Stato prima
Sono state salvate 427 persone

Traghetto incendiato: 10 morti. Media greci: ’38 dispersi’

Le operazioni dedicate a trasbordo passeggeri dal traghetto si sono svolte durante tutta la notte

Di:

Roma – MEZZI del soccorso aereo dell’Aeronautica Militare sono stati impegnati nei soccorsi ai passeggeri e all’equipaggio del traghetto Norman Atlantic, che ha dichiarato emergenza all’alba del 28 dicembre per l’incendio divampato a bordo mentre era in navigazione sulla rotta verso Ancona. Sul posto diverse navi mercantili, dove gli elicotteri della Marina Militare hanno trasferito le persone tratte in salvo. Le operazioni, coordinate dalle autorità italiane (Maritime Rescue Coordination Center di Roma) con la collaborazione di quelle greche, sono state particolarmente complesse a causa delle condizioni meteorologiche. Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha monitorato la vicenda da Palazzo Chigi, in costante contatto con gli operatori di soccorso. Istituita, presso la Prefettura di Brindisi, un’Unità di crisi.

L’attività di soccorso al traghetto Norman Atlantic, si è svolta a 33 Miglia a Nord Est da Otranto e 12 Miglia da Valona. In assistenza diverse navi mercantili.

Sale a dieci il numero delle vittime accertate dopo l’incendio sulla Norman Atlantic. Sono state salvate 427 persone ed i naufraghi non presenti all’appello sarebbero 38, secondo l’edizione online del settimanale greco To Vima, considerato tra i più autorevoli. Ma anche se sulla lista d’imbarco i passeggeri erano 478, alcuni dei nomi delle persone salvate non figurano su quella lista. Infine anche il comandante Giacomazzi ha lasciato la nave.

Le operazioni dedicate a trasbordo passeggeri dal traghetto si sono svolte durante tutta la notte.

I mezzi impiegati: 2 motovette (1 albanese), 10 aeromobili (1 greco), 8 navi mercantili (attive fino al termine delle operazioni).

Sul posto anche i rimorchiatori italiani Marietta Barretta e il Tenax. La nave anfibia San Giorgio, partita da Brindisi, è giunta sul posto per partecipare alle operazioni.

Incendio Norman Atlantic. Cordoglio Vendola e ringraziamento Protezione civile. “Vorrei ringraziare con un grande abbraccio le forze militari, i vigili del fuoco, i volontari della Protezione Civile, i medici, gli operatori sanitari e quanti in queste lunghe e difficili ore si sono prodigati in questa complicata corsa contro il tempo per salvare i passeggeri della Norman Atlantic. E’ stata una straordinaria prova di solidarietà che tutta la Puglia ha superato con efficienza e competenza. Le difficilissime operazioni di soccorso in mare, che sono continuate senza sosta per tutta la nottata e gran parte della mattinata, hanno purtroppo registrato alcune vittime. Alle loro sfortunate famiglie va il più profondo cordoglio mio e di tutti i cittadini e le cittadine della Puglia.

Intanto le nostre strutture di accoglienza, la rete ospedaliera e il nostro sistema di protezione civile, tutti allertati e impegnati sin dalla giornata di ieri, hanno accolto una parte dei naufraghi, ai quali è stata prestata immediatamente l’assistenza necessaria e le prime cure sanitarie. Ancora una volta dunque il nostro sistema regionale della Protezione Civile si è dimostrato all’altezza della difficile situazione: una moderna ed efficiente macchina, capace di mettere insieme il cuore e il cervello a difesa del territorio e della vita delle persone. Un sistema che possiede la capacità di maturare esperienze e competenze anche di fronte a incidenti tragici, come quello accaduto la scorsa notte al largo dell’Albania”.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Traghetto incendiato: 10 morti. Media greci: ’38 dispersi’ ultima modifica: 2014-12-29T21:20:18+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi