GarganoManfredonia
Denunciato il rappresentante legale dell’opificio

San Giovanni Rotondo, sequestrati 186.000 kg prodotti per preparazione sott’oli

Sequestrate quattro vastissime aree dove venivano smaltiti illegalmente rifiuti di vario genere

Di:

San Giovanni Rotondo (Foggia) 26 gennaio 2017 – Gli uomini del Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia – Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale Carabinieri, coadiuvati dai reparti territoriali e da uomini della Compagnia di San Giovanni Rotondo, hanno sequestrato più di 186.000 Kg di prodotti alimentari pronti per la trasformazione in sott’oli. Circa 150.000 Kg erano sprovvisti di qualsiasi etichetta e identificativo, 36.000 Kg erano in cattivo stato di conservazione. Nel sito aziendale erano abbandonati, su terreno nudo, in tre grosse aree, ingenti quantitativi di rifiuti speciali costituiti da materiale di vario genere (plastica, latte in metallo, vasi in vetro rotti , legno ecc.), inoltre erano state eseguiti due grossi scavi di complessivi 800 mq circa senza alcuna autorizzazione dove venivano sversati, in una, migliaia di litri di acque industriali non depurate ed in un’altra, altri rifiuti solidi parzialmente combusti.

Durante l’attività sono state elevate diverse sanzioni amministrative a corredo di sequestri per violazioni alle norme comunitarie sulla tracciabilità dei prodotti alimentari. Nell’azienda i militari hanno identificati 40 dipendenti 7 dei quali provenienti da paesi extracomunitari. Durante l’attività sono intervenuti anche tecnici dell’Arpa e del sevizio sanitario per i controlli relativi alla salubrità dei posti di lavoro ed al possesso dei requisiti sanitari dell’opificio.

Le violazioni contestate sono al D.lgs 152/06 per le quali i militari hanno posto in sequestro aree per complessivi 5.000 mq. Sono state contestate anche violazioni alla L. 283/62 per detenzione di sostanze alimentari alterate. Sono in corso ulteriori accertamenti.

FOTOGALLERY

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • svolta

    Gentaglia che attenta alla salute pubblica…. in galera per cinque mesi e a fargli mangiare i propri prodotti….. e poi ci chiediamo perché scoppiano casi epidemiologici….


  • Hotel Rigo

    e’ uno schifo maledetti!


  • Aldo Gorgoglione

    Perchè non fate il nome dell’azienda in questione?
    Noi consumatori siamo le vittime, non loro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi