CapitanataManfredonia
Nota presidente Coldiretti Capitanata: "nel frattempo le industrie del pomodoro ne approfittano per fare terrorismo psicologico, sostenendo che gli ettari piantati a pomodoro sono tantissimi"

Ondate di calore, De Filippo: “allarme pomodoro in Provincia di Foggia”

"L'auspicio - conclude De Filippo - è che l'industria di trasformazione riveda i comportamenti meno tendenti ad azioni speculari, che non possono più essere sopportati dal comparto pomodoricolo"


Di:

Foggia – “L’EMERGENZA caldo si ripercuote in maniera dominante sul pomodoro da industria, già di per sé in seria difficoltà a causa della virosi che, in particolare, è presente nella zona del sud del Foggiano, nei comuni di Ortanova, Stornara, Ordona e nei comuni più Ofantini della Capitanata. I picchi di caldo continuati e ripetuti nel tempo, con temperature di 42 – 44 gradi, hanno colpito soprattutto la parte tardiva del raccolto del pomodoro comportando un aborto floreale”. Lo dichiara il Presidente di Coldiretti di Capitanata Giuseppe De Filippo.

“Nel frattempo le industrie del pomodoro ne approfittano per fare terrorismo psicologico, sostenendo che gli ettari piantati a pomodoro sono tantissimi, ma non tenendo conto, d’altro canto, che le rese sono nettamente inferiori rispetto all’anno scorso a causa del grande caldo e dell’andamento stagionale;prima il freddo nelle fase iniziale dei trapianti e poi il caldo continuato ed eccessivo per molti giorni hanno, sicuramente, fatto un altro danno come anche la ricomparsa in molti areali del Foggiano della virosi, che è una malattia contro la quale ancora oggi non c’è rimedio. L’auspicio – conclude De Filippo – è che l’industria di trasformazione riveda i comportamenti meno tendenti ad azioni speculari, che non possono più essere sopportati dal comparto pomodoricolo”.

Redazione Stato

Ondate di calore, De Filippo: “allarme pomodoro in Provincia di Foggia” ultima modifica: 2015-07-30T14:34:38+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This