FoggiaManfredonia
Nota stampa

De Leonardis: “Trovare una soluzione per i lavoratori della ‘San Michele'”

Di:

Bari. Di seguito, una nota del Presidente del Gruppo Area Popolare, Giannicola De Leonardis. “La vertenza che dal 2012 vede – loro malgrado – impegnati 22 lavoratori della Cooperativa Sociale ‘San Michele’ (che svolgevano un servizio poi internalizzato direttamente dall’azienda) in un contenzioso con Sanitaservice e l’Asl Foggia è stata oggi oggetto di audizione nella VI Commissione consiliare, dove le controparti hanno avuto modo di esporre le loro rispettive posizioni.

Non era e non è certo nelle prerogative e nelle possibilità dei commissari e dei consiglieri regionali esprimersi nel merito sulla mancata applicazione della clausola sociale, ma mi permetto, anche e soprattutto alla luce delle azioni legali intraprese e ancora pendenti, e delle loro possibili conseguenze e ripercussioni, di ricordare la professionalità acquisita e il servizio reso negli anni da queste persone, un patrimonio di risorse ed esperienze che non andrebbe disperso. Per questo invito ancora una volta il direttore generale dell’Asl Foggia, il presidente della Sanitaservice Foggia e i dirigenti della ‘San Michele’, supportati dai loro staff legali, a cercare ancora una possibile e auspicabile mediazione e soluzione, all’insegna del buonsenso e dell’equità nel rispetto delle normative vigenti, che permetta il ritorno al lavoro da un lato, la piena efficienza e qualità delle prestazioni erogate dall’altro”.



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    Spett. redazione

    Ci rivolgiamo a voi con la speranza che possiate dar voce a quello che stiamo vivendo e subendo.

    La nostra storia si trascina ormai da troppo tempo,per la precisione quattro anni e mezzo.

    Fa seguito una nota che ci riguarda con la quale capirete di cosa si tratta.

    Bari. Di seguito, una nota del Presidente del Gruppo Area Popolare, Giannicola De Leonardis. “La vertenza che dal 2012 vede – loro malgrado – impegnati 22 lavoratori della Cooperativa Sociale ‘San Michele’ (che svolgevano un servizio poi internalizzato direttamente dall’azienda) in un contenzioso con Sanitaservice e l’Asl Foggia è stata oggi oggetto di audizione nella VI Commissione consiliare, dove le controparti hanno avuto modo di esporre le loro rispettive posizioni.

    Non era e non è certo nelle prerogative e nelle possibilità dei commissari e dei consiglieri regionali esprimersi nel merito sulla mancata applicazione della clausola sociale, ma mi permetto, anche e soprattutto alla luce delle azioni legali intraprese e ancora pendenti, e delle loro possibili conseguenze e ripercussioni, di ricordare la professionalità acquisita e il servizio reso negli anni da queste persone, un patrimonio di risorse ed esperienze che non andrebbe disperso. Per questo invito ancora una volta il direttore generale dell’Asl Foggia, il presidente della Sanitaservice Foggia e i dirigenti della ‘San Michele’, supportati dai loro staff legali, a cercare ancora una possibile e auspicabile mediazione e soluzione, all’insegna del buonsenso e dell’equità nel rispetto delle normative vigenti, che permetta il ritorno al lavoro da un lato, la piena efficienza e qualità delle prestazioni erogate dall’altro”.

    Non vogliamo puntare il dito contro nessuno, ma solo evidenziare che si parla tanto e da troppo tempo ma di concreto neanche l’ombra.

    Non ci stancheremo mai di ribadire che ci hanno tolto i sogni ed anche in parte la speranza negandoci un diritto che a nostro avviso è

    sacrosanto,ma non ci toglieranno mai la forza ed il coraggio di urlare e di far conoscere quello che accade.

    Vorremmo sapere dove sono finite tutte le persone che in questi anni si sono riempite la bocca,a volte gonfiando anche il petto e che forse hanno fatto una grossa risata alle nostre spalle e sulle nostre teste.

    Non abbiamo bisogno della morale e delle belle parole, siamo stanchi e pieni di certi comportamenti contraddittori.

    Vogliamo che ci venga restituito quello che ci è stato tolto.

    Vogliamo a tutti i costi che ci venga restituita la dignità che ci è stata rubata.

    Cordiali saluti

    I LAVORATORI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati