Economia

L.Stabilità, Corte Conti: con taglio cuneo rischi equità


Di:

Magistrato Corte Conti (ST- fonte image: anmvioggi.it)

PER la Corte dei Conti, in audizione oggi al Senato, dal taglio del cuneo fiscale sul lavoro, oltre agli autonomi, sono esclusi incapienti e pensionati, ”ossia circa 25 milioni di soggetti” che comprendono anche quelli in ”maggiori difficoltà economiche”. ”Ciò comporta evidenti problemi distributivi e di equità”.

La Corte dei Conti, insomma, dà ragione al Codacons che, ad esempio, nel comunicato del 16 settembre, contestando la tesi dell’Ocse, sosteneva che “la riduzione del costo del lavoro, anche immaginando che i soldi vadano tutti in aumento della busta paga … aiuterebbe solo chi ha un lavoro in questo momento e non anche i disoccupati ed i pensionati”. L’aumento dell’Iva, invece, “colpirebbe tutti, anche chi un lavoro non ce l’ha ma deve comunque provare ad arrivare a fine mese”.

Per il Codacons ora il Governo dovrebbe rifare integralmente una legge di stabilità fallimentare, sia perché vuole distribuire soldi a tutti, pur non avendoli, sia perché non punta tutto sulle famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese.

Se le aziende vogliono il lavoro, bisogna ridare in primo luogo capacità di spesa alle famiglie. La riduzione dei costi delle imprese è certo cosa non negativa, ma se le macchine sono ferme per mancanza di ordinativi, dato che gli italiani non hanno soldi per fare acquisti, i costi passano in secondo piano.

Ecco perché il Codacons chiede di riabbassare l’aliquota ordinaria Iva al 21% ed aiutare chi è in difficoltà. Per trovare le risorse è sufficiente tassare le rendite finanziarie al 27% e chiedere un contributo di solidarietà a chi guadagna più di 90.000.

E’ vergognoso, ad esempio, che il Governo si faccia scudo della sentenza della Corte Costituzionale per non tassare le pensioni d’oro, quando per aggirare la sentenza basterebbe innalzare dal 43 al 48% l’aliquota massima Irpef.

Redazione Stato

L.Stabilità, Corte Conti: con taglio cuneo rischi equità ultima modifica: 2013-10-29T12:31:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This