Manfredonia
Giovane donna scomparsa prematuramente meno di un anno fa a causa del cancro alla mammella

Manfredonia, in ricordo di Pamela Murgo

“Parlarne per poi agire – aveva detto Orazio Falcone, presidente Uisp – e utilizzare tutti gli strumenti medico-scientifici a disposizione per prevenire quanto più possibile l’insorgenza di questo male"


Di:

Manfredonia, 29 ottobre 2017. “1^ Camminata in Rosa Uisp” stamani a Manfredonia, dedicata quest’anno a Pamela Murgo, donna del centro sipontino scomparsa prematuramente meno di un anno fa a causa di una male incurabile.

Lo scorso mercoledì 25 ottobre si è svolto un dibattito – organizzato dalla Uisp Manfredonia-Gargano – nell’Auditorium Serricchio di Palazzo dei Celestini, dedicato alla sensibilizzazione verso la prevenzione del tumore al seno.

Nell'immagine Pamela Murgo

Nell’immagine Pamela Murgo

“Associazionismo e donne! La prevenzione del cancro alla mammella, parliamone tra donne”, il significativo titolo dell’incontro patrocinato da Regione Puglia e Comune di Manfredonia, oltre che da Andos Onlus. Il dibattito è stato aperto da Antonietta D’Anzeris, Consigliera nazionale Usipe e dirigente del Comitato Uisp di Manfredonia che ha ilustrato i dettagli dell’intera manifestazione, a seguire i saluti del presidente Uisp Gargano – Manfredonia, Orazio Falcone e l’intervento di Elisabetta Valleri, presidente ANDOS Foggia. Hanno concluso l’incontro le testimonianze di Consiglia Cafarelli, Elena Duria, Antonella Rosati e Mariella Vaccarella e il dibattito finale.

PH GIOVANNI FURII (MANFREDONIA, 29.10.2017)

PH GIOVANNI FURII (MANFREDONIA, 29.10.2017)

“Parlarne per poi agire – aveva detto Orazio Falcone, presidente Uisp – e utilizzare tutti gli strumenti medico-scientifici a disposizione per prevenire quanto più possibile l’insorgenza di questo male. Controlli periodici, screening possono aiutare e devono essere utilizzati”.

Il secondo appuntamento, per tutti, si è svolto stamani, domenica 29 ottobre, in Largo Diomede”.

FOTOGALLERY IVANO FIORE

Manfredonia, in ricordo di Pamela Murgo ultima modifica: 2017-10-29T10:33:45+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Cambiamento sos

    È un gran dolore la perdita di un familiare.
    A prezzo e condivido queste manifestazioni.
    Dobbiamo guardare in faccia la realtà è chiederci :come mai tutti questi morti giovani per tumore?
    Possiamo dare la colpa sia all’ambiente ,all’aria e al cibo inquinato, però il nostro assassino ce lo abbiamo in casa e si chiama l’ENICHEM(ex ANIC).
    I rifiuti tossici (arsenico, caprolattame, mercurio ecc….) stanno ancora lì sotto terra e riversano pure a mare dopo 40 anni di deterioramento dei contenitori.
    C’è un coordinamento cittadino : ambiente e salute , c’è stata pure la ricorrenza dello scoppio della colonna di arsenico del 1976, ma la popolazione non era presente come doveva.
    É adesso ci tocca piangere i nostri morti.
    Dobbiamo unirci e combattere per la bonifica.


  • Luciano

    Sig.Antonella..sempre a polemizzare!!!!!lei xche’,se è tanto migliore di tanti/e…non ha partecipato???? Il dibattito c’è stato,forse non era presente neanche a quello o non ne sapeva nulla…la manifestazione di ieri è stato il punto di partenza per altre più organizzate e spero con più partecipazione anche maschile…poi al termine c’è stato nuovamente il ricordo delle tante donne morte di cancro e l’invito alla prevenzione….Ma lei non era presente e non lo può sapere!


  • antonella

    Egregio Luciano, sempre che questi sia il nome vero, non ero prima, e non sono adesso, interessata a polemizzare, cosa che invece sta facendo lei, invece io era interessata ad avere lumi sul merito del dibattito che c’é stato, infatti ero assente alla discussione tenutasi il 25ottobre, ma mi piacerebbe sapere di cosa si é parlato, entrando nel merito oggettivo della discussione, e credo sia giusto che tutte le donne si interessino a questo dibattito, non solo per una questione di prevenzione ma anche per una questione di cultura della salute.
    Sinceramente sui siti di informazione on line non ho letto testi,
    ne approfondimenti in merito, quindi, ho chiesto se non fosse il caso di parlarne. Per lei invece, cosa é importante, polemizzare con la sottoscritta su quando si é tenuto un incontro dove molte donne erano assenti, oppure prendere l’occasione per discuterne, confrontarsi e approfondire???
    Mi faccia sapere.


  • Redazione

    Gentilmente vi invitiamo alla moderazione. In omaggio alla cara amica Pamela, nel rispetto di quanto avvenuto e del dolore dei familiari, tutti gli interventi correlati a polemiche e/o diversi da omaggi e pensieri per la giovane saranno rimossi. Grazie. StatoQuotidiano.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi