Manfredonia

“Ospedale Manfredonia, reparto Ortopedia a rischio chiusura” (II)

Di:

Manfredonia. ”Premesso che sarebbe opportuno riformare il S.S.R. (Servizio Sanitario Regionale ), l’ultimo piano di riordino ospedaliero prevede per Manfredonia un Ospedale di base, passando da 156 PL a 135 PL.

Questa la situazione attuale :
8 reparto Cardiologia,
20 Chirurgia generale,
> 24 medicina generale,
> 16 ortopedia e traumatologia,
> 15 psichiatria,
> 20 recupero e riabilitazione funzionale,
> 4 riabilitazione cardiologica,
> 4 riabilitazione respiratoria,
> 10 Gastroenterologia,
> 14 Lungodegenza.

Così dalla Deliberazione della Giunta regionale n. 161 del 29 febbraio 2016 “Regolamento Regionale: “Riordino Ospedaliero della Regione Puglia ai sensi del D.M.70/2015 e della Legge di stabilità 28 dicembre 2015, n.208. Modifiche e integrazione del R.R. n.14/2015”. 31 i posti letto per la Casa di cura privata San Michele di Manfredonia, tutti di geriatria.

Per una città di quasi 60.000 Abitanti con un bacino di utenza che supera i 100.000 e nel periodo estivo raddoppia , potrebbe anche bastare se tutto funzionasse , ma così non è, purtroppo il P.O. soffre ormai da anni di una carenza cronica di personale e di apparecchiature e strumentazioni medicali .

Basti guardare:
– La radiologia che ad oggi a apparecchiature ultra ventennali , obsolete il più delle volte sono ferme per manutenzione.
– Il Pronto Soccorso con 5 medici + 1 direttore ,( dovrebbero essere almeno in 7+1 direttore ) è evidente che c’è una cronica carenza di personale medico ed infermieristico per questo non è possibile fare il triage . Il Pronto soccorso è il biglietto da visita di un ospedale .
– L’ortopedia con 3 medici e tra un pò saranno in 2 visto che il dott. Cassano andrà via ( dovrebbero essere almeno in 6+1 direttore o facente funzioni ) questo comporterà la chiusura del reparto e di conseguenza uno dei migliori ortopedici come il Dott. Agamennone sarà costretto anch’egli per operare ad andare altrove.
– La Gastroenterologia con 4+ 1 (allattamento ) + 1 direttore, nonostante sia uno dei reparti più produttivi sembra destinato a chiudere.
– La Cardiologia 8 medici ( dovrebbero essere 10+ 1 direttore o facente funzioni) reparto che servirebbe a poco se rimane semplice cardiologia , più efficiente se convertita in una cardiologia riabilitativa.
Chirurgia con 4 + 1 ( part-time) ( dovrebbero essere 6+1 direttore o facente funzioni ) di cui 1 chirurgo a breve sarà chiamato a lavorare in un’altra struttura . Probabilmente il prossimo mese tornerà a lavorare il dott. Roggia direttore della struttura complessa di Lucera , il quale andrà in pensione a fine anno , non si capisce il perché invece non arriva il dott. Rucci anch’egli chirurgo che opera a Lucera ( il quale ha dato la sua totale disponibilità a lavorare tutti i giorni a Manfredonia ) , chirurgo esperto e riporterebbe la chirurgia ad alti livelli per molti anni, vista la giovane età.
– Probabilmente per questo Piazzolla non ha accettato.
– La psichiatria con 4 medici da sempre ( dovrebbero essere almeno in 7 ) da anni ormai è abbandonata a se stessa , nonostante sia uno dei reparti più produttivi.
– Il laboratorio di analisi con 3 medici, presto saranno in 2 visto che 1 andrà in pensione , un servizio indispensabile che il più delle volte è coperto dai 3 medici del centro trasfusione .
– Il 118 servizio indispensabile lasciato alla deriva con pochi medici una sola postazione di 118 tra l’altro gli stessi medici vanno a coprire i turni al pronto soccorso. Situazione allucinante e molto pericolosa.
– La Lungodegenza , ormai è diventato un enigma in risolvibile necessita di almeno 8 medici , 3 fisioterapisti , 12 infermieri e altre figure ausiliarie.
– Perché non ci danno quello che è previsto dal piano? ( lungodegenza e riabilitazione )
– Perché non ci mandano i medici necessari per assicurare i servizi?
– Perché non ci mandano attrezzature all’avanguardia atte a garantire le prestazioni necessarie?
– E’ facile intuire che la situazione è molto preoccupante, con l’estate alle porte la questione è davvero preoccupante.

Il Presidente Emiliano si assuma tutte le responsabilità delle scelte da lui compiute in ordine alla gestione delle politiche sanitarie della provincia di Foggia. Invito i nostri rappresentanti regionali ad essere sempre vigili e determinati e a non abbassare la guardia, nel sostenere ed affermare che il P.O. di Manfredonia non venga ancora una volta penalizzato a danno dell’intera collettività”.

Testo a cura di Damiano D’Ambrosio, Capogruppo Pd Manfredonia – Componente Commissione Speciale Sanità

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Vincenzo

    Damiano perché non ci parli della riunione “istituzionale “prima dell’incidente che avete avuto ? Il luogo della riunione ? E l’ordine del giorno ? E l’ora tardi ?
    Grazie preferirei una risposta


  • Al lupo,al lupo!!!!

    Forse è il momento di dire basta,di riuscire a trovare il punto zero,anche se noi siamo arrivati molto sotto.Continue interpellanze,incontri di sindacati,denunce giornalistiche ,commissioni speciali a cosa hanno portato?Lo zero assoluto,forse anche meno perché non hanno fatto altro che diffondere nella mentalità della gente che questo nostro Ospedale e’ già chiuso,penalizzando anche quello che c’è .Non vuole essere un rimprovero verso qualcuno,riconoscendo un bel lavoro fatto da tutti,però bisogna iniziare a badare ai risultati,bisogna andare sul concreto,perché l’omissione ,la non curanza oppure fare le cose per apparire non fa altro accompagnare il nostro Ospedale verso la morte naturale.Forse in molti di noi c’è la convinzione che non serve,in altri c’è la convinzione che è solo uno stipendificio,un posto per raccomandati,ma vi assicuro che è una cosa sbagliata.Un giorno piangeremo per un qualcosa che non avremo più,quello sarà un giorno nefasto,perché sarà successo qualcosa di irreparabile che con un Ospedale aperto avrebbe cambiato lo stato delle cose.Secondo me bisogna lottare uniti tutti insieme,politici,sindacati,società civile,per difendere a denti stretti tutto quello che ci è rimasto,compreso l’Ospedale non solo con il mezzo della denuncia scritta,ma ponendoci obbiettivi concreti,mettendo di fronte alle loro responsabilità tutti i soggetti che hanno causato tale catastrofe.La strada intrapresa fino ad ora non ha portato a nessun risultato…..


  • VERITA'

    DICO CHE DOBBIAMO LOTTARE PER IL BENE DEL NOSTRO PAESE E NON FARE COMMENTI INUTILI-EGREGGI SIGNORI POLITICI E NON. FATE IL VOSTRO DOVERE-INOLTRE VA PERSEGUITATO IL LAVORO NERO DEI PROFESSIONISTI CHE NEGLI OSPEDALI FANNO VISITE E CHE FANNO ABBASSARE LE ENTRATE ASL..PIAGA CONTINUA….CHE PECCATO MANFREDONIA DEVE AVERE TUTTO ..MA ..CI SONO CHI REMA CONTRO ..PER IO PROPRI INTERESSI…MEDITIAMO…

  • ORMAI TUTTO SI SAPEVA L ORTOPEDIA CHE E IL FIORE ALL OCCHIELLO DELL OSPEDALE DI MANFREDONIA STA PER CHIUDERE E MAN MANO TUTTO IL RESTO DELL OSPEDALE GRAZIE EMILIANO ORA NOI MANFREDONIANI SIAMO COSTRETTI A CURARCI ALTROVE MI DISPIACE PER ANZIANI E BAMBINI GRAZIE A TUTTI I POLITICI VERGOGNA


  • Anonimo

    Qualcosa deve far riflettere qualcuno?
    Comunali giù,referendum sarà giù ,politiche sarà giù e poi è poi…..Il bello deve ancora venire.Chi ancora ama la nostra città si facesse avanti nei problemi.Perché non si invita Emiliano a fare una sagra a Manfredonia,lui afferma che la gente gli ha chiesto questo?Cosaaaaaaa…..e chi?


  • la spectre sipontina

    azz pure l’ospedale chiude i battenti!


  • pietro

    D’Ambrosio parla del ” giovane” chirurgo di Lucera che solleverebbe le sorti dell’ospedale di Manfredonia? Ma se ha 60 anni suonati ed è prossimo alla pensione !!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati