Foggia
"E' ora che si esca fuori dalla strategia dello 'stancaggio'"

“Gino Lisa”, “Regione non insista con tecnica dello ‘stancaggio'”

"Occorre una mobilitazione diversa dove non sia solo Foggia a protestare,ma tutti i comuni dell’intera Capitanata, che devono scegliere se seguire “la linea del partito” o l’interesse del territorio"

Di:

Foggia. ”I capigruppo di maggioranza Longo, Di Pasqua, Fiore, Fusco, Ventura e Annecchino hanno chiesto al presidente del consiglio comunale Miranda una convocazione urgente della conferenza dei capigruppo per stabilire con altrettanta urgenza una riunione straordinaria del consiglio comunale per discutere ancora una volta delle sorti dell’aeroporto civile “G.Lisa”.

La riunione, che si terrà oggi, dalle ore 11.30, dovra’ stabilire,con il concorso di tutte le forze politiche e gruppi consiliari, che compongono il consiglio comunale, non solo la data dell’Assemblea, ma anche e soprattutto la eventuale partecipazione allargata di rappresentanti della Regione Puglia, dove non potranno certamente mancare sia il presidente Emiliano,che il neo assessore Nunziante, autore delle note ed equivoche dichiarazioni di stampa circa il futuro dello scalo aeroportuale foggiano.

Il Presidente della regione Puglia Emiliano,anche se con uno strano sillogismo,ha detto e ripetuto pubblicamente che alla Capitanata spettava o la riattivazione dell’Aeroporto G.lisa o “altro”.

Nel confronto in Aula consiliare in itinere , cui speriamo non voglia sottrarsi,il governatore Emiliano forse ci potrà illustrare sia il senso del suo sillogismo,sia che cosa intende per “altro”.

Gli “Ordini del Giorno” e le “Mozioni” prodotte nel tempo dal consiglio comunale di Foggia per quanto lodevoli, non bastano più.

Occorre una mobilitazione diversa dove non sia solo Foggia a protestare,ma tutti i comuni dell’intera Capitanata, che devono scegliere se seguire “la linea del partito” o l’interesse del territorio.

Insomma è ora che si esca fuori dalla strategia dello “stancaggio” da parte della regione Puglia : strategia,che ha trovato consapevoli autori sia Vendola, che Emiliano e che i vertici politico-amministrativi della regione quindi,ci dimostrino che non vi è discriminazione territoriale. E’ veramente paradossale,che Emiliano e la sua tecnostruttura facciano valere solo per Foggia i concetti di “Aiuto di Stato” e di “Cointeressamento privato” per i lavori di allungamento della pista ,quando per tutti gli altri scali pugliesi non vi sono solo lavori di ristrutturazioni e ampliamenti,mai inviati per l’autorizzazione alla Comunità Europea,ma anche risorse finanziarie utilizzate per scopi diversi da quelli delle ristrutturazioni.

Nel prossimo consiglio comunale sul tema Emiliano argomenti e ci smentisca”.

(nota stampa)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi