Cronaca
Dopo la recente seduta di consiglio comunale

Margherita, no procedura per vendita ex scuola e mercato

I due immobili, di fatto, tornano sul mercato e il sindaco, Paolo Marrano, anche alla luce della fatiscente e pericolosa situazione degli stessi, ha illustrato la sua proposta al Consiglio comunale: mettere in vendita l'ex scuola media e il mercato coperto con una base d'asta di 520mila euro

Di:

Margherita di Savoia – IL Consiglio comunale non ha approvato la procedura, suggerita dal sindaco Paolo Marrano e dalla sua maggioranza, con la quale si intendeva vendere il complesso costituito dal mercato coperto e dall’ex scuola media e, contestualmente, sistemare le famiglie che occupano abusivamente quegli immobili, con gravi rischi per l’incolumità e la salute delle persone.

In quegli immobili, infatti, come è noto a tutta la comunità di Margherita di Savoia, non sussistono le condizioni minime di sicurezza, con il rischio che, in qualsiasi momento, potrebbe accadere una tragedia che avrebbe forti implicazioni sulla responsabilità del sindaco e dell’ufficio tecnico. La vendita degli immobili comunali, tra i quali il mercato coperto e l’ex scuola media, per i quali, nelle scorse settimane, erano giunte offerte di acquisto per complessivi 520mila euro, successivamente ritirate, era uno dei punti all’ordine del giorno del consiglio comunale del 22 dicembre scorso.

I due immobili, di fatto, tornano sul mercato e il sindaco, Paolo Marrano, anche alla luce della fatiscente e pericolosa situazione degli stessi, ha illustrato la sua proposta al Consiglio comunale: mettere in vendita l’ex scuola media e il mercato coperto con una base d’asta di 520mila euro. Del resto, ha evidenziato il sindaco durante il suo intervento, la crisi del mercato immobiliare e le condizioni fatiscenti degli immobili da cedere, non agevolano una vendita degli stessi a cifre maggiori. In più, ha ricordato Marrano, non ci sono le condizioni minime di sicurezza per quegli immobili occupati abusivamente e non è possibile rimandare ancora la vendita. Il primo cittadino ha chiesto una decisione unanime al Consiglio comunale, per evitare speculazioni politiche su una questione delicata. La procedura di vendita, però, è stata osteggiata dai quattro consiglieri d’opposizione (Cusmai, Piccolo, De Pietro e Lodispoto) e dal consigliere Carlo Ronzino.

Tra le motivazioni addotte, anche quella di un possibile danno erariale per le casse comunali, come evidenziato dal consigliere De Pietro. Al quale, però, il vice sindaco Angela Cristiano ha ricordato come la prima amministrazione Camporeale decise di cedere gratuitamente all’Ipab proprio gli immobili oggi in vendita. Operazione che non si concretizzò solo per il rifiuto dell’Ipab al quale fu poi concesso l’ex macello. Mancando unanimità sulla proposta del sindaco, la delibera relativa alla vendita degli immobili è stata ritirata. “Come spesso accade, i consiglieri d’opposizione promettono collaborazione ma all’atto pratico si tirano indietro. L’Amministrazione comunale non può continuare a rischiare che accada qualcosa di grave in quegli immobili dove non sono garantite le minime condizioni di sicurezza. La vendita dell’ex scuola media e del mercato coperto – prosegue Marrano – consentirebbe anche di trovare una sistemazione degna alle famiglie che oggi occupano quegli immobili. La bocciatura di quella proposta, vantaggiosa per le casse comunali, mi obbliga a dare seguito immediato allo sgombero dell’ex scuola media e del mercato coperto. Della vicenda – conclude il sindaco – informerò il Prefetto subito dopo le festività natalizie”.

Il consiglio comunale, inoltre, ha approvato a maggioranza le variazioni di bilancio, mentre i restanti punti all’ordine del giorno sono stati ritirati.

Redazione Stato

Margherita, no procedura per vendita ex scuola e mercato ultima modifica: 2014-12-29T16:33:52+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi