Cronaca

Puglia, caccia a cani e gatti. Post Emiliano


Di:

Bari. Il governatore della Puglia, *Michele Emiliano*, questa mattina ha pubblicato un rassicurante post sulla sua pagina Facebook: *Qualche burlone sedicente 5stelle (ma io non ci credo) ha messo in giro un post facebook che dice che in Puglia si aprirà la caccia a cani e gatti. È una caxxata totale. In Puglia mai nessuno darà la caccia a cani e gatti, dovrebbero passare sul mio cadavere. Bannate quel deficiente che vi ha detto queste bugie. Fate girare. Grazie.*

Siamo confortati dal post di Emiliano e siamo certi che *nessuno potrà nemmeno pensare di passare sul suo cadavere*. Perché – siamo certi anche di questo – *Emiliano farà di tutto di cancellare dal disegno di legge* (ddl n. 67 del 2/5/2017 recante “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio” trasmesso il 18/5/2017 per l’esame in sede referente della IV e II Commissione consiliare della Regione Puglia, in seduta congiunta) *le previsioni che prevedono proprio il “controllo” (leggasi: abbattimento) dei cani e dei gatti inselvatichiti (comma 4, articolo 31) e l’attuazione di “piani di abbattimento […] delle forme inselvatichite di specie domestiche” (comma 11, articolo 31).*

Le previsioni sono, com’è chiaro, del tutto illegali, *ma non ci rassicura la precisazione contenuta nel comma 5 dello stesso articolo 31* (“Per quanto concerne il controllo dei cani e dei gatti inselvatichiti, sono fatte salve le disposizioni previste dalle normative vigenti.”). *È evidente che cani e gatti non possano essere uccisi, lo prevedono le normative vigenti*. Perché allora inserire in un ddl una norma illegale?

Di Emiliano conosciamo e apprezziamo l’*impegno in sede di ConferenzaStato-Regioni contro lo sterminio dei lupi*. Delle associazioni professionali agricole (di alcune in particolare) conosciamo al contrario la *pulsione ossessiva per un controllo pervasivo della fauna selvatica*; *un controllo che non risolve affatto i presunti problemi causati dai selvatici alle colture, ma serve solo ai cacciatori per sparare, sparare, sparare.* Tra l’altro, nel citato ddl è consentita anche la *caccia con l’arco* (articolo 29).

Siamo quindi certi che Emiliano farà cancellare dal disegno di legge questa “*caxxata totale*” (*che intanto nel testo c’è*). *Lo ha scritto su Facebook, del resto.* E poi siamo sicuri che a lui non piacerebbe veder un cane o un gatto inselvatichito (e chi lo dice, poi, che sia inselvatichito?) colpiti a morte da fucilate o trafitti dai dardi di novelli Robin Hood dai simpaticissimi accenti dei dialetti pugliesi, che possono meglio figurare nell’arte e nella conoscenza, non nella cultura della morte.

[STRALCI]

*Disegno di legge n. 67 del 2/5/2017 recante “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio” trasmesso il 18/5/2017 per l’esame in sede referente della IV e II Commissione consiliare della Regione Puglia, in seduta congiunta.*

*Articolo 31 comma 4*

*(Controlli della fauna e divieti temporanei di caccia)*

4. Il Presidente della Giunta regionale, sentito l’ISPRA, può autorizzare
il controllo di qualsiasi specie di fauna selvatica, nonché dei cani e dei
gatti inselvatichiti, che, moltiplicandosi eccessivamente, arrecano danno
alle colture agricole, al patrimonio faunistico, alle attività e produzioni
zoo-agro-forestali ed ittiche, ai beni storico-artistici. Il controllo può
essere autorizzato anche ai fini di una migliore gestione del patrimonio
zootecnico per la tutela del suolo, per motivi sanitari e per la tutela
della salute pubblica nonché della selezione biologica.

5. … “Per quanto concerne il controllo dei cani e dei gatti inselvatichiti,
sono fatte salve le disposizioni previste dalle normative vigenti.”

11. La Regione, per comprovate ragioni di protezione dei fondi coltivati e
degli allevamenti, può autorizzare, su proposta delle organizzazioni
professionali agricole maggiormente rappresentative a livello nazionale
tramite le loro strutture provinciali, piani di abbattimento, attuati dalle
guardie venatorie con la collaborazione dei proprietari o conduttori dei
fondi sui quali si attuano i piani medesimi, delle forme inselvatichite di
specie domestiche.


*Giovanni Losavio*
*Addetto Stampa Enpa*
*Cell. 347.4736946*

Puglia, caccia a cani e gatti. Post Emiliano ultima modifica: 2017-05-30T18:30:55+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    Doppio scivolone di Emiliano su Facebook, attacca il M5S e smentisce una notizia in parte vera: “Ora chieda scusa”

    “Questo pomeriggio il presidente Emiliano ha dimostrato in un colpo solo di non essere minimamente aggiornato sui provvedimenti in discussione nella Regione che dovrebbe amministrare e di saper arrivare al punto di diffondere notizie completamente false, che purtroppo hanno avuto ampia diffusione, solo per gettare discredito sul M5S e sui suoi militanti, senza neanche essersi preso la briga di effettuare la minima verifica. ”

    Gli otto consiglieri regionali M5S si esprimono in seguito alla pubblicazione sulla pagina ufficiale del Presidente Michele Emiliano di un post che attribuiva ad un non meglio precisato militante 5 stelle, la paternità della diffusione di un “post facebook che dice che in Puglia si aprirà la caccia a cani e gatti”. Una notizia che non era stata diffusa dal M5S ma dalle associazioni animaliste che denunciano alcuni contenuti che sono effettivamente particolarmente ambigui del DDL sulla Caccia n. 67 del 2.05.2017 (a.c. 544/A) (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio) che si discute domani in seduta congiunta di II e IV Commissione.

    “ Due falsità in un colpo solo – incalzano i cinquestelle – non solo non è stato il M5S a diffondere per primo quella notizia che è invece partita da importanti associazioni animaliste ma la notizia che Emiliano tentava di smentire fa riferimento ad un provvedimento che si discute domani e che effettivamente contiene alcuni passaggi quantomeno ambigui, che tirano in ballo le specie domestiche inselvatichite. Passaggi che certamente saranno oggetto di discussione in Commissione. Quello odierno è un episodio che la dice lunga sulla leggerezza spaventosa con la quale Emiliano, che non è certo un cittadino qualsiasi e che ha il dovere di verificare una notizia, gestisce il delicato compito che migliaia di pugliesi gli hanno affidato. Ci auguriamo – concludono –
    che Emiliano smentisca e si scusi con tutti gli attivisti del M5S per questo spiacevole episodio.”

    POST EMILIANO: https://www. facebook.com/micheleemiliano/ posts/10156808101588084

    POST M5S PUGLIA DI REPLICA: https://www.facebook. com/M5SPuglia/photos/a. 1469834003317483.1073741829. 1454735388160678/ 1717197601914454/?type=3& theater

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi