Manfredonia
A cura di Pascalonia

U trèssètt’a ppèrde

Di:

Sì! Stème facènne nu bbèlle scjuche,
ce llu fanne fé schjitte nda stu luche,
cj’aggire e ce volte, u vulte e llu ggire,
méje nescjune ca te vene a ttire.

Nu scjuche ji, proprje tande devertènde,
spècje quanne chi cumanne ji fetènde.
“Nu scjuche ji sènza carte e scjucature?
ne nn’ji ca ji nu scjuche a fregature?”

Lli carte lli tene mméne sèmbe jisse
e ce lli sparte accume lli pejéce,
e sèmbe a llu mazze pe ll’ucchje fisse.

Ji nu scjuche ca llu nome lli bbéce:
stéme scjucanne a llu trèssètt’a ppèrde
e pe lli scartine vènge sèmbe jisse
.

A cura di Pascalonia

Il tressette a perdere
Sì! Stiamo facendo un bel gioco./ ce lo fanno fare solo in questo luogo,/si gira e si volta, lo volti e lo giri/ mai alcuno che ti venga a tiro./ E’ un gioco, proprio tanto divertente,/specie quando chi lo comanda è fetente./ “E’ un gioco senza carte e giocatori?/ non è che sia un gioco a fregatura?”/Le carte le tiene in mano sempre lui,/ e se le divide come gli piace,/ e sempre al mazzo (delle carte) fissa con gli occhi./ E’ un gioco che il nome gli bacia (aggrada)_/ stiamo facendo il tressette a perdere,/ e con le scartine vince sempre lui.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati