LavoroManfredonia
"Rigenerare spazi da condividere"

Bando culturability. 15 progetti finalisti, 2 della Puglia

Mana Grika è finalizzato all’apertura di un hub culturale della Grecìa Salentina

Di:

Bari. Ci sono anche due progetti della Puglia fra i 15 finalisti del bando culturability – rigenerare spazi da condividere, scelti fra gli oltre 500 progetti partecipanti alla call nazionale promossa da Fondazione Unipolis per sostenere progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale, che rigenerano e danno nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati. A seguito di questa prima selezione, i due progetti pugliesi (expostModerno e Mana Grika), assieme agli altri tredici finalisti, sono stati ammessi a un percorso di formazione e mentoring finalizzato a migliorare e sviluppare le proposte. I team seguiranno workshop, avranno un’assistenza individuale e momenti di revisione critica dei progetti, che dovranno poi essere rinviati a Unipolis entro il 4 agosto. Nel mese di settembre, una Commissione di esperti selezionerà tra questi i 5 progetti che riceveranno 50 mila euro ciascuno e continueranno l’attività di mentoring. Complessivamente, 400 mila euro stanziati da Fondazione Unipolis, tra contributi economici per lo sviluppo dei progetti selezionati, attività di accompagnamento per l’empowerment dei team, rimborsi spese per partecipare alle attività di supporto.

Il percorso di mentoring, così come le altre fasi del bando, è sviluppato in collaborazione con Avanzi/Make a Cube³ e Fondazione Fitzcarraldo. expostModerno è il progetto di recupero dell’ex Cinema Arena Moderno del quartiere Libertà di Bari, di proprietà del Comune e di recente assegnato all’associazione Pop Hub nell’ambito del Regolamento per la cura e la gestione condivisa dei beni comuni. L’ex cinema all’aperto è stato attivo soprattutto negli anni ‘60 e ’70; a seguito della dismissione nel decennio successivo, e dopo un breve periodo di uso come deposito di un’officina, lo spazio è stato quasi completamente dimenticato. Per rendere nuovamente viva l’area verranno realizzate rassegne, spettacoli ed eventi, assieme a laboratori di autocostruzione/recupero finalizzati a rendere fruibile lo spazio.

Mana Grika è finalizzato all’apertura di un hub culturale della Grecìa Salentina (“mana” significa madre in lingua grika), localizzato in due spazi del Comune di Calimera: un mercato coperto e la Casetta della memoria, sita nei giardini pubblici. Al centro del progetto la promozione territoriale e la valorizzazione della cultura locale, attraverso iniziative partecipate finalizzate all’attivazione sociale delle comunità e mediante la creazione di un network tra le realtà attive nella zona. Il progetto è presentato da un team di giovani in collaborazione con le istituzionali locali. Il processo di selezione dei 15 finalisti non è stato facile, dato il numero, la qualità, l’impegno, l’innovazione e la prospettiva dei 522 progetti partecipanti. I progetti individuati partono dalla forza e dal valore della cultura e dell’innovazione sociale per dare nuova vita ad aree ed edifici abbandonati o sottoutilizzati, dalle piazza ai condomini delle nostre città, dalle scuole chiuse agli stabili delle ferrovie dimessi, dalle rimesse e le caserme passando per una miniera.

Ecco i progetti scelti che si aggiungono ai due descritti della Puglia: Cascina Marsiglia – una Rivolta AgriCulturale! (Rivolta d’Adda – Cremona), CasciNet: rigenerare terra, persone, territori (Milano), Caserma Archeologica + Art Sweet Art (San Sepolcro – Arezzo), CulturACT3: Acceleratore Culturale Territoriale (Reggio Calabria), DLF: cantieri interculturali per una città inclusiva (Pisa), Hostello delle idee (Terni), LAB+: Piazza Gasparotto Urban Living Lab (Padova), MUFANT – MuseoLab del Fantastico e della Fantascienza di Torino (Torino), Piazza dei Colori, il giro del mondo in una piazza! (Bologna), Rinasce Pozzo Sella (Iglesias), Stazione Chiaravalle Project (Milano), Terzo Paesaggio (Roma), viadellafucina16 (Torino).



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati