Manfredonia
La richiesta urgente delle organizzazioni agricole inviata al presidente Michele Emiliano

Siccità, Agrinsieme: “Più gasolio agricolo per le irrigazioni”

Per affrontare questa ennesima criticità che sta interessando il comparto agricolo pugliese


Di:

Foggia – Caldo e siccità stanno generando una vera e propria emergenza nelle campagne pugliesi. Gli agricoltori stanno sostenendo un maggiore consumo di gasolio agricolo, per far fronte alle irrigazioni supplementari, necessarie se si vuole evitare di compromettere colture come uva da tavola e da vino, olivo e ortofrutta. Per affrontare questa ennesima criticità che sta interessando il comparto agricolo pugliese, Agrinsieme Puglia – il coordinamento delle organizzazioni agricole C.I.A. (Confederazione italiana agricoltori), Confagricoltura, Alleanza delle Cooperative settore agroalimentare (Legacoop, Confcooperative, Agci ) e Copagri – ha inviato una richiesta al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e al direttore dell’Area Politiche per lo sviluppo rurale, Gabriele Papa Pagliardini, chiedendo la “assegnazione straordinaria di gasolio agricolo ad accise agevolata per le aziende che si trovano a dover fare i conti con una situazione quasi da emergenza”.
“Le scorte di gasolio a disposizione degli agricoltori – ha spiegato Raffaele Carrabba, coordinatore di Agrinsieme Puglia – si sono esaurite o stanno rapidamente terminando. Una simile situazione richiede interventi urgenti a sostegno delle aziende agricole, per il ripristino delle normali condizioni di attività nei lavori agricoli”.


Redazione Stato

Siccità, Agrinsieme: “Più gasolio agricolo per le irrigazioni” ultima modifica: 2015-07-29T11:50:39+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Francesco

    Il livello della diga di Occhito, da cui preleva acqua potabile l’AQP e acqua per uso irriguo il consorzio di bonifica, sta scendendo velocemente: se non piove ancor per qualche mese cominceranno probabilmente le restrizioni. Il ciclo dell’acqua nella sitibonda Puglia non viene affrontato con un piano preciso: dell’acqua ci ricordiamo quando c’è la siccità e poi la dimentichiamo. Nel frattempo sprechiamo l’acqua delle sorgenti, l’acqua in uscita dal depuratore etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This