Stato prima
La Corte di assise di appello di Bologna ha confermato la condanna inflitta dal Gup a Giulio Caria

Uccisa nel freezer, confermati 30 anni

Il corpo della commercialista fu trovato in un congelatore nell'appartamento di viale Aldini dove la coppia viveva, il 25 giugno 2013


Di:

(ANSA) – BOLOGNA, 30 MAR – Trent’anni. La Corte di assise di appello di Bologna, presieduta dal giudice Pierleone Fochessati, ha confermato la condanna inflitta dal Gup a Giulio Caria, muratore sardo di 37 anni a processo per l’omicidio aggravato della compagna convivente Silvia Caramazza. Il corpo della commercialista fu trovato in un congelatore nell’appartamento di viale Aldini dove la coppia viveva, il 25 giugno 2013. La donna era stata uccisa tra l’8 e il 9, con piú colpi di un oggetto contundente.

Uccisa nel freezer, confermati 30 anni ultima modifica: 2016-03-30T17:29:18+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi