Manfredonia
Sentenza depositata il 29 luglio del 2015

Distribuzione gas naturale a Manfredonia, Tar accoglie ricorso 2i Rete Gas Spa

Gara espletata a seguito di bando pubblicato sulla G.U.C.E. in data 15.01.2011


Di:

Bari/Manfredonia – “(..) Alla luce di quanto sopra esposto, il ricorso di 2i Rete Gas S.p.A. deve essere accolto nei limiti sopra delineati, senza poter, il giudice amministrativo, sostituirsi al Comune di Manfredonia nel valutare la congruità dell’offerta della ricorrente, accertandone il diritto alla aggiudicazione e condannando la stazione appaltante ad affidare la concessione de qua a quest’ultima“. Così i magistrati del Tar Puglia di Bari, II sezione, definitivamente pronunciandosi sul ricorso 1090 del 2013, proposto da 2i Rete Gas S.p.A. ex Enel Rete Gas S.p.A., contro il Comune di Manfredonia, nei confronti di Gasman S.c.p.A., e con l’intervento di ad opponendum: Gas Natural Distribuzione Italia S.p.A..

Al contempo i magistrati del Tar si sono pronunciati definitivamente sul ricorso numero r.g. 1113 del 2013 proposto da: Gas Natural Distribuzione Italia S.p.A., contro Comune di Manfredonia; nei confronti di Gasman S.c.p.A., 2i Rete Gas S.p.A. ex Enel Rete Gas S.p.A., per l’annullamento quanto al ricorso n. 1090 del 2013 – previa sospensione – della Determinazione Dirigenziale n.863 del 09.07.2013, a firma del Dirigente dell’8° Settore (Ambiente), Ing. Simone Lorussi, con la quale il Comune di Manfredonia, approvava gli atti della gara espletata – a seguito di bando pubblicato sulla G.U.C.E. in data 15.01.2011 – per l’affidamento in concessione del servizio pubblico di distribuzione del gas naturale nel territorio comunale, escludeva la Società ricorrente dalla procedura di gara, ritenendone l’offerta anomala, incongrua e non sostenibile, aggiudicava in via definitiva la gara a Gassman S.c.p.A.; dei verbali delle sedute della Commissione giudicatrice relativi al sub-procedimento di verifica di anomalia dell’offerta di Enel Rete Gas S.p.A.; di ogni atto preordinato, consequenziale e comunque connesso; per l’accertamento del diritto della Società ricorrente all’aggiudicazione della predetta gara e all’affidamento della concessione che ne è oggetto, ovvero, in subordine, al risarcimento del danno per equivalente economico; per la condanna del Comune di Manfredonia a provvedere all’aggiudicazione della gara e all’affidamento della concessione a favore della Società ricorrente, ovvero, in subordine, al risarcimento del danno, da quantificarsi in corso di giudizio; ed inoltre per la declaratoria di inefficacia del contratto di affidamento del servizio e del contratto di concessione amministrativa per l’accesso alle infrastrutture che fossero eventualmente stipulati con l’attuale aggiudicataria, nonché del diritto della Società ricorrente al subentro nei medesimi contratti e per la condanna del Comune di Manfredonia a dare esecuzione al suddetto subentro. In via subordinata all’accoglimento del ricorso di 2i Rete Gas S.p.A., ricorso incidentale di Gasman S.c.p.A. che solleva motivi di ricorso volti ad annullare l’intera gara.

Quanto al ricorso n. 1113 del 2013: previa sospensiva – della determinazione 9 luglio 2013 n. 863, con cui il Comune di Manfredonia ha definitivamente aggiudicato a Gasman S.c.p.A. il servizio pubblico locale di distribuzione del gas naturale, approvando altresì tutti gli atti della procedura selettiva; del par. VI.3 del bando e 7 del disciplinare, nella parte in cui è prevista una fase negoziata successiva alla procedura ristretta; motivi aggiunti nell’interesse di Gas Natural Distribuzione Italia S.P.A. depositati in data 18 Settembre 2013.

Ricorso Incidentale di 2i Rete Gas S.p.A. depositato in data 23.10.2013.
Ricorso Incidentale di Gasman S.c.p.A. depositato in data 29.10.2013.

Relatore nell’udienza pubblica del giorno 18 giugno 2015 la dott.ssa Flavia Risso.

SUL CONTRATTO.(..) Per quanto riguarda il contratto di che trattasi, il Collegio non può che prendere atto di quanto dichiarato nella domanda di riunione della domanda cautelare al merito depositata in data 13.9.2013 e cioè che “tutti i difensori delle parti costituite in giudizio hanno “aderito” a detta “proposta” di “riunione”, anche dinanzi alla circostanza che il legale del Comune di Manfredonia ha rappresentato che la Stazione Appaltante non avrebbe proceduto alla stipula del contratto di appalto fino alla decisione del merito del ricorso n. 1090/2013”, dalla quale si deve dedurre che ad oggi il Comune di Manfredonia non abbia ancora stipulato il contratto de quo. Considerata l’estrema complessità della vicenda in esame il Collegio ritiene che sussistano giustificati motivi per disporre l’integrale compensazione tra le parti delle spese del presente giudizio”.

DISPOSIZIONI. Il Tar Puglia ha accolto nei limiti e termini di cui in motivazione il ricorso principale R.G. 1090/2013 di 2i Rete Gas S.p.A.;
ha accolto nei termini di cui in motivazione il ricorso incidentale di 2i Rete Gas S.p.A. presentato in relazione al ricorso R.G. n. 1113/2013;
ha dichiarato inammissibile il ricorso principale, integrato da motivi aggiunti, presentato da Gas Natural Distribuzione Italia S.p.A. R.G. n. 1113/2013;
ha dichiarato improcedibile il ricorso incidentale presentato da Gasman S.c.p.A. con riferimento al ricorso R.G. n. 1090/2013, nonché il ricorso incidentale presentato da Gasman S.c.p.A. nel ricorso R.G. n. 1113/2013.


SENTENZA INTEGRALE – DEPOSITATA IL 29.07.2015


Redazione Statoquotidiano@riproduzioneriservata

Distribuzione gas naturale a Manfredonia, Tar accoglie ricorso 2i Rete Gas Spa ultima modifica: 2015-07-30T01:46:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Francesco

    La redazione e/o esperti mi aiutino a capire le cause e gli effetti di questa sentenza del TAR. Il TAR ha accolto il ricorso di 2i Rete Gas S.p.A contro il Comune di Manfredonia e la Gasman S.c.p.A. per una gara indetta nel 2010 e svolta nel 2013. Il ricorso è stato accolto in quanto, capisco io, la commissione valutatrice dell’appalto, nominata dal Comune di Manfredonia, non ha valutato, in buona fede spero, la documentazione presentata per partecipare e vincere l’appalto ad un costo molto più basso dell’attuale gestore della rete. Allora chi paga i costi del TAR, chi il maggiore onere sostenuto in questi due anni, sostenuti con il vecchio contratto, più oneroso dell’offerta, più che congrua ed affidabile, di 2i Rete Gas Spa? Se c’è un danno per il Comune, cioè per tutti i cittadini di Manfredonia, bisogna chiedere i danni alla Commissione valutatrice? Per ultimo una gara indetta nel 2010 perché viene espletata nel 2013? Per mantenere lo status quo, rivelatosi alla fine più costoso.


  • Redazione

    Buongiorno sig. Francesco, per quanto riguarda le spese relative al TAR: – “Considerata l’estrema complessità della vicenda in esame il Collegio ritiene che sussistano giustificati motivi per disporre l’integrale compensazione tra le parti (vedasi sentenza allegata al testo,ndr) delle spese del presente giudizio”.
    – La gara è stata espletata “a seguito di bando pubblicato sulla G.U.C.E. in data 15.01.2011”. Da raccolta dati, i ritardi sono dovuti all’elaborazione di uno studio di fattibilità poi risultato superfluo causa la mancanza di requisiti di un’ATI che avrebbe dovuto gestire il servizio.
    -Per l’ipotetico danno si parlerebbe di una somma pari a 1.800.000 euro (600mila euro per 36 mesi). Al momento non ci sono certezze su possibili risarcimenti in favore del Comune di Manfredonia. Seguono aggiornamenti. Grazie, Statoquotidiano.it – segreteria@statoquotidiano.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This