Cronaca

Regione, concluse le audizioni sulle modifiche alle norme per la Via

Di:

Rinnovabili (image:lastampa)

Rinnovabili (image:lastampa.it)

Bari – SI conclude in quarta e quinta commissione congiunte, il percorso di audizione relativo alle modifiche alle norme sulla valutazione dell’impatto ambientale. “L’obiettivo di questa iniziativa legislativa – ha spiegato l’assessore all’ambiente, Lorenzo Nicastro – è quello di fornire indirizzi operativi e programmatici che consentano da un lato, di indirizzare lo sviluppo di nuovo eolico o fotovoltaico verso nuove frontiere e dall’altro di sviluppare nuovi segmenti di produzione di energia da fonti rinnovabili”.

Il presidente della quinta commissione, Donato Pentassuglia, ha ricordato che la Regione Puglia rappresenta una delle punte più avanzate nello scenario nazionale in tema di sviluppo energetico delle fonti alternative”. “Tale primato – ha continuato Pentassuglia – è il frutto di politiche avanzate, di contributi economici allo sviluppo delle rinnovabili, nonché di un quadro normativo regionale che ha promosso, negli ultimi anni, numerosi insediamenti industriali di produzione di energia, in particolare nel settore dell’eolico e del fotovoltaico”.

Il Piano energetico ambientale regionale approvato nel 2007, rappresenta il quadro programmatico di riferimento per le questioni energetiche. In tale documento pur non rilevando limiti vincolanti alla produzione di energia da fonti alternative, vengono forniti valori obiettivo per le varie fonti rinnovabili (4000 MW per la produzione di energia elettrica da eolico e 200 MW per la produzione di energia elettrica da fotovoltaico). Tali valori, dai dati a disposizione, risultano ampiamente raggiunti “con il rischio – ha sottolineato l’assessore Nicastro – che tutto ciò si possa tradurre in un notevole impatto ambientale sul territorio in termini di uso delle risorsa suolo e di tutela delle risorse ambientali e paesaggistiche.

“In tal senso – ha concluso Nicastro – si ritiene di intervenire e modificare l’attuale quadro normativo regionale in materia di Via”. Dalle audizioni (rappresentanti delle province, WWF, Confindustria Puglia, Italia Nostra ecc.) è emersa la necessità di “non disperdere lo sforzo fatto dal governo Vendola nella precedente legislatura e di non creare sostanziali difformità”, sottolineando che “questa politica ambientale ha ottenuto il plauso generale, ed ha consentito al governatore di diventare una sorta di paladino delle fonte rinnovabili, come scelta di civiltà”.

Redazione Stato

Regione, concluse le audizioni sulle modifiche alle norme per la Via ultima modifica: 2010-09-30T00:30:13+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi