Manfredonia
Appuntamento alle ore 21.30 in Piazza con il “negro bianco”

Manfredonia, questa sera il concerto in piazza di Fausto Leali

In Piazza Papa Giovanni XXIII il racconto di ben cinquantacinque anni di grandi successi

Di:

Manfredonia. Dopo l’accensione delle splendide luminarie di Marianolight, l’inaugurazione della mostra “Patroni di Puglia”, la banda in festa e in cammino e l’emozionante concerto di Valentina Tesio, Luca Tudisca e Paola Marotta all’interno del Rete Smash Summer Tour, la Festa della Madonna 2016, organizzata dall’Agenzia del Turismo e dal Comitato Festa Patronale, entrambi coordinati da Saverio Mazzone, entra nel vivo e nel cuore della sua programmazione. Questa sera, prima del gran concerto di domani con Giuliano Palma, attesissimo live di Fausto Leali in Piazza Papa Giovanni XXIII.

Il programma odierno, però, che si svolgerà dopo il tradizionale sparo di mortaretti e il giro per le vie della città della Banda “Città di Manfredonia”, comincerà alle ore 11.00 con la Solenne Celebrazione Eucaristica Pontificale presieduta da Sua Ecc.za Mons. Michele Castoro, Arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo.

In contemporanea, alle ore 11.10 in Piazza del Popolo, Matinèe con il Premiato Gran Concerto Bandistico Città di Conversano “G. Piantoni”, diretto dal Maestro Susanna Pescetti. In programma: “La Bohème” di Giacomo Puccini e “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni. Nel pomeriggio, invece, alle ore 18.00 Concerto di Saluto della Banda Musicale Città di Manfredonia alla “Casa della Vita Anna Rizzi”, mentre alle ore 19.00, presso “Le Basiliche” a Siponto, appuntamento con “Racconti e canti di Francia e di Puglia” di e con Luigi Rignanese de la “Compagnie d’A!” (Marsiglia) e la Bottega degli Apocrifi di Manfredonia. Alle ore 20.30, al Chiostro di Palazzo San Domenico, secondo momento musicale del Premiato Gran Concerto Bandistico Città di Conversano “G. Piantoni” che eseguirà “Sansone e Dalila” di Camille Saint-Saëns, “La Sonnambula_Concerto per Clarinetto” di Vincenzo Bellini, “Turandot” di Giacomo Puccini, “Il Barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini e la “Fantasia Italiana” di autori diversi.

Appuntamento alle ore 21.30 in Piazza con il “negro bianco”

Alle 21.30, in Piazza Papa Giovanni XXIII, grande attesa per il ritorno in città di un grande protagonista della musica italiana. A calcare il palco della seconda giornata della Festa della Madonna sarà Fausto Leali, la voce nera più apprezzata ed applaudita di tutti i tempi. Per lui, con ben cinquantacinque anni di carriera e 24 album pubblicati, potrebbero parlare e descriverlo i titoli dei suoi più grandi successi: “Ti lascerò”, “Mi Manchi”, “A chi”, “Io Camminerò”, “Io amo” e “Deborah”. In un concerto emozionante si svolgerà il racconto di mezzo secolo di carriera, quella del primo soulman italiano, gran frequentatore del Festival di Sanremo con ben tredici presenze.

E di cose da dire (e cantare) Leali, con le sue canzoni e la sua storia, ne ha, eccome: dal suo debutto, ancora ragazzino, a quella volta che si trovò ad aprire il tour italiano dei Beatles nel ’65, per arrivare ai grandi successi, agl’incontri e alle collaborazioni con i giganti della musica: con Mina e il duetto “Via di qua”, Enzo Jannacci, Lucio Battisti, Loredana Bertè, Toto Cutugno (che per lui ha scritto “Io Amo”), Francesco De Gregori, Zucchero, Renzo Arbore e Claudio Villa. Una carriera vissuta fra musica, film, televisione e magiche notti, le “sue notti piene di stelle”, ultimamente raccontate in un libro pubblicato da Rizzoli e scritto assieme al giornalista Massimo Poggini, carriera che cercherà di ricreare ed evocare questa sera con la sua calda ed intensa voce.

Il programma civile, dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 18.00 alle ore 23.00 al Chiostro di Palazzo San Domenico, verrà arricchito dall’esposizione della mostra fotografica “Patroni di Puglia – la festa”.

Ufficio Stampa e Comunicazione Manfredonia Turismo – Agenzia di Promozione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Saverio

    A domand nu né chi è???? A domand è perché è toccato a noi???

  • Quest’anno la palma d’oro della migliore estate l’ha vinta Monte Sant’Angelo con i suoi concerti e i suoi dibattiti. Monte è diventata la capitale della Cultura nel Gargano.


  • VERITA

    PER I FORBICIONI FALSI GODETEVI LA FESTA..A BUZ E MANC T I CASTAGN……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati