Scuola e Giovani
"Dopo la parata quindi , la nostra lotta vivrà non solo nei luoghi di formazione"

“La nostra posizione sul pride: essere critici, ripartire dalle scuole”

Lanciamo, inoltre, lo sportello “Nessuno Escluso”: punto di riferimento, supporto e condivisione per tutti gli studenti sulle tematiche LGBTQI


Di:

Il 4 Luglio per la prima volta nella storia l’Onda Pride attraverserà anche la città di Foggia. Abbiamo deciso di esserci, ma in maniera critica e caratterizzante, rivendicando il nostro ruolo sociale, perchè riteniamo che la lotta per l’autodeterminazione sessuale e contro le discriminazioni non possa essere normalizzata e privata del suo alto tasso di conflittualità, e che non possa che far parte, quindi, di una lotta più generale al sistema economico, sociale, politico e culturale che le ha alimentate: quello della precarietà, della devastazione territoriale, dell’autoritarismo, del ricatto, delle diseguaglianze, dell’asservimento e dell’austerità economica di cui l’attuale governo, e chi se ne fa portavoce, ne è il primo artefice.

La società per cui lottiamo, così come non conosce sfruttamento e diseguaglianze, non ammette discriminazioni o oppressioni di alcun tipo, figlie di una morale dominante ottusa e bigotta volta al controllo sociale.

La nostra lotta partirà dai luoghi di formazione: come si può pensare infatti di sconfiggere il bullismo omotransfobico e gli stereotipi di genere senza intervenire con un’Educazione alle differenze, alla sessualità e all’affettività nelle scuole, praticandola dal basso collettivamente e rivendicando una presa di posizione chiara di scuole e università ?

Lanciamo, inoltre, lo sportello “Nessuno Escluso”: punto di riferimento, supporto e condivisione per tutti gli studenti sulle tematiche LGBTQI. Nelle aule le discriminazioni avvengono e non è più tempo di rimanere in silenzio. Invitiamo e ci impegniamo tramite questo strumento a denunciare ed attivarci perchè la lotta contro ogni forma di discriminazione si radichi in tutta la società a partire da luoghi nevralgici come le scuole e le università.

Dopo la parata quindi, la nostra lotta vivrà non solo nei luoghi di formazione, nelle strade o nei punti di ritrovo giovanili, ma anche nella solidarietà e complicità con ogni soggetto oppresso impegnato nella lotta per il cambiamento dell’esistente: lavoratori, precari, con tutti i mezzi e con tutte le pratiche !

Uds e Link Foggia – Rete della Conoscenza Puglia

“La nostra posizione sul pride: essere critici, ripartire dalle scuole” ultima modifica: 2015-06-30T00:00:15+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi