Manfredonia
A cura di Pascalonia, Manfredonia

U Jèlle, a jatta meje cundugnose

Generosa, la gatta mia contegnosa

Di:

Generose, a jatta meje cundegnose,
nn’attacche bbettune e nn’assogghje pertose.
A ll’albe, titte titte, e sèmbe de frètte,
a notte, mure mure, e sèmbe a llu scure.

Tene dice vertù, e sènza defètte,
sètte spirete e llu pepe sott’ a lla code,
quatte cjambe, pe l’ogna longhe,
tutta pelose, da nnanze e da ddrete.

Pe ll’ucchje frechigne, guarde fisse fisse,
e, p’a coda dritte, te passe de strisce.

Llu pile nirje te fé venì llu gele,
lli bbaffe lunghe te fanne lla jose.

Sènza cumbagne, cambe sola sole,
nda llu pajese mije fè lla scundrose.

Ogne matine cascerjanne ce nn’èsse,
tutte lli sere lla frese ce tèsse:
assogghje, arravogghje lla matasse,
accocchje e scocchje lli matarazze.

A tutte canosce, a nescjune ce lasse,
lli fatte canosce de mmizz’a lla chjazze.

Generose, ca de pecchéte ne ndene,
de tutte canosce llu méle e llu bbone.

D’ogne chése canosce assute e trasute,
de llu palazze canosce mèsse e letanije.

Ne nge sté nu ditte, nu scurje o na lite
ca ne nd’acconde llu file e lla vije.

Quèste ji na jatte sènza pecché,
sènza pecchéte e sènza defètte,
quest’ji lla jatte, rosse e doré,
fatte pe nnuje, bbèlle e pèrfètte.

Ce vuleve sta jatte p’i pisce a vvole,
nescjune parle, a niscjune lli dole
.

(A cura di Pascalonia, Manfredonia 29.08.2016)

Generosa, la gatta mia contegnosa
Generosa, la gatta mia contegnosa/ non lega bottoni, non scioglie asole./ All’alba, tetti tetti, e sempre di fretta,/ la notte muri muri, sempre nell’oscuro./ Ha dieci virtù e senza difetti/ sette spiriti ed il pepe sotto la coda,/ quattro zampe con le unghie lunghe,/ tutta pelosa, davanti e di dietro./ Con gli occhi furbeschi, guarda fisso fisso/ e, con la coda dritta, ti passa di strìscio./ Il pelo nero ti fa venire il gelo,/ i baffi lunghi ti fanno lo sfottò./ Senza compagno, campa sola sola,/ nel paese mio fa la scontrosa./ Ogni mattina, caseggiando se ne va,/ ogni sera il cotone si tessa,/ scioglie, raggomitola la matassa/ accoppia e scoppia i materazzi./ Conosce tutti, non trascura alcuno,/ conosce i fatti della piazza,/ Generosa, che di peccati non ha/ di tutti canosce il male ed il bene./D’ogni casa conosce l’entrata e l’uscita,/ del palazzo conosce messe e litanie./ Non c’è un detto, una controversia, o una lite/ che non ti racconti il nesso e la via./ Questa è una gatta senza perché,/ questa è la gatta rossa e dorata,/ fatta per noi, bella e perfetta./ Occorre questa gatta per i pesci a volo,/nessuno parla, nessuno avverte malore.

(A cura di Pascalonia, Manfredonia 29.08.2016)



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati