Asl (il cui utilizzo, la mattina precedente, era stato autorizzato dal dirigente del distretto socio sanitario di Manfredonia dell’ASL FG).

Malgrado le varie peripezie, tutto è andato a buon fine. In primis grazie all’intervento del Sindaco di Zapponeta – Giovanni Riontino – che contattato al telefono dal Presidente dell’associazione, Fabio Cercio, è giunto tempestivamente dinanzi ai locali della guardia medica e dopo aver ascoltato i dottori dell’equipe del centro trasfusionale dell’ospedale di San Giovanni Rotondo, comprendendone le difficoltà nell’organizzazione, ha concesso all’associazione l’uso straordinario dei locali del centro socio-culturale di proprietà del comune.

L’equipe medica del Centro Trasfusionale dell’Ospedale casa Sollievo della Sofferenza formata da: un medico, due infermieri, un tecnico di laboratorio e un autista per trasporto accessori ha saputo allestire in fretta, ma con professionalità, i locali del centro socio-culturale con 4 lettini e le relative bilance. I donatori Fidas, nonostante tutto il disagio creato, non hanno voluto rinunciare all’impegno solidale e consapevoli del momento critico per la carenza di sangue (specialmente in questo periodo) negli ospedali della Capitanata, hanno pazientato e compiuto il loro nobile gesto quale è la donazione del sangue.

Oltre 50 donatori hanno accolto l’invito dei volontari Fidas, dei quali solo 33 (provenienti anche da San Giovanni Rotondo, Cerignola e Orta Nova) hanno potuto donare sangue. Inoltre una giovanissima donatrice ha effettuato la tipizzazione, diventando così una probabile donatrice di midollo osseo. Presente alla donazione anche il Presidente provinciale della FIDAS Dauna – Michele Tenace – che, tralasciando i propri impegni famigliari, è accorso da San Marco in Lamis a sostenere ed aiutare i ragazzi volontari.

Il Direttivo della FIDAS di Zapponeta ringrazia di vero cuore il Sindaco di Zapponeta, il Presidente della FIDAS Dauna, l’equipe del centro trasfusionale dell’ospedale di San Giovanni Rotondo ed in modo particolare tutti i volontari che, con il loro spirito di solidarietà, hanno voluto donare a tutti i costi perché sanno che grazie al sangue donato si possono salvare moltissime vite umane.

Redazione Stato

Zapponeta, “donazione boicottata, donazione fortunata” ultima modifica: 2015-06-29T18:18:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi