ManfredoniaRicordi di storia
Duje sande tarlete

Papolede e Ciangicche de Festa Madonne

A cura di Franco Rinaldi

Di:

PAPOLEDE E CIANGICCHE DE FESTA MADONNE (Duje sande tarlete)

Mbuseméte fore a porte da cchiò de n’ore
Ciangicche de voce alla megghjere:
“Papò fa sobbete, speccete,
ca mo rrive a preggessjone !”
N’anne je passéte
e Papolede c’ji ngrasséte,
i ruzzille attorne a panze,
sope e sotte a ffè la danze.
“Aspitte…mo venghe Ciangì,
famme mette prime a pangire”.
Allu prime tendatuve,
e tutta rosse pi sckanije,
ce sguarre lu taerre
e Papolede de cule ndèrre.
Ndande arreve a preggessione,
e Ciangicche berbòtte angore,
e Papolede d’addrota a rote,
fe segne c’assì n’ji pote.
Pure auànne je scarugnéte,
pe sti dùje sande tarléte,
e pe farce na cammenéte,
na spettè n’ata vernete.

FRANCO RINALDI – 1980

*A Manfredonia i “sande tarlete” erano quelle persone che un tempo non uscivano mai di casa, tranne che in qualche occasione importante come la Festa Patronale, allorquando si vestivano a festa per farsi la sospirata passeggiata “a spacchete pa chiazze”.

Processione della Madonna di Siponto negli anni '60

Processione della Madonna di Siponto negli anni ’60

(A cura di Franco Rinaldi, cultore di storia e tradizioni popolari di Manfredonia)

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
2

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati