Manfredonia
Fonte Ufficio Stampa Comune Manfredonia

Manfredonia, “Il diritto di avere una città pulita, il dovere di mantenerla pulita”

Amministrazione comunale e ASE costantemente in ‘trincea’ per debellare l’abbandono indiscriminato di rifiuti

Di:

Manfredonia. L’ultimo episodio, verificatosi la scorsa notte, poteva mettere a repentaglio l’incolumità umana. Parliamo dell’incendio appiccato ai cumuli di rifiuti e di sfalci di verde in Viale degli Eucalipti, a Siponto (che ha interessato anche un palo della pubblica illuminazione andato parzialmente bruciato): la punta dell’iceberg di un fenomeno che non rende dignità e giustizia, nel 2016, ad una città quale è Manfredonia. Sciagurati ed ignoti individui continuano ad ostinarsi nell’abbandonare indiscriminatamente rifiuti di ogni genere e sfalci di verde proveniente da giardini privati (magari anche per mano di operai ‘irregolari’) in barba a qualsiasi norma e logica di senso civico, riducendo il territorio cittadino, in particolar modo quello di Siponto, ad una discarica a cielo aperto, arrecando gravi problemi di igiene e decoro urbano. Eppure Amministrazione comunale e ‘A.S.E. SpA’ sono costantemente in ‘trincea’ per debellare tale fenomeno, assolvendo con ogni mezzo possibile al proprio compito, ovvero fornire al cittadino un servizio di pulizia.

Sforzi che vanno anche oltre gli interventi di routine quotidiana, come quelli messi in campo per l’intera settimana scorsa, quando l’ASE ha dispiegato le proprie squadre di operatori per far fronte all’aumento esponenziale di rifiuti e sfalci di verde, soprattutto nei pressi dei cassonetti stradali. Ebbene, poche ore dopo, i siti interessati dagli interventi erano stati nuovamente ‘aggrediti’ e deturpati. Le immagine allegate al presente comunicato sono state scattate stamattina a Siponto e dimostrano palesemente che, a fronte di interventi di prevenzione e repressione, poco o nulla sembra cambiare. Una denuncia risoluta parte dalla Pubblica Amministrazione, stanca di vedersi accollate colpe ed accuse di inefficienza, pur non essendo responsabile di tale scempio. Serve un’analisi di coscienza ed un accrescimento di responsabilità da parte dei cittadini (residenti e non), che devono essere attenti e rispettare gli spazi pubblici alla stessa stregua di quelli propri privati. “L’aumento di questi veri e propri reati – commenta il sindaco Angelo Riccardi – non farà arretrare di un solo millimetro l’Amministrazione comunale e l’Ase dal virtuoso percorso della raccolta differenziata, che rappresenta il vero punto di ripartenza ecologica e civica della nostra città. Avere una città pulita è un diritto, mantenerla pulita e rispettarla è un
dovere. Di tutti, nessuno escluso”.

FOTOGALLERY

Ufficio Stampa – Città di Manfredonia



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • tutto scritto

    Ma perché meravigliarsi…prima che partisse la differenziata era stato già detto e scritto…quindi non vedo le novità…sono tutte cose gia risapute…gli unci a non saperlo erano i responsabili dell ase e gli amministratori comunali….


  • Contratto d "ARIA" FALLITO

    ma per favore….siete pagati con milioni di euro di tasse dei manfredoniani….LAVORATE!!!


  • Dino

    Non sono d’accordo, se volete potete depennare questo fenomeno,ma non lo fate. Quante multe sono state inflitte?
    Stiamo parlando di residenti e di Foggiani che tornano nelle loro case estive.
    Stiamo parlando di lidi che abbandonano di tutto davanti i bidoni.
    Stiamo parlando di attività commerciali che lasciano sacchi neri davanti i bidoni.
    Eppure, come lo vediamo noi che andiamo a correre per le vie di Siponto,lo vedono anche i vigili, ma quante multe vengono elevate? Forse bisogna cambiare orario per sorprenderli sul fatto?
    Le pulizia estive con le potature fanno si che ogni giorno ci ritroviamo a vedere questo scenario. Chi paga per queste inciviltà e per i mancati controlli? NOI.


  • Dino

    Inoltre cosa centra la raccolta differenziata in quelle zone?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati