EconomiaStato prima
Le dichiarazioni predisposte dalle Entrate sono state 20,4 milioni, un milione in più rispetto ai 730 inviati l’anno scorso

Inviati 19 milioni di 730 precompilati, 93% del totale

Su 20.442.683 di dichiarazioni precompilate dalle Entrate, sono stati inviati tramite intermediari o in fai da te 19 milioni di modelli


Di:

Roma – La precompilata taglia il traguardo: nel primo anno di introduzione sperimentale, le dichiarazioni predisposte dalle Entrate sono state 20,4 milioni, un milione in più rispetto ai 730 inviati l’anno scorso, quando si erano fermati a quota 19,4 milioni. Sul totale di 20.442.683 dichiarazioni precompilate dal Fisco, con l’ausilio del partner tecnologico Sogei, 1.414.478 sono state inviate direttamente dai contribuenti online, mentre 17.627.068 sono state inviate tramite Caf e intermediari. Questi cittadini non dovranno più conservare scontrini e ricevute delle spese: il Fisco li chiederà esclusivamente agli intermediari. È questo il bilancio conclusivo dell’“operazione precompilata”, lanciata il 15 aprile con l’apertura del canale sul sito delle Entrate, che ha portato, inoltre, a una crescita esponenziale dei Pin richiesti per accedere ai servizi online dell’Agenzia. Ad operazione conclusa, infatti, gli utenti di Fisconline raggiungono quota 4 milioni e 500mila. 93 contribuenti su 100 utilizzano la precompilata – Su 20.442.683 di dichiarazioni precompilate dalle Entrate, sono stati inviati tramite intermediari o in fai da te 19 milioni di modelli (il 93% del totale). Nel dettaglio: 17.627.068 dichiarazioni sono state inviate tramite Caf e intermediari, mentre 1.414.478 sono state inviate direttamente dai contribuenti.

La precompilata dà la carica ai servizi telematici – Grazie al nuovo 730, sono cresciuti esponenzialmente i contribuenti che hanno richiesto e ottenuto le credenziali di accesso ai
servizi online dell’Agenzia delle Entrate, lasciapassare per la dichiarazione precompilata. Dall’inizio dell’anno a oggi, sono stati 2,5 milioni i pin rilasciati. Raggiunta così in volata
la quota di 4,5 milioni di contribuenti abilitati a Fisconline. Sommati agli oltre 4,8 milioni di cittadini già in possesso del Pin dispositivo dell’Inps, arriva a a 9,1 milioni il numero di italiani che, nel primo anno di introduzione della precompilata, hanno avuto l’opportunità di accedere direttamente online alla propria dichiarazione e decidere se accettarla o
modificarla in totale autonomia. Assistenza a tutto campo, così le Entrate sono state al fianco del cittadino – Un vero e proprio sito dedicato alla precompilata, che ha accompagnato i contribuenti passo dopo passo, guidandoli nel nuovo percorso semplificato della dichiarazione 730, con le date da ricordare e le risposte ai quesiti più frequenti, ha aperto il filone di assistenza multimediale alla nuova dichiarazione dei redditi. Online sul sito dell’Agenzia anche la mini guida con tutte le info in pillole, dai destinatari ai vantaggi del nuovo modello, dai dati già pronti a quelli da inserire o correggere. Sul canale YouTube dell’Agenzia, Entrate in Video (https://www.youtube.com/user/Entrateinvideo), pubblicati in rete i video tutorial sulla
precompilata. Sempre sul canale YouTube dell’Agenzia, disponibili dal momento della messa in onda i due spot realizzati dal Dipartimento per l’informazione e l’editoria della
Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero dell’Economia e delle Finanze insieme all’Agenzia delle Entrate, per sensibilizzare i cittadini sull’opportunità di accedere al
proprio 730 già compilato sul sito delle Entrate. Informazioni e assistenza sulla precompilata sono state diffuse anche via Twitter, attraverso il profilo istituzionale delle
Entrate, che in occasione della nuova dichiarazione ha aperto delle sessioni di dialogo con i contribuenti.

Inviati 19 milioni di 730 precompilati, 93% del totale ultima modifica: 2015-07-30T09:55:17+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This