Attualità
L’autenticazione letteralmente è la conferma della verità di un attributo di un’informazione

Cosa’è l’autenticazione per la sicurezza dei dati e come funziona

"Quali sono gli strumenti per un’autenticazione sicura?"


Di:

Il mondo di internet ha messo a servizio delle persone un canale pratico e immediato per accedere a dati e funzioni in diverso ambito: dalla finanza, al commercio, al settore amministrativo e pubblico etc. Con un maggiore accesso ai dati, di conseguenza si è anche ampliato il fronte di pericolo per la sicurezza dei dati. Quanto è importante proteggere i dati aziendali con un efficace sistema di autenticazione e identificazione? Quali sono gli strumenti più diffusi per tutelarsi?

L’autenticazione letteralmente è la conferma della verità di un attributo di un’informazione. In sostanza, quando si parla di sicurezza è l’atto di confermare l’identità di una persona. Sul web e in ambito informatico l’autenticazione è il processo mediante il quale un sistema, computer e software verifica la corretta identità di un altro software o utente che vuole comunicare o accedere a dei dati riservati.

I sistemi informatici che permettono di verificare che un utente sia effettivamente chi sostiene di essere, sono elementi fondamentali, per la sicurezza dei dati. Questo vale soprattutto alla luce del sempre più ampio canale di comunicazione che intercorre fra gli utenti, cioè le persone, ed enti e aziende. Il web infatti offre ormai innumerevoli e pratici servizi in rete, come acquisti online, home banking, telelavoro, commercio via web, servizi amministrativi e pubblici, finanza e molto altro. Con i grandi vantaggi del web sono di conseguenza aumentati anche i rischi proprio per quanto riguarda la sicurezza dell’accesso ai dati. I vecchi sistemi di identificazione ( http://www.partnerdata.it/prodotti/identificazione/ ) e le password cosiddette statiche sono ormai obsolete e insufficienti.

In un’azienda e per chi si interfaccia con i clienti/consumatori attraverso il web, le persone che hanno accesso e possono manipolare dati sensibili possono essere diverse, di conseguenza è fondamentale sapere sempre chi ha avuto accesso a cosa e mettere a disposizione delle persone esclusivamente i dati di loro interesse e competenza. Per proteggere e avere il controllo dei dati è importante quindi guardare ai nuovi sistemi di autenticazione e identificazione, per non correre rischi inutili.

Quali sono gli strumenti per un’autenticazione sicura?
Nell’utilizzo di dati riservati, per la sicurezza degli stessi, è importante utilizzare soluzioni adeguate, serie e avanzate di autenticazione dell’identità. Proprio per questo motivo le aziende guardano sempre di più a sistemi che si basano su fattori multipli. Nello specifico i metodi sono certificati di autenticazione, sistemi con token e smart card, la biometria, i sistemi one time password, la firma digitale, i single sign on.
In sostanza i metodi di autenticazione a disposizione di una persona sono essenzialmente di tre tipologie: il primo tipo è di tipo nozionistico, come può essere una password, un nome utente, un codice PIN alfanumerico, un captcha. La seconda tipologia è fisica, ovvero il soggetto ha una chiave hardware, un tesserino identificativo, una chiave di memoria con microchip, un token OTP. Il terzo e ultimo metodo di autenticazione è costituito da una caratteristica personale posseduta dall’utente: l’impronta digitale, la voce, il modello retinico, il riconoscimento biometrico.
La scelta dei metodi di autenticazione da utilizzare dipende dall’importanza delle informazioni che sono da proteggere, il budget a disposizione, l’usabilità. Per incrementare il livello di sicurezza inoltre è possibile combinare i metodi, legandoli anche uno all’altro in una mutua autenticazione. Mediamente si associano due fattori di autenticazione: come per esempio una password e una smart card o un token OTP.

Cosa’è l’autenticazione per la sicurezza dei dati e come funziona ultima modifica: 2017-08-29T20:30:56+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi