ManfredoniaStato news
Assegnazione di 18 milioni di euro

Manfredonia, integrazione salariale pesca: pagamenti INPS

"Un risultato, questo della conclusione dell’iter procedurale per lo sblocco delle risorse, atteso dai lavoratori del settore da tempo"

Di:

Manfredonia. NEI giorni scorsi è stato sottoscritto e definitivamente pubblicato, sul sito del Ministero del Lavoro, il Decreto Interministeriale n. 1600069 che dispone l’assegnazione di 18 milioni di Euro e dà avvio al pagamento, da parte dell’INPS, delle istanze di integrazione salariale presentate dalle aziende/armatori entro il 26/01/2016 e riferite all’annualità 2015.Contestualmente l’INPS Nazionale ha provveduto ad inviare, alle proprie sedi periferiche, il messaggio n. 3357 del 10 agosto u.s. conil quale autorizza ed impartisce specifiche istruzioni per i pagamenti delle indennità 2015 mentre rinvia ad una successiva circolare le disposizioni per la presentazione delle domande per l’annualità 2016.

Un risultato, questo della conclusione dell’iter procedurale per lo sblocco delle risorse, atteso dai lavoratori del settore da tempo eper il quale la Fai si è impegnata in sollecitazioni e pressioni continue presso i rispettivi Ministeri competenti compresa la sede centrale dell’Inps.Nel riservarci ulteriori circolari in merito si invitato tutte le strutture a dare la più ampia diffusione, tra i lavoratori e sulla stampa locale, dell’importante risultato raggiunto e, contestualmente, a contattare le sedi periferiche Inps affinché procedano in tempi brevi alla erogazione delle prestazioni dovute ai lavoratori”. Lo dice in una nota Alberto Gatta della Fai Cisl pesca Manfredonia.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati