Sport
La Juve vince grazie a una bella prova della Primavera

Primavera: la Viareggio Cup è della Juventus

Si va al riposo con un risultato di parità e un equilibrio che non si sblocca per buona parte della ripresa

Di:

Roma. Dopo 4 anni, la Viareggio Cup torna a essere bianconera. La Juve vince grazie a una bella prova della Primavera, che batte 3-2 il Palermo nell’atto finale del prestigioso torneo giovanile e mette in bacheca la sua nona coppa (un primato, condiviso con il Milan). La vittoria arriva al termine di un match difficile e molto combattuto: nel primo tempo parte bene, anzi benissimo la Juve, che dimostra fin da subito di volere sfruttare le vie laterali nella sua azione. Proprio da destra, sull’asse Macek-Kastanos, arriva la rete del giocatore cipriota, che controlla in area un cross da destra, dribbla il difensore che lo sta marcando e trafigge il portiere palermitano. Siamo al minuto 15, ma i fuochi d’artificio del primo tempo devono ancora arrivare. Al 28’ il Palermo pareggia con La Gumina, che sfrutta una respinta di Del Favero e segna. La partita, si diceva, si accende, e nel giro di 4 minuti arrivano ben due calci di rigore: il primo è a favore della Juve, conquistato da Macek e trasformato perfettamente da Vadalà al 33’. Il Palermo, però, trova ancora la via del pareggio con La Gumina (doppietta per lui), ancora dal dischetto, al minuto 37.

Si va al riposo con un risultato di parità e un equilibrio che non si sblocca per buona parte della ripresa. I ritmi si abbassano, la Juve mantiene prevalenza nel possesso palla, ma è il Palermo a impegnare Del Favero, pronto e reattivo in più di un’occasione, specialmente sulle conclusioni di Bonfiglio. Proprio quando i calci di rigore sembrano vicini, a quattro minuti dal 40’, arriva l’episodio decisivo dell’intero torneo: Di Massimo conquista e trasforma un calcio di rigore, e regala ai bianconeri un’altra gioia in questa stagione straordinaria, che vede la Juve prima in classifica in Campionato e finalista in Tim Cup (appuntamento il 7 aprile allo Juventus Stadium per la gara di andata) contro l’Inter. Anche di questo parla a fine partita Mister Fabio Grosso: «Sono contento per i ragazzi, nuove sfide ci attendono, ma siamo un gruppo di grande qualità», spiega. Quanto a oggi: «Sapevamo non sarebbe stato semplice, il Palermo ha dimostrato grandi doti, ma questo successo lo abbiamo costruito, meritato, voluto». Finale con dedica: «Un pensiero va ai ragazzi che si sono infortunati in questa stagione, Muratore e Clemenza».

Di più non riesce a dire, il nostro Mister, perché viene sommerso dalla gioia della squadra, che celebra un successo splendido e meritatissimo.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This