Manfredonia
Lo precisa a Stato Quotidiano l'Assessore comunale A.Varrecchia

Manfredonia, “Buoni servizio, perchè è stato revocato finanziamento assegnato nel 2013”

"Con il NUOVO AVVISO PUBBLICO pubblicato ad ottobre 2015, questo Ambito Territoriale ha ricevuto una assegnazione di € 266.744,38"

Di:

Manfredonia. ”Risulta necessario chiarire che: l’atto Dirigenziale della Regione Puglia n. 213 del 27/06/2016 revoca il finanziamento, relativo al PO FESR 2007-2013 – Linea 3.3 – Azione 3.3.2, denominato BUONI SERVIZIO DI CONCILIAZIONE PER DISABILI ED ANZIANI NON AUTROSUFFICIENTI, assegnato a marzo 2013 all’Ambito Territoriale di Manfredonia per un totale di € 462.907,41. Della suddetta somma la Regione Puglia ha successivamente erogato al Comune di Manfredonia, in qualità di Comune Capofila dell’Ambito, una prima tranche di € 162.017,59, pari al 35% dell’intero finanziamento.

Le suddette risorse dovevano essere erogate ai soli enti gestori delle strutture presenti nel territorio dell’Ambito (costituito dai Comuni di Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Mattinata e Zapponeta), autorizzate al funzionamento ed iscritte al Catalogo Telematico regionale. La somma di € 162.017,59 dovrà essere restituita poiché ad agosto 2015 solo una struttura risultava “tardivamente” iscritta al Catalogo Telematico regionale e contestualmente, si registrava l’inesistenza di domande da parte dei cittadini. I termini per l’ammissibilità della spesa erano stabiliti al 30/09/2015.

Le suddette risorse quindi, sono rimaste inutilizzate, proprio perché non potevano essere assegnate ed erogate alle strutture non iscritte al catalogo telematico regionale. E’ opportuno portare invece all’attenzione della cittadinanza che con il NUOVO AVVISO PUBBLICO “BUONI SERVIZIO PER DISABILI E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI” pubblicato ad ottobre 2015, questo Ambito Territoriale ha ricevuto una assegnazione di € 266.744,38. Le risorse sono state totalmente impegnate, attraverso il catalogo telematico regionale, per i servizi diurni e domiciliari presenti sul territorio e rivolti ad anziani non autosufficienti e diversamente abili, soddisfacendo le richieste di n. 61 cittadini che stanno fruendo dei suddetti servizi.

In virtù dell’intero utilizzo delle nuove risorse stanziate, la Regione Puglia con Determinazione Dirigenziale n. 218/2016 ha destinato a questo Ambito ulteriori € 46.579,00 garantendo la continuità dei servizi e delle prestazioni diurne e domiciliari fino al 30.09.2016”.

E’ quanto precisa a Stato Quotidiano l’Assessore comunale con delega alla “Solidarietà e Politiche Sociali” Antonietta Varrecchia, in seguito alla pubblicazione del testo ”“Buoni servizio” Regione revoca finanziamento 462.907,11 euro ad Ambito Manfredonia”.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Dany

    Ma è possibile che in questa città piena di problemi sociali, debbano essere revocate e restituite dei soldi pubblici soprattutto per finalità fondamentali per la cittadinanza?
    Cara Assessore, mi permetta degli appunti: ma lei e la sua squadra, anche numerosa, deve capire che i cittadini non sono solo un numero e bisogna andare a volte oltre il proprio compitino e minimo previsto dal vostro stipendio, senza menefreghismo…
    Solo prendendo d’importanza certe situazioni, prevedendo anche un riciclo generazionale nel suo staff, perché molti ormai non sono più all’ altezza o magari, vedendo sempre le stesse cose ogni giorno, non ha più la forza; e poi vedendo certa gente che si rivolge per soldi o solo per un supporto, essere trattata allo stesso modo, con sufficienza, a volte con irritante arroganza, da molto fastidio, perché il vostro lavoro è alla base di ogni societá, e va fatto sempre con il cuore e con tanta umiltà, e soprattutto in mezzo alla gente, non solo chiusi nella vostra fortezza, perché certi degradi vanno prevenuti…
    I soldi dalla Regione ed Europei ci sono, però bisogna creare sempre nuovi progetti ed attuare percorsi sociali e lavorativi, con pronta collaborazione, senza aspettare, darsi la colpa a vicenda e poi restituirli, perché chi paga sempre in queste situazioni, sono sempre i bisognosi ed ultimi!


  • Nonnemi

    L’assessore Varrecchia tergiversa.
    Sappiamo bene a che periodo si riferiscono quei fondi e a quali progetti si riferiscono. Ma la domanda è un’altra.
    Assessore Varrecchia siamo davvero sicuri che non esisteva alcuna soluzione per evitare la revoca di tutto o parte del finanziamento? RISPONDA e si assuma le responsabilità della sua risposta, altrimenti si dimetta!
    Oppure lo faccia fare al solito ufficio stampa di Manfredonia che non sa neppure che i “fonogrammi” esistono e vengono tutt’oggi utilizzati dalla pubblica amministrazione anche a livelli importanti.
    Che pena…


  • Mario

    Scusa Dany ma lo hai letto l’articolo?


  • Dany

    Scusa Mario, sei sicuramente uno di parte se dici questo, ma hai letto che solo una parte del finanziamento sono stati utilizzati? Ai vari disabili ed anziani rimasti senza, non credi che non importi il perché, questo è sempre un fallimento in tutti i sensi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati