Capitanata
Nota stampa

“I dati premiano il Consorzio Tavoliere DOC Nero di Troia e la sua festa”

Il presidente della Doc Antonio Gargano, l’AD Matteo Cuttano e il Presidente di Confcooperative Foggia, Giorgio Mercuri, hanno ribadito, infine, la volontà di fortificare il ruolo della Doc Tavoliere


Di:

Foggia – Circa 5000 persone hanno affollato le strade di Troia per il percorso enogastronomico; oltre 500 le Bottiglie stappate; 10 sommelier hanno fatto degustare il Nero di Troia della Doc Tavoliere; Quasi 500 chili di pasta utilizzati dagli chef. Ma soprattutto una piazza straripante di gente per assistere al XVI convegno sull’uva del Nero di Troia. Questi sono i numeri nudi e crudi della 16^ edizione della Festa della Doc Tavoliere Nero di Troia. Certo gli statistici sostengono che i numeri seppur dati freddi, vanno letti e interpretati. E allora partiamo dal fatto che la festa è si è tenuta di domenica, giorno sempre difficile per manifestazioni che si protraggono fino a notte fonda, per un oculato accordo intercorso fra gli organizzatori e i ristoratori per non creare problemi di servizio. Infatti il sabato i ristoratori devono seguire i regolari avventori del fine settimana e dunque ne avrebbero patito i consumatori dell’evento. Inoltre, in contemporanea, si tenevano manifestazioni altrettanto importanti in molti altri centri della nostra provincia.

Dunque, il risultato ottenuto ci pare di tutto rispetto. Un risultato che conferma la bontà dell’iniziativa, dei prodotti offerti e su tutti la Doc del Nero con le sue cantine, e innanzitutto l’importanza di fare sistema fra enti capaci di collaborare ad un unico grande progetto che è quello dello sviluppo del territorio. Se a questo aggiungiamo che il Nero di Troia ha superato nell’ultimo anno il 20% delle vendite, imponendosi fra i migliori vitigni autoctoni italiani esportati nel mondo, beh questo impone una seria riflessione. Prima di tutto che la Doc Tavoliere ha dato un notevole imput al Nero di Troia; che il Consorzio lavora bene da cinque anni a questa parte e che i suoi partner storici, quali la Regione Puglia e Confcooperative, ma anche il Gal Meridaunia che accompagna il Consorzo da tempi più giovani, hanno registrato concretezza e ambizione nel progetto della Doc Tavoliere. Tornando all’evento, particolarmente apprezzati sono stati gli ospiti invitati, fra cui Gabriella Pession , nota attrice del panorama nazionale ed internazionale di cinema e tv e madrina della serata ; Rosanna Banfi, che ha ritirato la menzione speciale per il padre, Lino Banfi, per essere stato uno dei primi ambasciatori nel mondo della pugliesità e dei suoi prodotti; Francesca Cavallin, già madrina 2014 della manifestazione è tornata a Troia per il passaggio di testimone, ma soprattutto per gustare nuovamente il Nero. Ed infine Gabriele Castelli di Fedagri nazionale, che si è soffermato sulla nuova normativa dei vitigni d’origine controllata ed in particolare su quelli di origine autoctona.

Il presidente della Doc Antonio Gargano, l’AD Matteo Cuttano e il Presidente di Confcooperative Foggia, Giorgio Mercuri, hanno ribadito, infine, la volontà di fortificare il ruolo della Doc Tavoliere e estendere la comunicazione, rilanciando ad un grande appuntamento per la 17^ edizione 2015.

(comunicato stampa)

“I dati premiano il Consorzio Tavoliere DOC Nero di Troia e la sua festa” ultima modifica: 2015-07-29T16:30:29+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This