ManfredoniaStato news
Partita campagna di crowfounding

Marco e Andrea Nasuto “Kosmonauts – cosa vuol dire essere italiani?”

Roberto Saviano li ha definiti “due talenti geniali della documentaristica"

Di:

Manfredonia. ”I fratelli sipontini Marco e Andrea Nasuto hanno spesso fatto parlare (bene) di loro, tanto che Roberto Saviano li ha definiti “due talenti geniali della documentaristica”. I nostri concittadini continuano a nutrire un legame saldo e orgoglioso con la propria terra e le proprie radici, tanto da seguire tutta la vicenda Energas e complimentarsi con la Città tutta, attraverso me, per l’esito del referendum comunale del 13 novembre scorso.

Ora, i fratelli Nasuto hanno lanciato una campagna di crowfounding , ovverosia una ‘colletta’, per il nuovo docufilm “Kosmonauts – cosa vuol dire essere italiani?”. Possiamo parteciparvi tutti, cliccando sul sito che vi linko qui di seguito: https://www.kickstarter.com/…/kosmonauts-what-does-it-mean-…

Sappiate, comunque, che, come spiegano Marco e Andrea Nasuto, “Il documentario nasce da domande come ‘Quale futuro stiamo costruendo?’, ‘Chi siamo? Chi vogliamo essere?’. E’ una visione sull’Italia e il mondo, sulla centralità del tema ‘identità’ nel costruire relazioni sociali ed una società più giusta, che parte dalle periferie. Spiega perché un luogo come Borgo Mezzanone ed il business del pomodoro, perché molti luoghi fuori dai radar come lo sono le realtà di provincia, siano in realtà i veri teatri di sfida sociali e politici (vedasi Trump eletto dalle periferie, vedasi la Brexit voluta da quelle periferie e paesi dimenticati). Forniamo delle risposte, ma diamo soprattutto molte domande. In questo momento storico così delicato, chiedersi chi siamo, cosa vuol dire essere italiani, sia fondamentale per evitare derive populiste e disastri. Ecco: Kosmonauts è una presa di responsabilità nel cercare di dialogare, di aiutare a pensare, cambiare, migliorare””. (FROM pagina facebook Angelo Riccardi, sindaco di Manfredonia – 28.11.2016)

Per aderire alla campagna di crowdfunding http://kck.st/2fDJm8w

kosmonauts.co

Lì fuori, è un mondo incasinato. Quale futuro stiamo costruendo?
Milioni di migranti alle porte dell’Europa, la Gran Bretagna ha lasciato la UE, il terrorismo è diventato parte della vita quotidiana, una generazione di giovani europei migra, lottando per trovare un lavoro. Queste sfide hanno una radice comune: è una questione di identità. Kosmonauts è un viaggio attraverso questo mondo complesso per chiedersi: chi sei? Chi vuoi essere? Kosmonauts cerca di unire i punti, di sviluppare strumenti per capire il nostro ruolo nel mondo. Costruire una vita in questo mondo senza averne paura.

Cosa vuol dire essere italiani?

Se credi che la risposta a questa domanda sia lineare e semplice, chiudi questa pagina. Se pensi di trovare una risposta consolatoria che dica ‘ma in fondo noi italiani…’, dovresti anche tu chiuderla. Se invece pensi che viviamo in un mondo complesso che fai fatica a capire, se ti spaventa non sapere chi sarai fra tre anni o cosa farai, non preoccuparti. Anche noi lo siamo. Questo docufilm è il nostro metodo per sconfiggere quella paura. Questo è un mare. Non è un porto in cui ancorarsi. Questa è la nostra preparazione per diventare cosmonauti. E siamo certi che può essere anche la tua.

Un pomodoro per descrivere il tutto

Probabilmente nell’ultima settimana hai mangiato un pezzo di pizza, o un piatto di pasta, o un insalata o magari un hamburger. Tutti questi cibi contengono quasi sicuramente del pomodoro. All’estero, hai probabilmente visto parole come ‘lasagne’, ‘spaghetti con meatballs’, ‘pasta bolognese’ associate al tricolore. Anche questi prodotti contengono pomodoro.
Non c’è da meravigliarsi, il pomodoro è un simbolo del ‘Made in Italy’ e l’Italia è il secondo produttore al mondo. Il 60% della produzione va nei supermercati inglesi o nei ristoranti di New York e persino in mercati impensabili come il Ghana.
Il luogo dove siamo cresciuti è la più grande area per la coltivazione di pomodoro in Europa. Eppure le mani che lo raccolgono non sono italiane.
E’ un’area dove “la schiavitù esiste ancora” e ha un nome: caporalato.
Magari tutto questo lo hai già letto in qualche giornale, visto in TV. Acqua passata. Ma forse non ti sei chiesto: che Italia sta nascendo li?

Potresti obiettare: ‘un luogo lontano, una provincia isolata che è anche tra le più povere d’Italia: cosa hanno da dire sul futuro?’
Non sono forse posti dimenticati e periferici che hanno da pochi mesi eletto Donald Trump negli Stati Uniti e hanno determinato il destino di milioni di inglesi con la Brexit?

Questo luogo parla del tuo futuro. Comprenderlo significa capire meglio chi sei, chi vuoi essere. In realtà, non importa se sei italiano o no. Studiarne i suoi particolari, connessioni e conseguenze, significa possedere una lente da cui vedere il mondo.

‘Kosmonauts’ non parla solo di ciclo del pomodoro e sfruttamento, ma questa storia sintetizza il metodo del docufilm.

Come innovazione e diversità si collegano? Qual è il ruolo dei media nel creare i nostri pregiudizi? In che modo l’Asia guarda all’Italia e all’Europa? Come le periferie cambiano il mondo? Si può essere felici fuori dal tuo paese? Perché la crisi identitaria è la radice dell’ISIS? L’inequalità è la più grande sfida economica attuale?
Queste, e molte altre domande, ci hanno portato in giro per l’Italia, Manchester e New York. Con voi, vorremmo condividere la risposta forgiata da questo lungo viaggio.

Questo docufilm si sviluppa sulla frontiera, tra le periferie fisiche e mentali, perchè la periferia è sempre il punto di incontro fra ciò che è già e ciò che sarà. Presente che corre verso il futuro.

Marco, durante i suoi viaggi a Kiev ed Odessa, ha raccolto questi cimeli, simboli e testimonianze di un’utopia spaziale dimenticata.
Uno dei temi del docufilm è l’esplorazione, in particolare quella spaziale. Marco, ingegnere aerospaziale, è sempre stato affascinato dalla storia quasi sconosciuta dei primi, veri pionieri dello spazio: i sovietici. Chiariamo subito: qui il comunismo non c’entra nulla. Complici i suoi viaggi in Ucraina, nel corso del tempo ha raccolto dei piccoli cimeli originali, d’epoca sovietica. La figata sta nell’idea dietro quelle rare spille: un pezzo di sogno, di identità di un popolo ed una cultura, quella dell’utopia sovietica dello spazio, raramente raccontata.
Artificial Intelligence + Intimità = un nuovo modo di raccontare

Marco e Andrea Nasuto, Gargano ph. https://italianiamanchester.files.wordpress.com

Marco e Andrea Nasuto, Gargano ph. https://italianiamanchester.files.wordpress.com

Kosmonauts’ un film ‘meticcio’. Per raccontare questo meticcio dovevamo inventarci una narrazione che lo fosse altrettanto. Fusione artistica di più generi e di molteplici sguardi. In questo film noi siamo dentro, fino al midollo. Ci siamo dentro con i nostri incontri, con le nostre storie personali e quindi uniche. Ci sono i nostri sogni intimi e le nostre disillusioni, spesso non dette ma visibili a uno sguardo attento. Abbiamo vissuto quello che volevamo raccontarvi e facendolo crediamo di essere riusciti a darvi un racconto vero, autentico.

Kosmonauts è un documentario ‘data driven’.
Allo stesso tempo volevamo utilizzare i migliori strumenti e le migliori analisi possibili per restituire un racconto preciso, puntale, che setacciasse le informazioni. Per farlo abbiamo letto una mole enorme di dati, papers, report, libri, avvalendoci di tecniche di intelligenza artificiale per analizzare l’enorme quantità di dati su cui abbiamo lavorato. Abbiamo affrontato molteplici temi. Per ogni tema abbiamo fuso diverse visioni. A voi le moltiplicazioni. Da scienziati e film-makers, amiamo i dati quanto le parole. La realtà non può ridursi ad un dato, così come non può essere solo un aneddoto, una storia. La verità è sempre in mezzo, è sempre una porta aperta, è meticcia.

Kosmonauts è un documentario sperimentale in cui coesistono sguardi differenti. Per veicolare questa diversità nelle immagini abbiamo deciso di adottare Google Glass per filmarne alcune parti. Non era la tecnologia ad interessarci. Il nostro preciso scopo era ottenere uno sguardo personale, veloce, a tratti intimo, che solo i Glass ci avrebbero consentito di ottenere. Kosmonauts è giornalismo investigativo come nel caso del tema industria del pomodoro in Italia. E infine Kosmonauts conserva la libertà artistica di un film per descrivere una reciprocità delle emozioni, ovvero io e te siamo simili, non importa che lingua parliamo perchè i nostri occhi guardano la stessa cosa.
La storia dietro Kosmonauts, ovvero Andrea e Marco

Abbiamo iniziato questo progetto nell’autunno del 2014. A quel tempo non c’era nessun Trump, crisi dei migranti, niente Brexit e l’ISIS aveva appena iniziato ad apparire nella sue dimensioni.” Andrea e Marco Nasuto.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Giacomodiego 50

    Complimenti ragazzi. Questi sono i nostri talenti del nostro presente e futuro della nostra terra. Non abbiamo bisogno di nessun bombolone e di nessuna riforma costituzionale. No il 4 dicembre. Ancora complimenti.


  • Lecchino

    questi 2 ragazzi sono l’esempio che in una città ed in una nazione dove non si conosce il significato della parola meritocrazia è impossibile lavorare, di chi sono le colpe lo sapete tutti……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati