Manfredonia
Le foto allegate evidenziano un intasamento delle fontane dovuto probabilmente al non appropriato uso che ne fanno alcune persone

Manfredonia, “Mare, fontane e strutture tutte da pensare. Parola di Abbagnale?” (FOTO)

Acqua di dubbia qualità è quella invece che proviene dal bocchettone del porto prossima alla spiaggia castello


Di:

Manfredonia – GRAZIE alla sua costa, Manfredonia non avrebbe nulla da invidiare alle più rinomate città di mare. L’importante è fare attenzione a qualche particolare. Più di una volta sono giunte segnalazioni sulla balneabilità di alcune località come sulla potabilità di alcune fontane pubbliche. Cominciamo da queste ultime, un paese che si reputi turistico dovrebbe rendere un bene essenziale qual è l’acqua: pubblica, facilmente accessibile e soprattutto sicura. In realtà in città quanti non si auto-muniscono di almeno una bottiglia d’acqua rischiano di rimanere a bocca asciutta. Difatti, delle poche e storiche fontane cittadine sono poche quelle da cui sgorga acqua. Una delle fontane in discussione è quella vicino al Castello prossima ad una rinomata gelateria. Le foto allegate evidenziano un intasamento della stessa probabilmente dovuto al non appropriato uso che ne fanno alcune persone. Infatti, capita spesso che chi va verso la fontana per potersi abbeverare passa poi a sciacquarsi i piedi per non portare la sabbia a casa, cosa che probabilmente contribuisce ad intasare i filtri rendendo la stessa poco praticabile impantanandola.

A questo punto – data la ripetizione del ‘problema’ in tutte le stagioni estive – una proposta può essere risolutiva ed anche ben gradita in quanto anche dall’arte scaturita. Immaginate la mezza luna dell’aiuola accogliere una vasca di raccoglimento delle acque in caduta libera da fontanili a forma di bastoni e fontanelle a forma di cigni. Ebbene l’idea di fontane a forma di bastoni prende ispirazione dalla toponomastica di via dell’Arcangelo, che rimanda, specie ai cultori di storia locale, agli otto vescovi che muniti di bastone si recarono a consacrare la grotta dell’Arcangelo Michele. Mentre il cigno nell’immaginario collettivo è associato alla bellezza il cui piedistallo sono i piedi, per questo possono essere adibiti a rimuovere i granelli di sabbia dotandoli di opportuni filtri più semplici da sostituire. Inoltre questi fontanili artistici possono essere resi caratteristici anche dalla collaudata tecnologia dei sensori, che consono l’erogazione dell’acqua alla bisogna risparmiando così un bene prezioso specie in un ambiente siccitoso.

Alcuni dettagli di questa proposta sono stati posti all’attenzione di chi magari trovando le risorse necessarie contribuirà a diminuire le attese per un servizio pubblico essenziale rendendo il luogo anche significativo al punto da trovare lo spunto per un evento evocativo e storico che ci riconduce a Monte Sant’Angelo oltre che poter elargire acqua pulita.

Acqua di dubbia qualità è quella invece che proviene dal bocchettone del porto prossima alla spiaggia castello, nonostante le diverse e continue segnalazioni continua a rimanere stantia e maleodorante raggiungendo il mare mettendone in dubbio anche la balneabilità, così come a causa di altri avvenimenti di cui si spera presto si trovino validi provvedimenti. Uno di questi può essere la realizzazione di box doccia con una cabina per servizi igienici e spogliatoi di cui possano usufruire anche chi si reca alla spiaggia libera, garantendo in questo modo un servizio all’altezza di chi si prende cura anche dei cittadini e dei turisti che vogliono fruire di un bene pubblico attrezzato e ben gestito. Infine, probabilmente qualcuno avrà potuto notare che a mare c’è chi invece di camminare a piedi nudi porta le scarpette, probabilmente per preservarsi non solo dagli acuminati vetri presenti anche sulla battigia. Quando ci furono i campionati mondiali di beach volley ricordo che ci fu un attenzione speciale per la pulizia delle spiagge, ebbene che si cerchi il sistema per mantenerla viva anche per il semplice cammino del cittadino. Volendo parafrasare una nota frase di Bartali immaginiamoci dei testimonial sportivi tipo i notori canottieri olimpionici pronunciare questi versi: “Mare e fontane e strutture tutte da pensare parola di Abbagnale?”

(Testo e foto a cura di Benedetto Monaco – benedetto.monaco@gmail.com)

Fotogallery

Manfredonia, “Mare, fontane e strutture tutte da pensare. Parola di Abbagnale?” (FOTO) ultima modifica: 2015-07-29T18:08:09+00:00 da Benedetto Monaco



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Marco

    Bah, forse voi non avete mai viaggiato, dico il firmatario dell’articolo,a a me la mia cittadina non dice granché. In definitiva abbiamo un mare mediocre, una costa sventrata dal porto commerciale, industriale e turistico è una qualità delle acque pessima, senza parlare di tutte le attività connesse al turismo. Io turista perché dovrei venire a Mandredonia?


  • ciro

    perche tutte le fontane di manfredonia non sono fruibile specialmente con questo caldo ,chi decide se e come devono funzionare .


  • Benedetto

    Egregio Sig. Marco qualora si è fatto un giro sulla riviera romagnola avrà potuto notare anche lei che il mare anche lì non è un gran che, a fare la differenza è l’organizzazione dei privati coadiuvati da un efficiente supporto degli enti locali…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This