Manfredonia
A cura di Filippo Lupoli

Lannes a Manfredonia “Questo territorio svenduto per un piatto di lenticchie” (VIDEO)

"Manfredonia non è il terzo mondo, nè la discarica dell'Italia"

Di:

Manfredonia. SVOLTASI nel pomeriggio – nell’Auditorium “C.Serricchio” di Palazzo dei Celestini – la manifestazione organizzata dall’associazione “Manfredonia Nuova” – guidata dal prof. Italo Magno – per “informare la popolazione sui gravi rischi che comporta l’insediamento del deposito Energas nel nostro territorio e far partecipare tutti, in maniera consapevole ed attiva, al voto referendario cittadino del 13 novembre prossimo“.

Presente l’ex giornalista Gianni Lannes.

“Io non sono depositario di una verità assoluta – ha detto Lannes a Stato Quotidiano – Purtroppo non mi sono potuto dedicare in precedenza alla ‘questione’ Energas, ma nei prossimi 30 giorni farò un’inchiesta in tal senso. Anche se io non sono nato qui, le mie radici partono da questo territorio”.

L’Italia è un bel Paese ma privo di sovranità“, ha continuato Lannes. “Resto disponibile ad un incontro dialettico con Menale, Riccardi e chicchessia. Spenderò tutte le mie conoscenze affinché questo progetto venga bocciato definitivamente. C’è possibilità che mi rivolga alla Corte di Strasburgo per non aver considerato la vicina base militare di Amendola, l’adiacente zona protetta in ambito naturalistico. Mi chiedo – ha detto ancora Lannes – come si faccia a ripresentare un progetto del 1999 e a farlo accettare a tutti gli Enti? Probabilmente, per una struttura basata sul compromesso”.

“Questo territorio – ha terminato Lannes – è sempre stato svenduto per un piatto di lenticchie. Manfredonia non è il terzo mondo, nè la discarica dell’Italia (per l’inceneritore). In Croazia il turismo è una cosa seria non di certo come a Manfredonia”.

(A CURA DI FILIPPO LUPOLI, Manfredonia 29.10.2016)

fotogallery antonio troiano

Redazione Stato Quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
17

Commenti


  • Gennaro la Verga

    Tra paranoici ci si intende. NO Energas!


  • Michele

    Grandissimo Gianni Lannes!


  • Manuel

    Ma non doveva fare rivelazioni che avrebbero sconvolto tutta la vicenda ?
    Ma che cosa ridicola ! Che pochezza ! Che vergogna !
    Non so dove questo signore vada a mangiare le ” lenticchie ” , perché sono lenticchie veramente care ed importanti !
    Forse le lenticchie le mangiano le 70 famiglie che probabilmente grazie a questo signore e ad i suoi amici perderanno la possibilità di un posto di lavoro sicuro e tranquillo , loro di certo al posto delle lenticchie possono permettersi il caviale.


  • Pescara ha una splendida università

    x una manifestazione enfatizzata da 2 settimane, conto nella sala non più di 25 persone, tra cui almeno 10 vecchietti che sono presenti a tutte le manifestazioni per assenza di altri luoghi ove stazionare “a gratis”.
    se il seguito del fronte del NO è questo vince l’astensionismo o il SI


  • 10 lupi e 60.000 pecorr

    Probabilmente il prestigioso Giornalista avrà’ intuito che Manfredonia non ha gli anticorpi del passato per condurre battaglie asprissime..in un ventennio hanno addomesticato 60 mila balocchi riducendoli in un grandioso ovile.


  • A cena e a letto con il nemico

    MANFREDONIA DISCARICA MONDIALE E TERRITORIO DA SCEMPIARE!


  • Michele

    Non è il referedum che fermerà Energas, il Pd si e lavato le mani come Ponzo Pilato, dando la fasulla sovranità ai cittadini di Manfredonia. Vota no Energas ma dopo non è finita, ci vuole una sommossa popolare per scongiurare l’istallazione del GPL a San Spiriticchio a ridosso di Manfredonia. Credevo nel PD il meno peggio ma mi sono sbagliato alla grande!!


  • Michele

    Non è il referedum che fermerà Energas, il Pd si è lavato le mani come Ponzio Pilato, dando la fasulla sovranità ai cittadini di Manfredonia. Vota no Energas, ma dopo non è finita, ci vuole una sommossa popolare per scongiurare l’installazione del GPL a Santo Spiriticchio a ridosso di Manfredonia. Credevo nel PD il meno peggio,ma mi sono sbagliato alla grande!!


  • Asia

    Ancora una figura di -caro professore. In tutto, compreso Lannes, il fotografo e alcuni vecchietti , una dozzina. Ritirati e dai spazio a chi è più giovane e preparato di te. Sei capace solo di accumulare brutte figure. La prossima volta rivolgiti a chi ne sa più di te. Povero Lannes, chissà cosa avrà pensato quando ha visto la platea e sentito il professore. Comunque stai tranquillo che come al solito ci pensa Riccardi. Sii umile e impara.


  • Carlo

    Ma che cosa dite ieri c’erano almeno 100 persone..e comunque è stato interessantissimo..non sanno più come sputare veleno su Magno..sei dei frustrati addomesticati al potere, lustrascarpe e lecchini. Se non fosse stato per Magno e 5 stelle avrebbero già iniziati il lavoro. Pd e il sedicente ambientalista Vendola sono stati i responsabili.


  • Andrea

    Povero Carlino, dove stava?


  • Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi

    Il classico della Città dei balocchi taluni hanno la doppia personalità magari
    quelli che criticano queste iniziative sono complici del colosso energetico ufficialmente magari si mostrano contrari e poi invece remano contro..che schifo di società.


  • Franco Santoro

    Grande Italo Magno unica e vera opposizione cip e ciopp inesistenti.


  • critico

    Mi dispiace tanto che il paese non ha colto l’occasione di ascoltare Gianni Lannes un grande giornalista investigativo che ha trattato degli argomenti sconcertanti riguardo all’installazione del gpl energas a manfredonia.Ha confermato ciò che già sospettavamo : i tavoli tra Menale e i nostri politici si sono già svolti tenendo la popolazione allo scuro e solo dopo due anni si è sollevato un gran polverone.Ora il sindaco vuole ricorrere ai ripari con un referendum consultivo;nullo ai fini legali,facendo sperpero di denaro pubblico. Manfredonia non merita questo mega deposito di gpl che non porterà lavoro ma solo scempi e rischi di incidenti rilevanti.Abbiamo già pagato e stiamo ancora pagando le conseguenze dell’enichem. Vorrei una rinascita del nostro paese puntando sul turismo,la pesca e l’agricoltura, risorse che sono in loco da secoli .


  • rino colletta

    Eravamo almeno un centinaio di presenti ,attenti e quindi intensamente
    partecipanti all happening promosso da Manfredonia nuova con la coraggiosa
    e necessaria presenza dell ex GIORNALISTA Sig.r Lannes .
    Coloro che sparlano in proposito ,senza dichiarare le proprie generalità ,
    sono persone che non hanno coraggio nell esprimere le proprie opinioni …
    Mi ha molto meravigliato l assenza di molte intelligenze manfredoniane che
    avrebbero avuto a disposizione una miniera di informazioni dall ospite Lannes .
    Il quale ,dopo aver relazionato con animosità sulle sue conoscenze, ha risposto a varie domande proposte dal pubblico presente in sala…
    aahhh che vi siete perso !


  • Comitato contro l'ipocrisia

    Manfredonia si conferma un paese ridicolo che vive solo di chiacchere. Tutti a lamentarsi ma poi si registra scarsissima presenza in sala. Tra l’altro un certo sindaco è riuscito a far passare sotto silenzio l’approvazione dell’impianto quando il Comune poteva fare ancora qualcosa e ora butterà 67 mila euro di soldi pubblici per un referendum inutile a fini pratici se non quello rifarsi una verginità politica sulla vicenda. Ora che i buoi sono scappati, inutile far finta di chiudere i cancelli. Ma visto che questa è una cittadina piena di pecore che credono a qualsiasi favoletta sono sicuro che il giochetto funzionerà benissimo.


  • Ex elettore magno pentito

    I presenti erano tanti, quanto i commenti positivi in questo articolo , caro Rino colletto. Statevene a casa che fate più bella figura. Godetevi la pensioncina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati