Eventi

‘Paisà! Canto e ballo per gli emigranti’, omaggio all’artista Luciano Gatta


Di:

Mangano a Manfredonia

Mangano a Manfredonia (Stato)

Manfredonia – TERMINATA l’esibizione di Michele Mangano e la sua orchestra Partepugliapartenopea, con lo spettacolo “ Paisà! Canto e ballo per gli emigranti”, esibizione svoltasi a Manfredonia il 27 agosto, in piazza Duomo, in occasione dell’apertura della Festa Patronale dedicata a Maria SS. Di Siponto.

Coadiuvati da 16 musicisti provenienti da diverse esperienze musicali, tra cui blues, jazz, popolare e classiche, I Danzanova e Michele Mangano hanno suonato connessi alle geometrie sonore del raffinato compositore e pianista Florian Guglietta e dei suoi Briganti.

NUMEROSO il pubbico. Il maestro Mangano, che da sempre ha caratterizzato la sua attività di ricerche nella tradizione, “con un occhio sempre proteso verso le culture che, seppur differenti apparentemente da quella italica, sono alla stessa connessa”, ha avuto l’intuizione di rivisitare stilisticamente il “sound” popolare per ri-portarlo alla conoscenza del grande pubblico.

Mangano ha aperto lo spettacolo dedicandolo all’artista locale Luciano Gatta, amico del’artista di Monte Sant’Angelo e “di tutto il popolo di Manfredonia”, capace di “contagiare con la sua gioia e la sua passione, grazie all’interpretazione delle canzoni dei grandi della musica italiana, ma anche le canzoni di cui lui stesso era autore”.

L’ORCHIESTA Partepugliapartenopea rappresenta, come ha detto Mangano, “un vero e proprio viaggio che parte dalla Campania e si sposta man mano verso il Gargano, il Salento, la Basilicata e la Calabria”, “un viaggio in tutto il Sud Italia ricco di tradizioni e storie da raccontare”, ovviamente non seguendo i soliti schemi della musica popolare, che a detta di Mangano “vedono un totale appiattimento della musica, visto che ognuno non fa altro che copiare il lavoro dell’altro e quindi inevitabilmente si sente sempre la stessa canzone”, e dimostrando che i generi più diversi, se ben studiati possono convivere e generare dei connubi di qualità eccezionale come è successo appunto al nuovo progetto di Mangano. Artista che ha saputo coinvolgere il pubblico nei canti e intonare con loro una spettacolare versione di Brigante Se More.

Concludendo afferma Mangano “la più grande soddisfazione, oltre a tutto il resto, è stata quella di vedere una piazza Duomo gremita di un pubblico presente e attivo dall’inizio e fino all’ultimo minuto di spettacolo, e questo a riprova dell’interesse che lo spettacolo ha suscitato nel pubblico stesso, e di questo ringrazio la popolazione di Manfredonia, il sindaco Riccardi e il presidente del Comitato Festa Patronale Troiano che hanno fortemente voluto dare un’impronta tra tradizione e innovazione a questa edizione della Festa Patronale”.

‘Paisà! Canto e ballo per gli emigranti’, omaggio all’artista Luciano Gatta ultima modifica: 2010-08-30T16:45:55+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi