ManfredoniaStato news
Piccoli pettegolezzi crescono per la Basilica di Santa Maria e l'installazione artistica di Tresoldi

Manfredonia, è l’anno zero per il turismo?

Se Gargano e Salento registrano altissime presenze anche a livello nazionale, che ne è della città di Manfredonia nello specifico?

Di:

Manfredonia. UN periodo di Pasqua e Pasquetta interessante per la città di Manfredonia. Un boom di turisti sembra essere riversato sul suolo sipontino a caccia di divertimento, cultura, buon cibo: il clima favorevole e il sole anche a Pasquetta, bene raro e prezioso negli ultimi anni infestati di antipatica pioggerella, li avrebbero aiutati a sentirsi a loro agio. E’ quanto emerge da raccolta dati.

Se Gargano e Salento registrano altissime presenze anche a livello nazionale, che ne è della città di Manfredonia nello specifico? Un ottimo successo ha riscosso, dopo aver penato per tutto l’inverno, il porto turistico, registrando una cospicua presenza di italiani, seppure in maggioranza dalla Capitanata, e tra il 5 e il 10% di turisti stranieri in bar e ristoranti. Le altre zone di Siponto sono rimaste meno affollate, in confronto, ma hanno comunque beneficiato ampiamente del flusso, specie nel pomeriggio del lunedi.

“Il Centro storico è stato interessato, ma meno di quanto avremmo voluto” sostiene la proprietaria di un piccolo locale centrale, mentre il nuovo gestore di un bar su Viale Aldo Moro si esprime positivamente “grazie al grande quantitativo di persone al porto turistico, parecchi si sono spostati anche quaggiù”. A sorpresa, il primo vero lancio turistico degli Ipogei di Santa Maria Regina e dei siti Scoppa I e II: “Abbiamo accompagnato circa 300 visitatori nei tre giorni tra il sabato e il lunedi di Pasquetta” racconta Aldo Caroleo, Archeoclub di Siponto “Tantissimi pullman di italiani, dall’Abruzzo e dalle Marche, assieme a qualche turista inglese, rispetto ai 100-150 degli anni passati, hanno lasciato solo commenti positivi, grazie alla possibilità di ‘leggere’ i resti archeologici e visitare guidati Ipogei e tombe a cielo aperto” Buon flusso di presenza anche per gli Ipogei Capparelli, ancora in attesa di essere messi in rete, secondo le intenzioni iniziali, con l’apertura del fossato del castello di Manfredonia, atteso con passione da molti “ma attendiamo di vedere cosa faranno le promesse dell’Ase e gli effetti della raccolta differenziata sul fossato”.

In generale, B&B in positivo, com’era da aspettarsi, anche se alcuni lamentano un turismo di passaggio, di provenienza dal barese e dalla Capitanata, e quindi poco produttivo. Un problema chiaramente meno sentito da ristoranti e bar. E per la Basilica di Santa Maria di Siponto, piccoli pettegolezzi crescono a favore e a sfavore dell’ultimo intervento operato nell’area sacra. Voci entusiaste si pronunciano lodandone la bellezza, base del potere attrattivo di un monumento, colonna portante per rinnovare la cultura visuale e ‘farsi conoscere’, pilastro del richiamo turistico. Voci più caute dal mondo del commercio invitano alla prudenza: non è visto positivamente il futuro degrado a cui va incontro l’opera di Tresoldi, con relativa manutenzione da effettuarsi ma senza che il turista debba pagare praticamente niente per sostare nell’area, oltre al timore dei commenti che francesi e inglesi, definiti “i turisti veri” potrebbero fare dinanzi all’invasività della colata di cemento sulle strutture archeologiche.

Un primo anno positivo a seguito di investimenti e di un comune sentire attento alla promozione turistica e paesaggistica è quanto eredita la città, registrando presenze e manifestazioni di interesse. Quanto sia capace di condurre una gestione oculata delle opportunità presenti e uno studio attento delle problematiche turistiche rimane da vedere negli anni a venire.

Il resto, è storia.

(A cura di Antonella Attanasio – antonellattanasio84@gmail.com)



Vota questo articolo:
18

Commenti


  • Antonello Scarlatella

    Confidiamo in una continuita’. Sicuramente e’ un grande punto di partenza. Non dobbiamo illuderci pero’. Bisogna lavorare ancora molto. Ora alla citta’ non servono piu’ polemiche o gli attacchi trasversali ma solo ed esclusivamente dialogo ed essere costruttivi al fine di aumentare le performance in maniera esponenziale.
    E’ importante che tutti ci crediamo. Dobbiamo ora cambiare anche noi cittadini, aver cura della citta’, tenerla pulita, essere rispettosi del territorio essere costruttivi.
    ” decidete che una cosa si puo’ e si deve fare e troverete il modo”sosteneva Abramo Lincon


  • Antonio

    Partenza…. via.


  • aldo caroleo

    Parole sagge, Antonello. Personalmente sono stato da sempre contrario all’installazione dell’opera di Tresoldi , non come opera in se ma sulla inopportunità di metterla sui resti della paleocristiana…Ma non per questo non ho profuso l’impegno, premiato oltre le aspettative, per l’accoglienza dei visitatori agli Ipogei Santa Maria, Scoppa e ai sepolcreti subdiali di Siponto. Dove tra l’altro sono stato da dieci anni organizzatore del Presepe Vivente e sulla Pineta dove ho iniziato per i primi due anni la Passione Vivente Manifestazioni ormai consolidate.Questo è essere costruttivi, ma la cosa fondamentale l’hai centrata: è la città che deve cambiare nel senso dell’accoglienza, ma soprattutto nelle manifestazioni del comune buon senso: maggiore ordine, minore anarchia, più rispetto ed infine più buona educazione. Il resto fa parte del confronto che è necessario al di là di quelli che potrebbero essere gli entusiasmi iniziali che bisogna tenere sempre desti. Ci vuole buon senso da parte di tutti e amore vero e non chiacchiere per la propria città.


  • jo

    Tra l’ altro, l’ opera di Tresoldi nasce già”vecchia”. Nell’era della realtà virtuale, con quei soldi si sarebbero potuti comprare (ed affittare ai turisti) una 50ina (e sto esagerando) di telefonini 3D su cui far vedere una ricostruzione enormemente più”realista”. E si sarebbe dqto lavoro ad un guardiano-commesso. E sarebbero avanzati 85000,00 euro per altri lavori. Scusate se e’ poco.


  • jo

    P.s. Ho messo uno zero in meno. Volevo dire Ottocentocinquantamila euro.


  • maria

    Non voglio essere critica, ma vedere tanta gente e non realizzare una zona di sosta per autobus e marciapiedi per la sicurezza dei visitatori mi sembra un assurdità.
    A pasquetta 6 vigli, code di auto fino allo sciale delle rondinelle, persone che camminavano tra le auto in una SS pericolosissima, dite voi se è turistica la cosa.


  • Nicola

    Caro Antonello ,ultimamente i tuoi commenti sono veri e sani .Sinceramente non avevo dubbi sulle tue capacità,anche se molte volte non mi hai trovato d’accordo . Tu lo sai che chi non opera non sbaglia mai.Ricordati queste mie parole , ci dobbiamo ritenere fortunati o meglio ringraziare DIO che il sindaco è RICCARDI.Se ne accorgeranno quando non lo sarà più.in questo marasma generale dove tutti si credono onnipotenti ,dove tutti si sentono indipensabili, dove tutti si sentono geni, dove anche chi non riesce a scrivere due parole e cita Dante e dove tutti sono professori solo uno come lui poteva oggi svolgere questo ruolo. Comunque caro Antonello ti faccio i miei complimenti e credimi sono di cuore. Buona serata.


  • DACUMBA

    Dobbiamo crescere tanto non ci sono parcheggi per ospitare tutta questa gente


  • Anna Bottalico

    Dico un mio pensero…..non lamentiamoci sempre ….visto l’affluenza che c’è stata fra Pasqua e Pasquetta tutto il resto piano ,piano i parcheggi ed altro arriveranno portiamo solo pazienza grazie


  • Il porto turistico senza barche e il mercato ittico senza pesci

    Ringraziare Dio che Angelo Riccardi è il sindaco di Manfredonia?Sapete tutti che Manfredonia è un paese fondato sul mare e quindi sulla pesca,trarre le dovute considerazioni non dovrebbe essere difficile.Mi spiegate perché non fate funzionare il mercato ittico?Ovviamente riferito al sindaco in primis e all’ amministrazione comunale tutta.Capite o no che se gira la pesca quindi il mercato ittico che definisce il prezzo reale del nostro prodotto imbattibile , gira tutta un economia intorno al paese? Secondo me esecondo molti voi amministratori comunali ignorate tutto ciò.Le vostre radici forse non tendono verso il mare ma verso la MONTAGNA.SVEGLIATEVI.


  • antonella

    Non è vero che la mamma degli imb. È sempre incinta, da che è dato sapere, ne ha partorito solo due, uno fa politica,
    l’ altro è ruffiano per vocazione.


  • Zuzzurellone Sipontino

    Sono daccordo con jo, anchio ho fatto la stessa osservazione, qualche articolo fà. Ricordiamoci però che Manfredonia E’ ANCHE un paese sul mare (marinaro). Pure negli anni d’oro della marineria sipontina, la vera ricchezza era la terra. E lo è ancora, abbiamo un agro molto grande. Non dobbiamo precluderci nessuna possibilità. E nel tempo ritargliarci un nostro spazio, specifico, forse unico. Rinnovo il mio appello a salvare la Cappella della Maddalena e la biblioteca Magna Capitanata


  • Anonima

    Caro Sig sindaco di Manfredonia ci tenevo a farle notare che a Manfredonia sempre più famiglie vivono di aria.Una volta nelle campagne e sui moto pescherecci si impiegavano moltitudine di padri di famiglie fatti fuori dalla tecnologia che ha divorato posti di lavoro e dalla cattiva gestione dei beni pubblici vedi mercato ittico dove tutti coloro che sono introdotti all interno della struttura fanno negozi fanno coop. Pesca fanno attività di vendite varie senza pagare nulla ne come locazione ne tanto meno come servizi .Acqua luce gas telefono immondizia sono a carico dei cittadini.La mia domanda è spontanea ed è la domanda di tutti i cittadini di Manfredonia.A chi o a cosa si aspetta a farli pagare o come alternativa a sbattersi fuori come morosi.E non solo……….


  • Giorgio

    Cara Antonellona piazza d’uomo, come immaginavo una supposta al giorno , ogni volta che aprì bocca è insufficiente. Aumentiamo la dose, passa a due, vedrai che ce la faremo. Mettici un po d ‘impegno….


  • Giorgio

    Si Antonellona piazza d’uomo, è vero, la mamma degli imbecilli ha partorito due figli legittimi ,uno fa la politica e l’altro il ruffiano.Ma tu non sai ———-


  • Pescatore xxl

    X Anonima.Hai fatto centro.


  • Pescatore xxl

    Non badare a stroncare torno torno ma bada ai fatti necessari.Il mercato ittico sta comando a picco e tu ce lo hai d’atto alla minnezza


  • antonella

    Giorgio, come sei volgare,ti sei incavolato ancora?   ho lasciato un commento, ti senti toccato in qualche modo? Ti senti molto vicino alla categoria citata vero? lo sapevo infondo non si puo nascondere il proprio essere. Però ora fai il bravo non ragliare ancora, ti ho già detto che non sei all’ altezza, ci spiegate invece di
    ruttare, se avete intenzione di istituire un
    comitato cittadino contro energas, visto
    che si sostiene il no alle trivelle, si
    dovrebbe sostenere anche il no energas. ti pare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This