Assolto con formula piena carabiniere di origini Manfredoniane

Carabinieri imputati per indebita detenzione di munizionamento militare: assolti

Avv. Fischetti "Un lavoro complesso ma che alla fine ha generato una indubbia gratificazione e di certo costituisce un lusinghiero risultato"

Di:

L'avvocato Pierpaolo Fischetti

L’avvocato Pierpaolo Fischetti

Manfredonia. ”Assolto con formula piena carabiniere di origini Manfredoniane in servizio presso l’11° Battaglione Carabinieri “Puglia” dal Tribunale Militare di Napoli, coimputato con altro collega, dall’accusa di ritenzione di munizionamento militare aggravata perché avrebbe detenuto cartucce calibro 9 parabellum di vari lotti integri appartenenti all’amministrazione militare.

La storia sottesa a questo fatto giudiziale è complessa e prende le mosse da vicende accadute ormai nell’anno 2011, purtuttavia anche se apparentemente circoscritte nell’ambito militare, di certo hanno avuto una eco mediatica considerevole.

Ciò nonostante, la lunga e dura battaglia processuale, sin dai primordi, e durante le fasi delle indagini preliminari, non ha risparmiato importanti considerazioni anche dal punto di vista del diritto. Invero risulta frequente che molti militari incappino in svariati controlli o durante alcune operazioni di ricerca di prove, con il possesso di colpi di pistola, o altro diverso munizionamento, oltre il regolare quantitativo previsto per legge.

Automatica è la denuncia presso l’autorità giudiziaria competente e quasi certa ne è anche la condanna.

A questo assioma si è sempre opposto il legale sipontino dei militari in questione, l’avv. Pierpaolo Fischetti, che incassa un nuovo importante risultato e ne fa giustamente un caposaldo tra le sentenze della stessa materia.

Di fatti, spiega l’avv. Fischetti, la configurabilità del reato in esame ha maglie molto strette e sin anche i giudici di legittimità sono molto rigorosi sul punto. E però in tale quadro – e in questo caso – si è con successo ribaltato l’onere della prova in capo al possessore di detti beni, ovvero nel dimostrare che i colpi siano muniti del marchio di rifiuto o abbiano cessato di appartenere al servizio militare, con un nuovo e garantistico indirizzo della palese dismissione. Di qui un lunghissimo e difficile studio della legislazione europea e dei regolamenti della Nato, quindi dello STANAG 4090 (convenzione sulle norme tra Stati membri del patto Atlantico) e delle ordinanze del Ministero della difesa. Un lavoro complesso ma che alla fine ha generato una indubbia gratificazione e di certo costituisce un lusinghiero risultato.

Di contro non vi è dubbio però, che per chi ha dovuto subire questo processo esso è costato, in termini di afflizione e di patimento, davvero molto. Se poi si somma a quanto detto che gli appartenenti alle forze di polizia dovrebbero, al contrario, essere impegnati attivamente nei compiti del loro istituto e non certo a difendersi nelle aule dei tribunali, il danno in sé appare ingente”.

Lo rende noto in una nota inviata a Stato Quotidiano l’avvocato Pierpaolo Fischetti del Foro di Foggia.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati